Immagine di profilo di eva zenith
Altre Notizie dell'utente


Domande di un sempliciotto
1 - Siamo felici per la liberazione del povero soldato israeliano, prigioniero di hamas da 5 anni. Ma che fine ha fatto l'arrogante principio del "non trattiamo coi terroristi"? Anche fra i rapiti ci...



Chi vi ricordano questi tre?
1. Vidkun Abraham Lauritz Jonssøn Quisling è stato un militare e politico norvegese. Ufficiale dell'esercito e discusso politico, fu uno dei più famosi collaborazionisti, mettendosi al delle forze...



L' illusione dei Centri per l'Impiego e del reddito di cittadinanza
I Centri per l'impiego (Cpi) sono strutture pubbliche, coordinate dalle Regioni, che favoriscono sul territorio l'incontro tra domanda e offerta di lavoro e attuano iniziative e interventi di...



Paradossi della diversità (Guido Contessa)
La società è costituita da migliaia di gruppi, uno diverso dall'altro. L'identità di ciascuno è definita da un perimetro più o meno ampio. Se è più...



Domande di un sempliciotto (3)... sul naufragio del Giglio
Queste navi ultramoderne non hanno un sonar, che avvisa se hanno di fronte uno scoglio? Non esiste un sistema, come quello per gli aerei, che controlla da terra le rotte (almeno vicino alla costa)...



Illusioni compensatorie
La voce del mondo ogni giorno ti urla: "non sei nessuno, non conti niente, non vali niente, non esisti". Droghe, farmaci, violenza, alcol, gioco d'azzardo, social networks sono modi illusori di...



Regime, retorica e dialettica
In Italia, nè centro-destra nè centro-sinistra sanno governare: sono bravi solo nel saccheggio. Ci sono tuttavia due cose nelle quali i politici di sinistra e centro-sinistra sono molto più bravi: la...



I crimini di Obama
La saggia decisione del governo pakistano di abbattere la casa di Bin laden, per evitare che possa diventare un santuario, riporta alla mente l'assurdità della politica internazionale e la servitù...



Due domande sulla questione marò
1. Invece delle tante chiacchiere perchè non ci dicono se i marò sono colpevoli o innocenti? 2. Militari a difesa di navi cargo: prossimamente dobbiamo aspettarci militari davanti alle banche o al...



Indignados: neo-luddisti confusi?
Di eva zenith · creato il 22/10/2011 19:38 · vista 1918 volte · POLITICA · LOMBARDIA


"Luddismo ( fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Luddismo) Per luddismo si intende un movimento popolare sviluppatosi in Inghilterra all'inizio del XIX secolo caratterizzato dalla lotta all'introduzione delle macchine. Il movimento prende il nome da Ned Ludd, la cui esistenza è incerta, che nel 1779 spezzò un telaio in segno di protesta. Le macchine erano considerate la causa della disoccupazione e dei bassi salari già da fine Settecento e la legge ne puniva duramente la distruzione o il danneggiamento. Solo verso il 1811-1812 la protesta sfociò in un movimento che vide protagonisti operai e lavoratori a domicilio. Questi, impoveriti dallo sviluppo industriale, decisero di colpire impianti, macchine e prodotti. Per sfuggire ai rigori della legge che vietava ogni associazione tra lavoratori, i luddisti dovettero agire in clandestinità, subendo condanne a morte e deportazioni. Oltre a manifestare contro i nuovi metodi di produzione e a favore di precedenti forme di produzione legate al lavoro a domicilio, i luddisti posero i problemi che sarebbero stati fatti propri in seguito dalle organizzazioni sindacali (la cui nascita, come Trade Unions, risale appunto al 1824), come gli orari e le condizioni di lavoro, i minimi salari, il lavoro minorile e femminile. Epoca recente Il termine luddismo ha avuto un ritorno di interesse in epoca recente, in seguito alla clamorosa presa di posizione contro l'informatica in generale, e internet e i mass media in particolare, da parte del cantante pop Elton John. In un'intervista rilasciata ad agosto 2007 al tabloid britannico The Sun[1], l'artista, appellandosi appunto al neo-luddismo[2] e alla sua idiosincrasia per le tecnologie, ha suggerito l'ipotesi di una chiusura del web per almeno cinque anni per favorire il ritorno ad una maggiore creatività artistica libera dagli schemi e dalle gabbie che, a suo dire, impone il nuovo mezzo di comunicazione." Il movimento degli indignados nelle diverse versioni di "Occupy Wall Street", primavere maghrebine e rivolta greca, ricordano il vecchio luddismo perchè si ribellano (anche giustamente) a qualcosa, ma senza avere un progetto. In verità non è nemmeno chiaro l'oggetto della ribellione: le banche, le Borse, i dittatori, l'Europa, il precariato. Spesso l'oggetto della ribellione sembra un simulacro delle vere cause del disagio. Gli indignati americani odiano i finanzieri, ma trascurano di prendersela con un Congresso e un Presidente che li hanno lasciati impuniti per decenni. I rivoltosi del nord-africa se la prendono coi dittatori, restando però imperturbabili se al posto di quelli arrivano i loro vice, i loro ministri, i loro sodali e il neo-colonialismo europeo. I greci non vogliono pagare il debito, dimenticando che è la maggioranza del popolo greco che l'ha creato. In Italia, come sempre, le cose sono ancora più confuse. Si chiedono la difesa di tutti i tradizionali diritti degli occupati, ma anche il lavoro per i precari e i disoccupati. Più interventi statali, ma meno tasse. Case per tutti, ma meno cementificazione. Sviluppo economico, ma nessuna grande opera. I cattivi sono tutti gli altri, fuorchè noi, la nostra famiglia e il nostro gruppo politico. L'idea sembra quella di "distruggere la macchina" senza la più pallida idea di cosa mettere al suo posto.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011