Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Verso il “Cigno nero” sorvolando nidi giallo-verdi, ossia delle miserie di un Governo rivoluzionario.
Sorbivo al bar il mio solito caffè ristretto, rigorosamente amaro, in compagnia di un ex collega di lavoro oggi collega di pensione, quando un signore a me ignoto accostò con fare...



Il fascismo che verrà. Prove in grande stile da parte della destra grillo-leghista.
Spuntano come funghi, di questi tempi, i commentatori e gli analisti pronti a contraddire chiunque, di sinistra e non solo, si permetta di denunciare il pericolo imminente di “regime”...



È consentito definire cialtrone un ministro senza rischiare una querela?
Sono trascorsi cinque mesi dalle elezioni del 4 marzo e abbiamo avuto modo di farci un’idea esaustiva delle “performance” del nuovo Governo. Siamo in grado, dunque, di qualificare...



Caso Salvini: quando l’ipocrisia trapassa le nuvole e sfonda la cupola del cielo.
Ci siamo arrivati! Il punto di non ritorno sembra essere stato raggiunto. Superfluo riassumere la nota vicenda della richiesta di messa sotto accusa di Salvini per i reati di sequestro di persona,...



La sinistra e la sindrome di Wile Coyote.
Perdonino gli amici, i compagni, i conoscenti, i lettori insomma, se mi permetto di ironizzare sulla “odierna” sinistra e sulla sua incapacità propositiva che si riflette nella...



Povera Italia, finita in balia degli scommettitori al Governo.
Povera patria, cantava Franco Battiato nel ‘91. Uno dei versi recita: “Povera patria, schiacciata dagli abusi del potere di gente infame che non sa cos'è il pudore; si credono...



I conti di Conte. Il conto non quadra.
La nozione di “partita doppia”, cioè delle tecniche basilari di contabilità, rifilata a noi allora giovani studenti del Tecnico Commerciale dal professore di Ragioneria tra...



Sinistre italiane: c’è chi si fonde, chi si fonda, chi si rifonda, ma qualcuno… affonda?
Il titolo dell’articolo può apparire impietoso, ma a leggere le cronache di questi giorni sembra persino benevolo. Sia chiaro, nell’affrontare il tema delle “sinistre”...



La legittima difesa marcata PD: spara che ti passa... ma solo di notte.
Se non fosse la cruda realtà ci sarebbe da girarla in burla. Il PD, preso a braccetto dagli alleati alfaniani, vara le modifiche alle norme di legge sulla legittima difesa. Al senatore...



Stiamo dalla parte di Razzi. Perbacco!
Di enzo sanna · creato il 22/03/2017 18:08 · vista 824 volte · POLITICA · ITALIA


Prologo: Razzi Antonio, classe '48 (ma non si deve a tale evento la nota esclamazione "è successo un 48"), offerto in omaggio al popolo italiano per gentile intercessione del berlusconiano Popolo delle Libertà, ora rediviva Forza Italia, e prima ancora della DiPietrista Italia dei Valori, onorato membro nientemeno che della Commissione Cultura del Parlamento, viene brutalmente attaccato e contestato in questi giorni per un "selfie" che lo ritrae raggiante come non mai al fianco del siriano Assad, definito massacratore di popoli dal giornalista Di Battista del "Corriere", secondo il quale l'atto in questione è inopportuno.

Svolgimento: "Un selfie non si nega a nessuno". Questa è la risposta chiara, netta, schietta, decisa, senza tentennamenti, da parte del "nostro" idolo. E poi, perdinci, la vicenda non sarà mica più eclatante della visita "diplomatica" resa a Kim Jong-un, il giovane capo della Corea del Nord, colui che sta trasformando quello Stato nella "Svizzera d'oriente" (letterale citazione del nostro membro della Commissione Cultura in occasione del suo pernottamento in quella nazione). I missili lanciati pochi giorni fa sul mare del Giappone? Ma dai! Siamo seri. Forse che gli svizzeri non fanno uso delle supposte?

Poi ancora: almeno Razzi, lui sì, potrà giustificare meglio dei grillini le note spese per viaggi e ristorazione in giro per il mondo col suo proporre in ogni dove il "vero" marchio del "Made in Italy", ben più genuino e casereccio di quello dell'iper-renziano Oscar Farinetti, proprietario dell'ora contestato "brand" Eataly. E poi, proseguendo, dovremmo sentirci fieri di avere tra i nostri rappresentanti un politico "ruspante", di quelli che gradiremmo vedere quali "testimonial" negli spot pubblicitari dei polli di marca o delle fette biscottate, al posto di qualche gallina robotica che fa l'occhiolino ad Antonio Banderas. Persino i dentifrici dovrebbero battagliare per annoverarlo tra le loro facce: vuoi mettere il brillamento della sua dentiera nel selfie con Assad? Denti sbiancati da far invidia a più d'una casa di produzione di paste dentifrice.

Sappiate che noi, estimatori di Razzi, ci appelleremo a tutto, ma proprio a tutto, persino a far ricorso alla incapacità d'intendere e di volere pur di salvaguardare il nostro idolo e il suo sacrosanto diritto a farci divertire. Sosteniamo con vigore l'appello "Razzi for President". Tanto il nostro "idolo" non potrebbe fare peggio, anche volendo, di Grillo o di Renzi. Questo è certo. Pertanto lanciamo alto e fermo il nostro grido: Razzi for ever.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011