Immagine di profilo di eva zenith
Altre Notizie dell'utente


Il mito dello sviluppo infinito e la crisi del capitalismo in Occidente
Dopo 20 anni dalla caduta del muro di Berlino, cioè dal fallimento del comunismo, l'Occidente registra una crisi senza precedenti che è destinata ad essere permanente. Gli ultimi respiri di un...



Siamo davvero così sicuri? (Eva Zenith)
Da oltre vent'anni ci stiamo raccontando la favola che seppelliamo il pianeta di bombe al solo scopo di "emancipare" popoli di altre culture. L'hanno fatto secoli fa gli spagnoli per salvare l'anima...



La vita in un'era di povertà: profezie e istruzioni per l'uso
Checchè ne dicano i maghi Silvan del regime , l'Italia non uscirà dalla crisi e dovrà affrontare almeno 30 anni di povertà. Ci aspetta una replica degli anni cinquanta, ma senza la speranza di...



Domande di un sempliciotto 2
1. Berlusconi, Bersani, Casini & C credono che alla prossime elezioni qualcuno dimenticherà che il governo Monti l'hanno voluto e sostenuto loro? 2. Qualcuno pensava che Monti, con un governo di...



La società stupefacente: perchè il circo Barnum è morto?
"Quante persone ci sono in questa strada, un centinaio? Quante sono le persone intelligenti, sette, otto? Bene, io lavoro per le altre novantadue. (Barnum citato in Curzio Maltese, "Come ti sei...



Pensieri sparsi 2
VUOTE IDEOLOGIE"Democrazia" e "mercato" sono due termini ideologici che mascherano la realtà: oligarche e interessi privati senza regole. PUNTEGGIATUREIl punto interrogativo è un...



Il carattere dell'Impero - Sessuofobia e violenza
Il "principio del piacere" assorbe il principio di realtà; la sessualità viene liberata in forme socialmente costruttive. Questa nozione implica che vi sono modi repressivi di...



Il nuovo mondo smateralizzato
Dalla fine del secolo scorso siamo entrati in una nuova era, che ho definito "Immaterialesimo". I caratteri di questa era sono essenzialmente due: la globalizzazione e la smaterializzazione. La...



Presidenzialismo
Per quelli che non hanno voluto l'impeachment....



Se ci fosse una vera sinistra
Di eva zenith · creato il 24/11/2018 14:08 · vista 242 volte · POLITICA · LOMBARDIA


La prima cosa che dovrebbe fare sarebbe riconoscere umilmente che gli italiani hanno scelto certe cose e non altre. E' per questo che hanno votato (i pochi che l'hanno fatto). Vogliono più reddito, vogliono meno immigrati concorrenti nel lavoro, vogliono meno tasse, vogliono meno Europa. Negare questa evidenza è contro la democrazia e favorisce l'astensionismo a tutte le future elezioni.

L'opposizione al "reddito di cittadinanza" non dovrebbe essere quello di insultarlo, ma di interpretarlo "da sinistra". Il difetto della proposta 5Stelle è che è troppo scarso e troppo limitato. Troppo pochi i soldi per vivere e troppe le condizioni per ottenerli. Una vera sinistra dovrebbe battersi per il diritto universale alla casa e al lavoro. Se questo non è possibile, allora ogni cittadino (per il solo fatto che esiste) dovrebbe ricevere una somma mensile adeguata per affitto, bollette e alimentazione.

L'opposizione alla "immigrazione selvaggia" non dovrebbe essere quella di negarla o minimizzarla. Il peggiore problema dell'immigrazione selvaggia sta nella concorrenza che gli immigrati fanno ai lavoratori italiani, costretti come sono ad accettare il lavoro nero, il precariato, la sotto-retibuzione, e l'illegalità.
Una vera sinistra dovrebbe battersi per un salario minimo universale e per una legislazione veramente punitiva per gli evasori. Una vera sinistra dovrebbe battersi per un aumento generalizzato dei salari e delle garanzie (specie per le mansioni meno ambite). Una vera sinistra dovrebbe battersi per una legge che obblighi chiunque usi il lavoro degli immigrati, a fornire loro un alloggio civile e tutte le assicurazioni fornite ai cittadini. Quando assumere un immigrato costerà quanto o più che assumere un italiano, l'immigrazione si ridurrà.

L'opposizione alla "flat tax" non dovrebbe limitarsi a rifiutarla, ma dovrebbe circoscriverla. Chiedere una flat tax del 15% , applicata però solo ai redditit inferiori ai 50.000 euro sarebbe un'idea di sinistra, a favore del ceto medio e del proletariato (e del sotto-proletariato). L'opposizione fiscale di sinistra dovrebbe poi concentrarsi sull'abolizione delle tasse occulte, che sono solo trasferimenti coatti dal popolo alle consorterie oligarchiche e alle corporazioni.

L'opposizione al "sovranismo" non dovrebbe esprimersi nella derisione. Persino i più sfegatati europeisti ammettono da vent'anni che l'UE va cambiata. Allora una vera sinistra europeista dovrebbe promuovere un movimento per cambiare seriamente e concretamente l'Unione Europea. E magari ottenere qualche risultato visibile.

L'obiezione che così sale lo spread che danneggia i mutui, i risparmi e le banche va lasciata alla destra. Quanti sono in Italia i cercatori di mutui, i risparmiatori, i finanzieri e banchieri? Quattro o cinque milioni? Sono solo un terzo dei poveri assoluti, dei poveri relativi e di quelli che lo stanno diventando: fra i 12 e i 15 milioni di cittadini.
L'obiezione che il nostro debito è troppo elevato dovrebbe essere annullata da una semplice domanda: come mai gli Usa e il Giappone hanno debiti enormi e vanno benissimo?
L'obiezione che la UE non accetterebbe simili manovre, dovrebbe essere lasciata alla destra europeista. Una sinistra europeista dovrebbe sostenere che l'Italia si adeguerà ai vincoli europei, dopo che l'Europa sarà riformata.

Le grandi opere, il militarismo e gli interventi armati, la cementificazione, la difesa della banche e dei grandi mass media, la censura, il lavoro nero o precario, il Presidenzialismo.....sono da sempre al centro dell'ideologia conservatrice, reazionaria e capitalista. Una vera sinistra dovrebbe stare sempre dalla parte opposta e battersi per leggi serie che si oppongano.
Il proibizionismo è sempre stata la bandiera dei conservatori. Un vera sinistra dovrebbe battersi per la liberalizzazione e legalizzazione delle droghe, della prostituzione, dei matrimoni e delle adozioni omosessuali, della fecondazione eterologa, delle professioni contro gli Ordini e le corporazioni.
I richiami all'unità sono il mantra di ogni potere totalitario. Una vera sinistra dovrebbe battersi per la difesa e la promozione dell'opposizione ad ogni regime e ad ogni potere centrale. Dovrebbe difendere ogni autonomismo, ogni indipendentismo, ogni antagonismo dei comuni contro le regioni, delle regioni contro lo Stato, dello Stato contro le entità sovranazionali. Predicare la sottomissione e l'assimilazione dell'Italia all'Europa, in nome dell'unità (cioè dell'uniformità dell'Unione Europea) dovrebbe essere solo una bandiera della destra.




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011