Immagine di profilo di eva zenith
Altre Notizie dell'utente


Diario dell'Italia tragicomica
I futures in politicaI futures sono un gioco d'azzardo finanziario per cui qualcuno vende qualcosa che non ha ma comprerà fra sei mesi. Adesso vanno di moda anche in politica.Il Berlusca cerca...



Presidenzialismo
Per quelli che non hanno voluto l'impeachment....



Appalti legalmente truccati *
Da almeno 30 anni, esistono solo appalti truccati "legalmente". Non esitono appalti sostanzialmente regolari, ma solo appalti formalmente regolari. Lo sanno tutti coloro che hanno partecipato ad un...



Speculatori e agenzie di rating: le favole di una civiltà al collasso
... Varie sono le definizioni di speculazione date dalle diverse correnti di pensiero economico. Nell'ambito dell'economia capitalistica due sono fondamentali: quella keynesiana e quella...



Perchè l'Italia non uscira dalla crisi prima del 2050
1. Nell'economia, secondo un indice di efficienza ed efficacia delle imprese, il nostro Paese si piazza al 44imo posto su 51, superato anche dalla Grecia (IMD International). 2. In base agli...



Crimini della terza guerra mondiale
Dal 2001 a oggi in Afghanistan 67 mila esseri umani morti, di cui 15 mila civili. 730 mila sfollati solo negli ultimi cinque anni. La povertà assoluta è salita dal 23 al 36 per...



Chi vi ricordano questi tre?
1. Vidkun Abraham Lauritz Jonssøn Quisling è stato un militare e politico norvegese. Ufficiale dell'esercito e discusso politico, fu uno dei più famosi collaborazionisti, mettendosi al delle forze...



Le riforme per l'occupazione (che non faremo)
C'è un solo modo di sviluppare ricchezza e occupazione: aumentare il numero delle imprese. Cosa blocca lo sviluppo del numero di imprese? La burocrazia e la tassazione, ma anche la giustizia,...



I responsabili
Non basta recriminare sui costi del barbiere, del ristorante e degli stenografi del Parlamento. E' ora di ricordare che ci sono dei responsabili politici di questo scandalo. Cioè i Presidenti delle...



Immaterialesimo: un treno perso da 25 anni
Di eva zenith · creato il 04/06/2019 16:30 · vista 215 volte · ECONOMIA · LOMBARDIA


Fine e inizio di una nuova era
Nel 1989 Tim Berners-Lee del CERN sviluppa una nuova tecnica per distribuire dati su Internet., e la chiama World Wide Web. Il web si basa su ipertesti collegati da iperlinks. Arpanet, il padre di Internet usato dalle forse armate, viene chiuso.
Il 9 Novembre 1989 crolla il Muro di Berlino.
Il 1990 può essere definito come l'anno ufficiale di nascita dell'Evo Immateriale. Il crollo del muro di Berlino segna simbolicamente la fine di un'epoca basata sull'equilibrio delle industrie pesanti e delle bombe atomiche. La nascita del web inizia la corsa del predominio dell'immaterale sul materiale.
Nel 1991 l'Italia dovette anche confrontarsi con la prima "immigrazione di massa", dall'Albania (originata dal crollo del blocco comunista): l'inizio di una nuova schiavitù legalizzata.

Lo sviluppo economico fino alla fine degli anni Ottanta era basato sulla trasformazione di materiali. Il valore del prodotto era determinato soprattutto dal valore intrinseco dei materiali trasformati. L'industria manufatturiera era basata su un grande impiego di manodopera. Il sistema industriale, del commercio e del lavoro era locale o semi-locale, con tensioni planetarie limitate.
Negli anni Novanta si apre un'era basata sulla elaborazione e trasformazione di informazioni. Il valore del prodotto è molto superiore a quello del materiale che lo costituisce. In molti casi il materiale è a costo zero. Lo sviluppo dell'informatica ha il carattere di uno scarso impiego di manodopera. E l'automazione progressiva riduce sempre più il ricorso al lavoro umano. Il frenetico flusso migratorio unito allo sviluppo della Rete ha accelerato il fenomeno della globalizzazione ed ha inaugurato una forma moderna di schiavitù. Il sistema industriale, del commercio e del lavoro diventa sempre più planetario.

Il decennio cruciale
Il decennio dal 1991 al 2001 è stato cruciale per la persita del treno. Dieci governi in un decennio, formati da quasi tutte le forse politiche di destra, centro e sinistra, non hanno avuto il minimo senore dei cambiamenti planetari in corso. (vedi nota 1)

La politica industriale in Italia è sempre stata flebile, ma dopo il boom industriale è andata spegnendosi sui binari del maufatturiero e delle grandi imprese di trasformazione di beni materiali.. Molti hanno pensato che fosse indispensabile un Treno ad Alta Velocità, ma nessuno ha pensato alla necessità di una rete telematica al alta velocità. Tutti hanno creduto che fosse necessario sostenere la FIAT o l'ILVA. Nessuno ha posto l'attenzione alla necessità di riqualificare l'istruzione. Molti si sono concentrati sulla difesa dello Statuto dei Lavoratori, senza accorgersi che intanto il lavoro spariva. E' stata posta grande attenzione al "made in Italy", ma nessuna al "born in Italy" come Pompei o il Colosseo, le biblioteche e i musei, le coste e le spiagge, i fiumi e i siti archeologici (cioè abbiamo preferito la manifattura alla natura e alla cultura). Senza tenere conto che il "made in Italy" poteva essere messo sul mercato globale, diventando proprietà di capitali stranieri, come in effetti è stato e sta avvenendo. Mentre il "born in Italy" era ed è l'unica riccheza inalienabile del Paese. Tutti hanno favorito la cementificazione, e nessuno si è accorto che l'agricoltura pregiata e il territorio diventavano progressivamente irrilevanti.

Insomma abbiamo continuato a sostenere lo sviluppo materiale quando il pianeta stava entrando a vele spiegate nell'Evo Immateriale. Da 25 anni l'Immaterialesimo sta diventando il centro del pianeta, e l'Italia non se è ancora accorta. Il manufatturiero ed il lavoro manuale sono stati delocalizzati. La telematica ha reso superflue migliaia di vecchie mansioni. L'immigrazione selvaggia ha costituito un "esercito di riserva" di lavoro sottopagato. Il "made in Italy" è stato venduto ed intere filiere di produzione sono stati chiusi. Gli unici beni veramente e sicuramente nazionali (quelli naturali e culturali) cadono a pezzi, marciscono per allagamenti e frane, o muoiono per mancanza di finanziamenti.

++++++++++++++++++++++++++++++
Nota 1:
47. Governo Andreotti (22.07.1989 - 29.03.1991)
48. Governo Andreotti (12.04.1991 - 24.04.1992)
49. Governo Amato (28.06.1992 - 22.04.1993)
50. Governo Ciampi (28.04.1993 - 16.04.1994)
51. Governo Berlusconi (10.05.1994 - 22.12.1994)
52. Governo Dini (17.01.1995 - 17.05.1996)
53. Governo Prodi (18.05.1996 - 9.10.1998)
54. Governo D'Alema (27.10.1998 - 18.12.1999)
55. Governo D'Alema (22.12.1999 - 19.4.2000)
56. Governo Amato (25.04.2000 - 11.06.2001)




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011