Immagine di profilo di Stirner Felix
Altre Notizie dell'utente


C’è solo la sinistra
Massimo Rossi - Liberazione Tanto è stato già detto sulla manovra del Governo Monti e non occorre professarsi comunisti per definirla odiosamente iniqua, né bisogna aver studiato economia per...



Spartiti tra destra e "sinistra" del regime i posti di viceministri e di sottosegretario
I nuovi governanti sono tutti quadri del sistema capitalistico e delle sue istituzioni Grilli, uomo di Tremonti, nominato viceministro all'economia. Patroni Griffi, capo di gabinetto con Brunetta,...



Ripristino dell'ICI e tagli alle pensioni: ecco l'"equità" di Monti
Tra le misure "urgenti" che stanno per essere varate dal governo Aumento dell'età pensionabile per tutti dal 2012 e abolizione di fatto delle pensioni di anzianità. 340 euro in più a famiglia con...



Appello per l'11 febbraio
AteneinRivolta.org – Coordinamento nazionale dei collettivi Dai Collettivi studenteschi la proposta di uno spezzone contro il Governo Monti e il pagamento del debito, per una commissione di Audit,...



Cercate i DICO nel Vangelo. Per ricordare Don Enzo Mazzi
Cercate i Dico nel Vangelo di Enzo Mazzi, da il manifesto, 9 maggio 2007 Il Vangelo non marcia nel Family day. I fautori, laici, preti, suore, monsignori, teologi, sono animati da sacro fervore...



Giustizia, si riparte dal bavaglio. E sul caso Ruby potrebbe arrivare il colpo di spugna
da Il Fatto Quotidiano del 17 marzo 2012 Intercettazioni, Severino riparte dal Ddl Mastella. Cambia la concussione e per l'ex premier potrebbe scattare il "condono" sulla vicenda della giovane...



Debito pubblico e politica: siamo in mano ad un coacervo di imbecilli
Una riflessione personale Un altro pasticcio all’italiana condito in salsa ironica tanto idiota quanto fuori luogo di due personaggi politicamente scadenti come Sarkozy e la Merkel, che...



I FIGLI DEI MINISTRI? TUTTI GENI (CON POSTO FISSO E VICINO A MAMMÀ) - NOMI, FOTO, STORIE
Massimo Malerba Fonte: Il post Viola Non se la passano poi tanto male, ecco alcune storie... Sarà forse una questione genetica ma i figli di questi ministri incartapecoriti, che da una...



Una commissione d’indagine sul debito pubblico
Francesco Gesualdi - il manifesto giovedì, 29 dicembre, 2011 Gli obiettivi dell’oligarchia sono arricchirsi con gli interessi e mettere le mani su servizi pubblici e beni comuni Solo un...



“Fuori dalle palle chi rompe le palle”
di Celeste Costantino È uno spettacolo indecente quello andato in scena a Bergamo. Indecente e preoccupante. Non c’è niente da ridere e non bisogna abituarsi a simili rappresentazioni. E va detto...



Pd e Sel tifano per Hollande. Dimmi per chi tifi e ti dirò chi sei: Bersani e Vendola con Hollande. Noi con Mélenchon
Di Stirner Felix · creato il 22/04/2012 19:39 · ultima modifica 22/04/2012 19:40 · vista 728 volte · POLITICA · INTERNAZIONALE


Daniela Preziosi - il manifesto Pd e Sel per Hollande, ma Bersani rassicura i suoi centristi: «Tifano per lui i conservatori della Ue». E c’è chi gli giura che non cambierà il fiscal compact «Mélenchon è bravissimo» ma ha «un’idea di nazionalismo di sinistra che fa a cazzotti con il nostro progetto di federalismo europeo. E noi siamo convinti che per cambiare il segno delle nostre politiche economiche la strada non possa che essere quella di un’altra Europa». Gennaro Migliore, il vendoliano piazzato sul fronte esterno a tessere l’avvicinamento di Sel al Pse, spiega così una cosa che a prima vista in Italia stona. E cioè che per l’Eliseo Sel tifa per Francois Hollande. E non per quel gauchista composto e già ministro di Jospin di Jean Luc Mélenchon. Che predica la tassazione al 100 per cento dei redditi sopra i 300mila euro – roba che qui si chiamerebbe «confisca» – e la fondazione della Sesta Repubblica per cancellare per sempre l’ultrapresidenzialismo sarko-berlusconiano. Perché l’hollandianissimo Bersani intenda,Vendola lo ripete ogni volta che può: «Se fossi in Francia sarei un militante forsennato di Hollande». Migliore era a Parigi al lancio del «manifesto per il nuovo rinascimento per l’Europa» firmato da Bersani, Hollande e Gabriel (Spd tedesca). Ma il giorno dopo ha curiosato nella manifestazione del Front de gauche, a piazza della Bastiglia. «Si aspettavano 40mila persone, ne sono arrivate il triplo. Non lo voterei, anche se ha già detto che al secondo turno i suoi voti andranno al candidato Ps. Ma ben venga il suo successo: nel 2002 la competizione si svolgeva al centro. Stavolta la sfida con il Front sta spingendo anche Hollande più a sinistra». Hollande è uno dei partner europei di Bersani. Ed ecco che la via di Parigi – magari in combinato con le amministrative del 6 maggio, stessa data del secondo turno delle presidenziali di Francia – potrebbe trascinare il Pd, a scegliere la coalizione a sinistra con Sel e Idv in vista del 2013. Da cui si tira invece fuori Paolo Ferrero, con il Front de gauche «al 300 per cento». Ha fatto persino un appello al voto, «la cosa giusta per aiutare anche gli operai italiani, quelli spagnoli e quelli portoghesi. Perché in tutta Europa le classi dirigenti stanno distruggendo lo stato sociale, attaccando i salari, riducendo la democrazia». Dove per «classi dirigenti» intende anche il Pd che appoggia i ‘tecnici’. «Per quanto il Ps sia moderato, certo non lo è come il Pd, che manomette l’art.18 e fa arrivare Monti dove non era arrivato Berlusconi». A onor di cronaca, sull’art.18, l’analisi di Vendola è la stessa. Bersani, certo, tifa per il candidato Ps. Anche se dalla Francia la scorsa settimana gli è arrivata una riservatissima ambasciata affinché non creda che la vittoria significhi un vero cambio di marcia su fiscal compact e politiche economiche europee. Cosa che, altrettanto riservatamente, può rivendersi ai centristi di casa sua, preoccupati dagli accenti anti-montiani del manifesto parigino. E schierati con il moderato Bayrou. Per la gioia dei laburisti del Pd. Un conflitto interno che affiorerà o si assorbirà a seconda della legge elettorale con cui si andrà al voto. Intanto cerca di condurre la nave senza scossoni. Così giovedì, di fronte ai parlamentari di mezzo mondo – per lanciare «un movimento progressista globale» di «socialisti, democratici e liberaldemocratici» in cui appunto non si sentano ospiti «tollerati» i suoi ex dc – è arrivato a assicurare che da domenica in tutta Europa anche i conservatori voteranno per i candidati progressisti: «Perché hanno capito che i governi conservatori sono prigionieri dell’ideologia che porta tutti al fallimento. Ma che non sono in grado di cambiare».



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011