Immagine di profilo di Stirner Felix
Altre Notizie dell'utente


REPORT SU DON VERZÉ: "RAGAZZE IN TOPLESS NELLA FAZENDA BRASILIANA". ALLA FACCIA DEL VOTO DI POVERTA' E CASTITÀ.
ROMA - "Ci sono molte donne lì, sempre. Fanno il bagno in topless. Ci sono piscine, si fanno feste, vengono sempre a divertirsi". Incredibile a dirsi, ma il posto descritto da un contadino brasiliano...



Mr. Monti e il «pacco» di Natale
Matteo Bartocci il manifesto domenica, 27 novembre, 2011 Il «pacchetto» di tagli e riforme promesso da Mario Monti arriverà. Ma con calma, come sfotteva «il Foglio» venerdì. Sarà approvato...



Rivolta il debito, la campagna!
Nasce il sito, e la campagna, per sapere tutto sul debito pubblico e come fare a non pagarlo. Tutto quello che volete sapere sul debito e su come non...



Mario Monti, il prediletto
dal sito di Sandro Magister "La Civiltà Cattolica" lo incensa. "L'Osservatore Romano" lo osanna. Benedetto XVI gli dà udienza. Ma il record di velocità di Berlusconi nell'essere ricevuto dal papa...



Il Terzo Stato della Fiom e l’alternativa di governo che ancora non c’è
di Paolo Flores d’Arcais da il Fatto quotidiano Quello organizzato dalla Fiom sabato 9 giugno è stato un vero e proprio vertice pubblico di tutte le forze della sinistra. A discussione avvenuta,...



Italia occupata dalla Bce e da Wall Street
di Giorgio Cremaschi Comprendiamo la soddisfazione e il senso di liberazione che si provano per il crollo politico di Berlusconi. Tuttavia è una gioia di breve durata se il prossimo governo...



Chi di sicurezza ferisce...
Sandro Medici il manifesto 6 gennaio 2012 Roma è la città italiana con il più alto numero di morti ammazzati. L'ultimo l'orrendo omicidio di una bimba di 6 mesi e di suo padre. Sarebbe...



Lacrime di coccodrillo
di Salvatore Cannavò Il Megafono Quotidiano La manovra è arrivata e rappresenta una violenta stangata antipopolare che ha i lavoratori e i pensionati come bersaglio principale. Se c'è...



Il presidente del Consiglio è Giorgio Napolitano
di Matteo Pucciarelli da MicroMega Online Il deputato laburista Denis Healy scherzò con l’allora comunista Piero Borghini: «Napolitano è la miglior imitazione di un banchiere della City che io...



Licenziamenti facili e pensioni: che buffonata.
di Felice Di Giandomenico Ormai Berlusconi non solo ha perso credibilità a livello internazionale ma ora arrivano anche veri e propri insulti nei suoi confronti, ultimo in ordine di tempo quello...



Un fallimento su cui discutere seriamente
Di Stirner Felix · creato il 18/10/2011 12:16 · vista 1184 volte · POLITICA · ITALIA


Nota quotidiana Giorgio Cremaschi da rete28aprile.it E’ inutile nasconderlo o minimizzarlo: il 15 ottobre c’è stata in Italia la più grande manifestazione tra quelle realizzate in tutto il mondo ed è finita in un disastro. Noi che siamo tra coloro che l’hanno promossa e organizzata, abbiamo il dovere di scusarci con tutte e tutti coloro che sono venuti lì per manifestare e basta. Non siamo stati in grado di garantire ad essi l’esercizio di questo loro diritto. Una minoranza, non è importante quanto vasta, ma comunque nettamente tale, si è impadronita della manifestazione e l’ha trasformata sul piano militare, sul piano mediatico e su quello politico in un’altra cosa. Questo è per me il punto centrale, poi naturalmente ci sono le singole responsabilità, gli atti di devastazione inaccettabili, così come anche gli scontri in piazza San Giovanni, ove le cariche della polizia hanno finito per coinvolgere tutte e tutti coloro che volevano manifestare. Se vogliamo fare una riflessione politica, dobbiamo sottolineare che questo è stato il senso della giornata: un esproprio di democrazia, coperto dagli scontri, quando doveva essere esattamente il contrario. Per questo sono contrario a minimizzare, così come respingo le reazioni ipocrite del palazzo. L’Italia è un paese con una democrazia malata, dove nelle istituzioni, nel parlamento, stanno persone incriminate per reati gravissimi, che considerano la magistratura una forza eversiva. L’illegalità in questo paese comincia dall’alto e, senza per questo giustificare nulla, è evidente che questo apre la via alla rottura e alla sfiducia anche violente. Per questo la risposta non può essere la negazione della realtà. I giovani che sfasciavano tutto, e che hanno aggredito prima di tutto il corteo e la manifestazione, vanno affrontati prima di tutto come un problema politico. Sono assolutamente contrario alla proposta di Di Pietro e Maroni di nuove leggi di polizia, questo sì sarebbe il modo per precipitare in rotture da fine anni Settanta. E’ evidente che chi ha provocato gli incidenti aveva una totale sfiducia nella funzione e nella efficacia delle grande manifestazione. E’ di questo che bisogna discutere, naturalmente con tutto il rigore necessario. Bisogna che i movimenti sappiano validare con una discussione democratica le scelte che compiono. Bisogna che ci siano le assemblee, le sedi aperte e trasparenti ove si decidono quali sono i criteri e le forme organizzate delle manifestazioni e ove si chiarisce che chi non li rispetta è estraneo ad essa. Questa è la questione di fondo, rispetto alla quale non ci sono scorciatoie. O sappiamo affrontare questa crisi dei nostri movimenti e delle nostre lotte con un confronto aperto e con una pratica democratica vera, oppure rischiamo di veder travolte la nostra forza e le nostre ragioni. E’ molto facile, di fronte a questa crisi economica, alla disperazione che produce, alla chiusura e alla crisi della nostra democrazia, che cresca lo spazio per azioni di carattere disperato. Se vogliamo impedirlo dobbiamo maturare in fretta e, senza ipocrisie, assumerci la responsabilità dei fallimenti. E il 15 ottobre in Italia lo è stato. .

(condivisa da 1 utente)

Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011