Immagine di profilo di Salvatore Santoru
Altre Notizie dell'utente


La "fine delle ideologie" e l’ideologia del pensiero unico
Nel 1992, il politologo statunitense Francis Fukuyama elaborò la teoria della fine delle ideologie nel suo bestseller "La fine della storia e l'ultimo uomo". Nel libro, la storia...



Oltre la crisi dell'attuale UE, per un'altra Europa unita migliore e diversa
Da un pò di tempo l'euro e l'UE sono diventati l’argomento di tema economico e (geo)politico principale trattato nei talk show politici e non . Sostanzialmente ci sono due teorie...



Le ideologie organizzate e la manipolazione delle masse
Karl Marx diceva che la religione organizzata era l'oppio dei popoli . Marx non teneva però conto del ruolo che potevano avere le ideologie organizzate , che si potrebbe ben dire che fungono...



Dalla società dell'immagine all'era tecnocratica
Secondo molti opinionisti la società occidentale sta andando verso una forte deriva tecnocratica .Difatti ogni aspetto della vita sociale e non è sempre più fortemente...



Sempre più tagli per le spesa sociale , ma per quella militare i soldi ci sono sempre
Il presidente statunitense Barack Hussein Obama , in questi giorni in visita in Italia , ha detto : " Sono preoccupato dalla riduzione delle spese militare di alcuni nostri partners della NATO . A...



Edward Bernays , il consumismo e la manipolazione delle masse
Nato negli Stati Uniti D'America e diffuso su larga scala prima in Europa e poi sempre di più nel mondo intero , attualmente il consumismo è il sistema economico dominante , anche se...



La BCE detta legge: come costruire il cambiamento?
L'ormai famosa "lettera segreta della BCE" al governo italiano del 5 agosto 2011 e recentemente pubblicata su vari quotidiani nazionali, costituisce l'ennesima dimostrazione di come operi il potere,...



La sovrappopolazione mondiale , tra mito ideologico e realtà
Al giorno d'oggi si fa un gran parlare del problema della " sovrappopolazione " . Stando alla teoria più in voga del momento , l'umanità non sarebbe più sostenibile per il...



Dalla crisi al cambio di paradigma
Di Salvatore Santoru · creato il 28/03/2014 15:31 · ultima modifica 17/06/2019 11:06 · vista 1242 volte · ECONOMIA · INTERNAZIONALE


Il celebre scrittore e filosofo Ivan Illich , affermava che la crisi non va solamente intesa nel suo significato comune , ma può anche indicare :

" l'attimo della scelta, quel momento meraviglioso in cui la gente all'improvviso si rende conto delle gabbie nelle quali si è rinchiusa e della possibilità di vivere in maniera diversa " .

Difatti lo stesso termine " crisi " , nella sua origine greca significa " decisione " .

Inoltre Illich disse :

" Ed è questa la crisi, nel senso appunto di scelta, di fronte alla quale si trova oggi il mondo intero "

Queste parole , scritte dal filosofo austriaco nel 1978 , sono più che mai attuali .

Difatti il mondo intero è oggi come non mai in crisi : crisi economica , politica , sociale , culturale , etica , ambientale e spirituale .

Il modello di sviluppo economico moderno , le vecchie narrazioni ideologiche e post-ideologiche , la pretesa di uniformare e rimodellare esseri umani e ambiente tramite la distruzione delle diversità e delle biodiversità , l'illusione di un mondo basato solamente sulle " certezze " garantite dalla scienza e dalla tecnica , tutto ciò è fallito .

Quello che serve ora , è la creazione di un nuovo paradigma .

Un nuovo paradigma che metta al centro prima di tutto l'individuo e le sue potenzialità , la sua aspirazione a una vita felice , sicura e libera , senza la pretesa di volerlo omologato a un modello sociale , politico o ideologico prestabilito .

Tutto il Novecento è stato dominato dalla pretesa di uniformare gli esseri umani , di distruggerne le diversità e farne dei cloni , degli " automi " indispensabili per lo stato ( come nel caso dei totalitarismi fascisti e comunisti ) o per il mercato ( come è il caso della società di consumo ) .

Sempre di più , gli individui sono stati costretti a delegare le proprie responsabilità e in fin dei conti libertà , a strutture impersonali di potere , come inizialmente gli stati/nazione , in seguito sempre più spesso le grandi imprese multinazionali , le organizzazioni sovranazionali, le più grandi banche e tutti quei gruppi di potere che guidano l'attuale globalizzazione , che non è altro che la logica conseguenza del processo totalizzante di spersonalizzazione e omologazione degli individui , e per giunta della stessa umanità .

Questo modello è andato definitivamente in crisi , anche se persistono ancora molte resistenze al cambiamento , che seguono schemi ormai obsoleti , perlopiù incentrati su visioni ideologiche otto/novecentesche ( il grande sogno capitalista o socialista , quello globalista ecc ) .

Anche il sogno globalista è fallito ormai, così come quello nazionalista suo predecessore .Entrambi i sostenitori di queste ideologie volevano un mondo basato sulla centralizzazione ,mondiale per gli uni , nazionale per gli altri, e l'omologazione dell'individuo a ciò .

Con questa crisi si è arrivati a un definitivo bivio : o continuare a seguire ciecamente questo sistema o aspirare a superarlo , cambiando le carte in tavola .

Ci sono tante teorie che prospettano la rottura con l'attuale e disfunzionale paradigma e sostengono un decisivo cambiamento .

Ad esempio secondo l'economista e filosofo Serge Latouche , bisogna abbandonare gradualmente il modello di sviluppo economico attuale basato sull'illusione della crescita economica illimitata , mettendo in discussione la stessa odierna globalizzazione che si basa su di esso .

L'obbiettivo è quello di costruire una democrazia reale e diretta , fondata per quanto possibile sull'autogestione e l'autodeterminazione di individui e comunità , che per funzionare non ha bisogno di " moloch burocratici " nazionali e tantomeno globali , e che per questo sia più vicina a bisogni e interessi degli individui .

Inoltre imprescindibile per il cambiamento che porterà a un nuovo paradigma , sarà la rottura con l'egemonia della tecnica e dell'economia su ogni aspetto della vita , con la riscoperta e la valorizzazione di valori ( umanistici , artistici , spirituali etc ) sempre più schiacciati dalle logiche di profitto e potere che governano il nostro mondo .

Fonte : http://informazioneconsapevole.blogspot.it/2014/03/dalla-crisi-al-cambio-di-paradigma.html




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011