Immagine di profilo di Stirner Felix
Altre Notizie dell'utente


REPORT SU DON VERZÉ: "RAGAZZE IN TOPLESS NELLA FAZENDA BRASILIANA". ALLA FACCIA DEL VOTO DI POVERTA' E CASTITÀ.
ROMA - "Ci sono molte donne lì, sempre. Fanno il bagno in topless. Ci sono piscine, si fanno feste, vengono sempre a divertirsi". Incredibile a dirsi, ma il posto descritto da un contadino brasiliano...



Mario Monti, il prediletto
dal sito di Sandro Magister "La Civiltà Cattolica" lo incensa. "L'Osservatore Romano" lo osanna. Benedetto XVI gli dà udienza. Ma il record di velocità di Berlusconi nell'essere ricevuto dal papa...



Rivolta il debito, la campagna!
Nasce il sito, e la campagna, per sapere tutto sul debito pubblico e come fare a non pagarlo. Tutto quello che volete sapere sul debito e su come non...



Il Terzo Stato della Fiom e l’alternativa di governo che ancora non c’è
di Paolo Flores d’Arcais da il Fatto quotidiano Quello organizzato dalla Fiom sabato 9 giugno è stato un vero e proprio vertice pubblico di tutte le forze della sinistra. A discussione avvenuta,...



Italia occupata dalla Bce e da Wall Street
di Giorgio Cremaschi Comprendiamo la soddisfazione e il senso di liberazione che si provano per il crollo politico di Berlusconi. Tuttavia è una gioia di breve durata se il prossimo governo...



Chi di sicurezza ferisce...
Sandro Medici il manifesto 6 gennaio 2012 Roma è la città italiana con il più alto numero di morti ammazzati. L'ultimo l'orrendo omicidio di una bimba di 6 mesi e di suo padre. Sarebbe...



Lacrime di coccodrillo
di Salvatore Cannavò Il Megafono Quotidiano La manovra è arrivata e rappresenta una violenta stangata antipopolare che ha i lavoratori e i pensionati come bersaglio principale. Se c'è...



Il presidente del Consiglio è Giorgio Napolitano
di Matteo Pucciarelli da MicroMega Online Il deputato laburista Denis Healy scherzò con l’allora comunista Piero Borghini: «Napolitano è la miglior imitazione di un banchiere della City che io...



Licenziamenti facili e pensioni: che buffonata.
di Felice Di Giandomenico Ormai Berlusconi non solo ha perso credibilità a livello internazionale ma ora arrivano anche veri e propri insulti nei suoi confronti, ultimo in ordine di tempo quello...



Mr. Monti e il «pacco» di Natale
Di Stirner Felix · creato il 27/11/2011 18:28 · vista 760 volte · POLITICA · ITALIA


Matteo Bartocci il manifesto domenica, 27 novembre, 2011 Il «pacchetto» di tagli e riforme promesso da Mario Monti arriverà. Ma con calma, come sfotteva «il Foglio» venerdì. Sarà approvato venti giorni dopo il giuramento, il 5 dicembre. Subito prima del delicato vertice europeo dei capi di stato e di governo del 9. Le misure dovrebbero articolarsi in almeno un decreto legge più alcuni disegni di legge. E a tutto il «pacchetto» dovrebbe essere garantita la corsia preferenziale in parlamento in modo da essere approvato entro natale. Il premier oggi è tornato a Milano per una giornata di riposo. Ma ieri per tutto il giorno è rimasto chiuso a via XX settembre prima con i vertici del Tesoro (Vittorio Grilli e Vincenzo Fortunato) più il ragioniere generale dello stato Mario Canzio. Poi in un primo vertice dedicato alla «crescita» con i ministro Passera (sviluppo), Elsa Fornero (welfare), Pietro Giarda (rapporti col parlamento), Enzo Moavero (politiche europee). Il volume delle misure – vista la conferma del pareggio di bilancio nel 2013 – dovrebbe essere una mega manovra da 25-30 miliardi. In pole position le misure sulla casa (nuova Ici e aumento rendite catastali), Iva (10% e 21%), mini patrimoniale, uso del contante sotto 300 euro. I tecnici però sono ancora alle prese con le varie simulazioni. E’ scontato, a questo punto, che Monti attenda le valutazioni dell’Ecofin di mercoledì prima di mettere nero su bianco in Italia i suoi decreti. In ambienti governativi si tende a minimizzare le attese. Chi va piano va lontano. I problemi sul tavolo del resto sono infiniti: da un lato si vocifera di conti pubblici più in sofferenza di quanto dichiarato da Tremonti; dall’altro fare le riforme «strutturali» – quelle dedicate alla «crescita» – richiede passaggi complessi da negoziare con i partiti e le parti sociali. L’Europa chiede forti liberalizzazioni (direttiva Bolkestein) e privatizzazioni spinte dei servizi pubblici locali e delle Poste (che Passera ben conosce perché le ristrutturò prima di arrivare a BancaIntesa). Sono strade impervie per qualsiasi governo. Partire e non arrivare al traguardo sarebbe esiziale. Così nel decreto si potrebbero anticipare solo cose già studiate, come ad esempio l’adeguamento delle pensioni alle aspettative di vita. Per le le riforme più ambiziose – fisco, pensioni, lavoro, welfare, bisognerà attendere i vari ddl. E’ un rallentamento imprevisto, che mette sul chi vive i partiti, tagliati fuori dall’elaborazione dei sacri testi. Il Pd più di tutti, perché privo di sponde nelle alte sfere ministeriali, rimaste identiche a quelle del governo precedente. Sottosegretari: Grilli ha 524.840 dubbi Entro martedì Monti nominerà viceministri e sottosegretari. Dovrebbero essere tutti tecnici. La quadra si è incagliata sulle caselle care al Cavaliere: Giustizia e Comunicazioni (qui non è escluso che se il Pdl insisterà con gli impresentabili Monti mantenga la delega a Passera). Tutto da verificare resta il «caso» Grilli all’Economia. L’attuale direttore generale è pronto a fare il viceministro ma non vuole ridursi lo stipendio. Adesso guadagna 524.840 euro lordi, come politico non arriverebbe a 180mila (7mila netti mensili). Per lui si studia il cumulo di cariche come fu per Bertolaso.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011