Immagine di profilo di eva zenith
Altre Notizie dell'utente


I crimini di Obama
La saggia decisione del governo pakistano di abbattere la casa di Bin laden, per evitare che possa diventare un santuario, riporta alla mente l'assurdità della politica internazionale e la servitù...



Il progresso è finito
Fino agli anni settanta l'Occidente si è sviluppato sulla promessa di un progresso indefinito. Il progresso era una promessa del capitalismo, della scienza e della politica di rendere la vita sempre...



Guerre, migrazioni e sviluppo occidentale
Dal '600 al '900 l'enorme sviluppo economico dell'Occidente è stato favorito dalle macchine, ma si è basato sulla violenza dello schiavismo e del colonialismo. Il furto di uomini...



Crimini della terza guerra mondiale
Dal 2001 a oggi in Afghanistan 67 mila esseri umani morti, di cui 15 mila civili. 730 mila sfollati solo negli ultimi cinque anni. La povertà assoluta è salita dal 23 al 36 per...



INVITO
PARTECIPA ANCHE TU



Se questo non è un golpe......! La messa in stato di accusa è obbligatoria.
La dietrologia, i pettegolezzi, le interpretazioni complottiste sono il tipico frutto dei beceri mass media italiani. La situazione attuale va analizzata sui fatti. E i fatti sono che il Presidente...



La società stupefacente: perchè il circo Barnum è morto?
"Quante persone ci sono in questa strada, un centinaio? Quante sono le persone intelligenti, sette, otto? Bene, io lavoro per le altre novantadue. (Barnum citato in Curzio Maltese, "Come ti sei...



Pensieri brevi sul Coronavirus
Ma quanto siamo stupidi?Consiglio televisivo: non stringete le mani. Poi appare il grande premier che scende dalla macchina e stringe le mani a tutti.I bar chiusi dalle 18 alle 06. Durante il giorno...



Centomila processi per la strage di Stato
Appena finita la tempesta del virus si scatenerà uno tsunami giudiziario, non contro gli operatori anch'essi vittime, ma contro lo Stato imprenditore della Sanità: dai Governi ai...



Regime, retorica e dialettica
Di eva zenith · creato il 18/10/2011 17:38 · vista 1870 volte · POLITICA · LOMBARDIA


In Italia, nè centro-destra nè centro-sinistra sanno governare: sono bravi solo nel saccheggio. Ci sono tuttavia due cose nelle quali i politici di sinistra e centro-sinistra sono molto più bravi: la retorica e la dialettica. Sarà anche per questo che molti pensano che la sinistra abbia una "vocazione" all'opposizione. Il fenomeno è del tutto evidente se pensiamo ai politici della sinistra o del centro-sinistra figli del partito comunista e della democrazia cristiana, addestrati da mezzo secolo di conflitto politico. Nei talk shows, anche quando il conduttore è palesemente a favore della maggioranza di governo, l'opposizione (e in particolare gli ex democristiani e gli ex comunisti) fa fare ai rappresentanti del governo la figura di studenti impreparati di fronte a professori severi. In genere, il tempo occupato dagli oppositori è il doppio di quello usato dai governativi. Doppio è anche il numero di interruzioni dei secondi ad opera dei primi. Ma il dislivello fra le due parti è soprattutto evidente negli atteggiamenti. L'opposizione è sempre all'attacco e la maggioranza sempre in difesa. Dal punto di vista dialettico, chi attacca ha un evidente vantaggio su chi si difende. Difendersi è già un'ammissione di inferiorità. Questo vale in ogni competizione: nel calcio come nella boxe, nelle trattative d'affari come in politica. Nessuno ha mai costruito un impero limitandosi a difendere i castelli. Chi si difende ha minore aggressività, meno fiducia in se stesso, obiettivi minimali. La vittoria di chi si difende consiste nel lasciare lo status quo; la vittoria di chi attacca è nella distruzione del nemico e nel saccheggio. Se va bene a chi attacca, il premio è la conquista. Se va bene a chi si difende, il premio è il pareggio. L'impressione di chi osserva è che chi attacca sia più coraggioso, più forte, più audace: e forse anche più vicino alla volontà divina. La Storia ricorda i conquistatori, raramente i difensori. I politici della sinistra e del centro-sinistra sono anche più bravi nella retorica. L'Italia è un Paese culturalmente cattolico, conservatore e familistico. "Dio, patria e famiglia" è lo slogan fascista che ancora ispira gli italiani, anche se come pura retorica. Pochi italiani (e nessuno dei politici) vivono secondo questo slogan , ma quasi tutti fanno finta di crederci sul serio. I mass media adorano richiamarlo, come base di tutte le retoriche. Questo è chiarissimo ai politici dell'opposizione che sanno sfoderare religiosità, patriottismo e familismo con impareggiabile acutezza e verosimiglianza. I politici della maggioranza non sono affatto bravi nell'uso della retorica e quando vi ricorrono, faticano ad essere credibili. Questa differenza è evidente nelle manifestazioni pubbliche (funerali, feste, cortei, commemorazioni). I politici dell'opposizione danno molta importanza a queste occasioni e sfoderano qui un repertorio retorico degno di Cicerone. I politici della maggioranza, quando non sono assenti, vanno alle manifestazioni pubbliche con l'aria di essere mandati dal capufficio. I discorsi dei politici dell'opposizione sono grondanti di etica, che fanno presa su un popolo dominato dai sensi di colpa. I discorsi dei politici di maggioranza tendono invece al realismo, al cinismo, alla concreteza che sono dimensioni estranee alla retorica italiana.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011