Immagine di profilo di Salvatore Santoru
Altre Notizie dell'utente


Edward Bernays , il consumismo e la manipolazione delle masse
Nato negli Stati Uniti D'America e diffuso su larga scala prima in Europa e poi sempre di più nel mondo intero , attualmente il consumismo è il sistema economico dominante , anche se...



Dalla crisi al cambio di paradigma
Il celebre scrittore e filosofo Ivan Illich , affermava che la crisi non va solamente intesa nel suo significato comune , ma può anche indicare : " l'attimo della scelta, quel momento...



La "fine delle ideologie" e l’ideologia del pensiero unico
Nel 1992, il politologo statunitense Francis Fukuyama elaborò la teoria della fine delle ideologie nel suo bestseller "La fine della storia e l'ultimo uomo". Nel libro, la storia...



Oltre la crisi dell'attuale UE, per un'altra Europa unita migliore e diversa
Da un pò di tempo l'euro e l'UE sono diventati l’argomento di tema economico e (geo)politico principale trattato nei talk show politici e non . Sostanzialmente ci sono due teorie...



Le ideologie organizzate e la manipolazione delle masse
Karl Marx diceva che la religione organizzata era l'oppio dei popoli . Marx non teneva però conto del ruolo che potevano avere le ideologie organizzate , che si potrebbe ben dire che fungono...



Dalla società dell'immagine all'era tecnocratica
Secondo molti opinionisti la società occidentale sta andando verso una forte deriva tecnocratica .Difatti ogni aspetto della vita sociale e non è sempre più fortemente...



La BCE detta legge: come costruire il cambiamento?
L'ormai famosa "lettera segreta della BCE" al governo italiano del 5 agosto 2011 e recentemente pubblicata su vari quotidiani nazionali, costituisce l'ennesima dimostrazione di come operi il potere,...



La sovrappopolazione mondiale , tra mito ideologico e realtà
Al giorno d'oggi si fa un gran parlare del problema della " sovrappopolazione " . Stando alla teoria più in voga del momento , l'umanità non sarebbe più sostenibile per il...



Sempre più tagli per le spesa sociale , ma per quella militare i soldi ci sono sempre
Di Salvatore Santoru · creato il 28/03/2014 15:33 · vista 1063 volte · WELFARE · ITALIA


Il presidente statunitense Barack Hussein Obama , in questi giorni in visita in Italia , ha detto :

" Sono preoccupato dalla riduzione delle spese militare di alcuni nostri partners della NATO . A medio e a lungo termine, dovremmo esaminare se tutto il mondo contribuisce "

Quindi per l'ex premio Nobel per la " pace " 2009 , i paesi alleati della NATO , in particolare l'Italia , starebbero spendendo troppo poco per sostenere le guerre " umanitarie " degli States .

Ma come ricorda Manlio Dinucci sul quotidiano " il Manifesto " , citando i dati dell'autorevole istituto di ricerca internazionale con sede a Stoccolma Sipri , l'Italia dal 2012 si trova al decimo posto tra i paesi con più alta spesa militare nel mondo , con circa 26 miliardi di euro l'anno , ovvero 70 milioni di euro al giorno , che comprendono le spese per forze armate , armi e missioni militari all'estero .

Eh intanto i tagli alla spesa sociale aumentano , mentre le spese militari non vengono toccate , ed anzi le si vorrebbe pure aumentare per volere dei padroni d'oltreoceano .

Per giustificare gli enormi tagli alla spesa sociale , molti politici affermano che non ci sono più soldi , ma stranamente per le guerre " umanitarie " e la NATO o , per le banche , ci sono sempre .

Fonte : http://informazioneconsapevole.blogspot.it/2014/03/sempre-piu-tagli-sulla-spesa-sociale-ma.html




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011