Immagine di profilo di Stirner Felix
Altre Notizie dell'utente


REPORT SU DON VERZÉ: "RAGAZZE IN TOPLESS NELLA FAZENDA BRASILIANA". ALLA FACCIA DEL VOTO DI POVERTA' E CASTITÀ.
ROMA - "Ci sono molte donne lì, sempre. Fanno il bagno in topless. Ci sono piscine, si fanno feste, vengono sempre a divertirsi". Incredibile a dirsi, ma il posto descritto da un contadino brasiliano...



Mr. Monti e il «pacco» di Natale
Matteo Bartocci il manifesto domenica, 27 novembre, 2011 Il «pacchetto» di tagli e riforme promesso da Mario Monti arriverà. Ma con calma, come sfotteva «il Foglio» venerdì. Sarà approvato...



Mario Monti, il prediletto
dal sito di Sandro Magister "La Civiltà Cattolica" lo incensa. "L'Osservatore Romano" lo osanna. Benedetto XVI gli dà udienza. Ma il record di velocità di Berlusconi nell'essere ricevuto dal papa...



Rivolta il debito, la campagna!
Nasce il sito, e la campagna, per sapere tutto sul debito pubblico e come fare a non pagarlo. Tutto quello che volete sapere sul debito e su come non...



Il Terzo Stato della Fiom e l’alternativa di governo che ancora non c’è
di Paolo Flores d’Arcais da il Fatto quotidiano Quello organizzato dalla Fiom sabato 9 giugno è stato un vero e proprio vertice pubblico di tutte le forze della sinistra. A discussione avvenuta,...



Italia occupata dalla Bce e da Wall Street
di Giorgio Cremaschi Comprendiamo la soddisfazione e il senso di liberazione che si provano per il crollo politico di Berlusconi. Tuttavia è una gioia di breve durata se il prossimo governo...



Chi di sicurezza ferisce...
Sandro Medici il manifesto 6 gennaio 2012 Roma è la città italiana con il più alto numero di morti ammazzati. L'ultimo l'orrendo omicidio di una bimba di 6 mesi e di suo padre. Sarebbe...



Lacrime di coccodrillo
di Salvatore Cannavò Il Megafono Quotidiano La manovra è arrivata e rappresenta una violenta stangata antipopolare che ha i lavoratori e i pensionati come bersaglio principale. Se c'è...



Il presidente del Consiglio è Giorgio Napolitano
di Matteo Pucciarelli da MicroMega Online Il deputato laburista Denis Healy scherzò con l’allora comunista Piero Borghini: «Napolitano è la miglior imitazione di un banchiere della City che io...



Fiom, la piazza della democrazia
Nota quotidiana dal sito il Megafono Quotidiano Appuntamento a piazza del Popolo "perché il popolo si riprenda la piazza". Il sindacato di Landini accetta i divieti ma chiama a raccolta studenti,...



UN GIOVANE SU TRE NON LAVORA
Di Stirner Felix · creato il 31/10/2011 14:09 · vista 1021 volte · LAVORO · ITALIA


di Redazione Cadoinpiedi.it 31 Ottobre 2011 I dati dell'Istat confermano il periodo nero. Una donna su due non lavora, né cerca impiego. E' una corsa verso il baratro. E se su base nazionale i tassi sono questi, in certi posti del Mezzogiorno le cifre sono nettamente superiori. L'Istat ha diramato, in mattinata, nuove stime sulla disoccupazione. E i dati sono neri. Il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) a settembre è salito al 29,3%, dal 28,0% di agosto. E' dato più alto dal gennaio 2004, ovvero dall'inizio delle serie storiche. La disoccupazione a settembre è balzato all'8,3%, dall'8,0% di agosto. Il numero dei disoccupati a settembre sale a 2,080 milioni, in aumento del 3,8% rispetto ad agosto (+76 mila unità). Su base annua la crescita è del 3,5% (+71 mila unità). Il rialzo riguarda sia la componente maschile sia quella femminile. Sull'altro fronte, gli occupati scendono a 22,911 milioni, in calo dello 0,4% (-86 mila unità) rispetto ad agosto. Anche in questo caso la diminuzione interessa sia uomini che donne. Nel confronto con l'anno precedente l'occupazione resta, invece, sostanzialmente invariata. Quasi una donna su due in Italia né lavora né è in cerca di un posto, ovvero non rientra né nella fascia degli occupati né in quella dei disoccupati. Infatti, l'Istat, nelle stime provvisorie, rileva che a settembre il tasso di inattività femminile è pari al 48,9%, mentre quello maschile si attesta a 26,9%. In generale, spiega l'Istituto, il tasso di inattività si attesta al 37,9%, registrando un aumento congiunturale di 0,1 punti percentuali. Gli inattivi tra i 15 e i 64 anni crescono dello 0,1% (21 mila unità) rispetto al mese precedente. Su base annua gli uomini diminuiscono dello 0,2%, mentre le donne inattive aumentano dello 0,5%. E se le cifre dell'Istat sono queste, facile immaginare che in alcune zone del Paese la situazione è veramente drammatica. La disoccupazione giovanile, in certe regioni del Sud, raggiunge picchi ancora più disperati.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011