Immagine di profilo di Stirner Felix
Altre Notizie dell'utente


Mr. Monti e il «pacco» di Natale
Matteo Bartocci il manifesto domenica, 27 novembre, 2011 Il «pacchetto» di tagli e riforme promesso da Mario Monti arriverà. Ma con calma, come sfotteva «il Foglio» venerdì. Sarà approvato...



Mario Monti, il prediletto
dal sito di Sandro Magister "La Civiltà Cattolica" lo incensa. "L'Osservatore Romano" lo osanna. Benedetto XVI gli dà udienza. Ma il record di velocità di Berlusconi nell'essere ricevuto dal papa...



Rivolta il debito, la campagna!
Nasce il sito, e la campagna, per sapere tutto sul debito pubblico e come fare a non pagarlo. Tutto quello che volete sapere sul debito e su come non...



Il Terzo Stato della Fiom e l’alternativa di governo che ancora non c’è
di Paolo Flores d’Arcais da il Fatto quotidiano Quello organizzato dalla Fiom sabato 9 giugno è stato un vero e proprio vertice pubblico di tutte le forze della sinistra. A discussione avvenuta,...



Italia occupata dalla Bce e da Wall Street
di Giorgio Cremaschi Comprendiamo la soddisfazione e il senso di liberazione che si provano per il crollo politico di Berlusconi. Tuttavia è una gioia di breve durata se il prossimo governo...



Chi di sicurezza ferisce...
Sandro Medici il manifesto 6 gennaio 2012 Roma è la città italiana con il più alto numero di morti ammazzati. L'ultimo l'orrendo omicidio di una bimba di 6 mesi e di suo padre. Sarebbe...



Lacrime di coccodrillo
di Salvatore Cannavò Il Megafono Quotidiano La manovra è arrivata e rappresenta una violenta stangata antipopolare che ha i lavoratori e i pensionati come bersaglio principale. Se c'è...



Il presidente del Consiglio è Giorgio Napolitano
di Matteo Pucciarelli da MicroMega Online Il deputato laburista Denis Healy scherzò con l’allora comunista Piero Borghini: «Napolitano è la miglior imitazione di un banchiere della City che io...



Licenziamenti facili e pensioni: che buffonata.
di Felice Di Giandomenico Ormai Berlusconi non solo ha perso credibilità a livello internazionale ma ora arrivano anche veri e propri insulti nei suoi confronti, ultimo in ordine di tempo quello...



REPORT SU DON VERZÉ: "RAGAZZE IN TOPLESS NELLA FAZENDA BRASILIANA". ALLA FACCIA DEL VOTO DI POVERTA' E CASTITÀ.
Di Stirner Felix · creato il 13/12/2011 13:45 · vista 1825 volte · ALTRO · ITALIA


ROMA - "Ci sono molte donne lì, sempre. Fanno il bagno in topless. Ci sono piscine, si fanno feste, vengono sempre a divertirsi". Incredibile a dirsi, ma il posto descritto da un contadino brasiliano nella inchiesta di Report di ieri è una delle fazende di Don Luigi Verzé in Brasile. La puntata era tutta incentrata sull'attività del San Raffaele, dopo che questo è salito agli onori della cronaca a seguito del dissesto finanziario e del suicidio del manager dell'ospedale Mario Cal. Report ha indagato sui lati oscuri della vicenda, in un "reticolo impressionante di società e investimenti per milioni di euro in attività insospettabili come strutture alberghiere e piantagioni di mango e uva in Brasile". "SEMPRE CON UN ENTOURAGE DI RAGAZZE" Proprio dal filone brasiliano dell'inchiesta arrivano le rivelazioni choc attorno all'attività "extra-canonica" di Don Verzè. Ancor prima che il contadino descriva i presunti festini che si sarebbero svolti all'interno della fattoria del prete, ecco come viene descritto Don Verzè da Pedro Lino, consigliere della Corte dei conti brasiliana che si è occupato di presunte irregolarità nelle procedure di assegnazione degli appalti sanitari nel paese sudamericano: "Si presentava come un miliardario, un grande dirigente, con il jet privato.Attorno aveva un entourage di donne, di ragazzi e non so che altro... capisce?". L'allusione del consigliere è chiara, tanto che il giornalista replica: "Il classico prete, insomma". A quel punto Pedro Lino scoppia in una sonora risata. "SESSO CON RAGAZZINE" Ma le rivelazioni choc a sfondo sessuale non sono finite qui. Sempre nella puntata del programma della Gabanelli, Luigi Garziera, socio di Don Verzè in Brasile, ammette, durante il colloquio con il giornalista, senza alcuna vergonga, forse non pensando di essere intercettato dalle telecamere, che lui e l'ex dirigente Mario Cal andavano "a ragazzine". "Quindici, quattordici anni, qui è normale", dice l'uomo. "Ma è reato" controbatte il giornalista. "Certo che è reato", risponde Garziera, come se fosse la cosa più normale del mondo.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011