Immagine di profilo di eva zenith
Altre Notizie dell'utente


Il regime comprende tutti, da Vendola a Bossi
Possiamo dire che il regime va da Vendola a Bossi per un motivo evidente: su tutte le questioni principali l'accordo della casta è totale. Sono infatti tutti d'accordo (o quantomeno nessuno ha...



Illusioni compensatorie
La voce del mondo ogni giorno ti urla: "non sei nessuno, non conti niente, non vali niente, non esisti". Droghe, farmaci, violenza, alcol, gioco d'azzardo, social networks sono modi illusori di...



Alla faccia di quelli che osannano gli USA e insieme plaudono all'immigrazione in Italia
La barriera di separazione tra Stati Uniti e Messico, è una barriera di sicurezza costruita dagli Stati Uniti lungo la frontiera al confine tra USA e Messico. Il suo obiettivo è quello di impedire...



Il regime è come un pugile suonato, ma esulta !
Quello che succede in questo fine 2011 è uno show da ring, dove due pugili o quattro wrestler esausti, dopo dieci rounds, cominciano a barcollare e girare a vuoto: metà ubriachi e metà sfiniti....



L'Italia e la sindrome di Susac
"La sindrome di Susac è una disfunzione cerebrale scoperta dall'omonimo dottor John O. Susac negli anni settanta. Colpisce prevalentemente le giovani donne tra i 20 e i 40 anni, creando problemi alla...



Il mito dello sviluppo infinito e la crisi del capitalismo in Occidente
Dopo 20 anni dalla caduta del muro di Berlino, cioè dal fallimento del comunismo, l'Occidente registra una crisi senza precedenti che è destinata ad essere permanente. Gli ultimi respiri di un...



Lo specchio: ceto politico e società
Questa non è la difesa di un ceto politico, che è indifendibile. E' il tentativo di disoccultare un meccanismo di proiezione la cui esistenza è insieme sintomo di un disturbo psicologico e prodromo...



Perchè l'Italia non uscira dalla crisi prima del 2050
1. Nell'economia, secondo un indice di efficienza ed efficacia delle imprese, il nostro Paese si piazza al 44imo posto su 51, superato anche dalla Grecia (IMD International). 2. In base agli...



Pensieri sparsi sull'ipotesi di governo giallo-verde
Non sono nè grillina nè leghista. Non voto da 3 decenni. Non credo che un governo giallo-verde, rosso, rosso e azzurro, nero carbone, verde o marroncino possa salvare l'Italia dal...



Se questo non è un golpe......! La messa in stato di accusa è obbligatoria.
Di eva zenith · creato il 29/05/2018 15:57 · ultima modifica 30/05/2018 17:44 · vista 97 volte · POLITICA · LOMBARDIA


La dietrologia, i pettegolezzi, le interpretazioni complottiste sono il tipico frutto dei beceri mass media italiani. La situazione attuale va analizzata sui fatti. E i fatti sono che il Presidente della Repubblica ha messo in atto un vero e proprio golpe, tradendo la Costituzione, nel comportarsi come se vivessimo in una Repubblica Presidenziale e non Parlamentare.

Risale a vent'anni fa la ipotesi del centro-destra di fare dell'Italia una Repubblica Presidenziale. Ipotesi bocciata dalla maggioranza e mandata nel dimenticatoio. La sovranità in Italia appartiene al popolo e dunque al Parlamento legittimato dal voto diretto dei cittadini. La Presidenza della Repubblica e il governo (non a caso chiamato "esecutivo") non detengono la sovranità se non in via indiretta e delegata dal Parlamento.

Non è un caso che il Presidente della Repubblica può rinviare alle Camere una legge discutibile, ma una sola volta. Se il Parlamento ripresenta la legge, il Presidente deve firmarla.
Non è un caso se nella storia repubblicana il Presidente ha sempre limitato il suo potere alla "moral suasion", cioè al semplice potere di convincere.
Non è un caso se il Presidente è sempre stato definito (e l'ha fatto anche Mattarella) un "arbitro super partes" del conflitto politico.
Non è un caso se la Costituzione usi la formula ""Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei Ministri e, su proposta di questo, i Ministri": "nomina" e non sceglie o decide.

Il rifiuto di Mattarella di accettare il nome del ministro dell'Economia proposto da Conte a nome di una larga maggioranza parlamentare, non si basa su questioni formali o su una semplice "moral suasion". Mattarella ha fatto la sua scelta invocando un potere di scelta del Primo Ministro e dei ministri, con una motivazione politica di parte. Questa asserzione configura il tradimento perchè introduce una Repubblica Presidenziale.

Questo obbliga il Parlamento a procedere con una messa in stato d'accusa per il semplice motivo che, senza questa, il problema si riproporrà dopo le nuove elezioni. Anche di fronte ad una eventuale schiacciante maggioranza uscita dalle urne, niente impedirà al Presidente di ripetersi in divieti costituzionalmente illegittimi. E il problema non riguarda solo l'Economia. Se viene accettato il potere presidenziale di scegliere premier e ministri, niente impedirà divieti sul futuro ministro degli Interni, degli Esteri o dell'Istruzione sulla base di considerazioni politiche di parte. Quando il prossimo Presidente sarà uno Zaja, o un Tajani o un Fico, chi potrà impedire che rifiutino un premier "troppo europeista" o un ministro "troppo tenero con gli immigrati"?

Se trasformare una Repubblica Parlamentare in Presidenziale, senza una modifica costituzionale approvata dal Parlamento, non è un golpe, un tradimento, non è chiaro in quale caso sia possibile una messa in stato d'accusa. Leone e Cossiga sono stati costretti alle dimissioni per atti molto meno gravi.

P.S.1: va ricordato che Mattarella non è nuovo alle ferite costituzionali. Nel 1999, come vice del premier D'Alema, non ha avuto problemi a far bombardare la Serbia, tradendo l'art.11 della Costituzione.

P.S.2: Costantino Mortati (che la Costituzione l'ha scritta oltre ad averla poi insegnata): "La proposta dei ministri deve ritenersi strettamente vincolante pel capo dello Stato". (Istituzioni di diritto pubblico, 1975, pagina 568)




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011