Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


M5S-Lega: partiti di latta e di sgoverno.
Ricordate il partito di lotta e di governo? Il concetto voleva rappresentare un soggetto politico capace di far quadrare la lotta, dunque la protesta, con l’iniziativa (progressista) di...



Tifavo per Obama, ammiravo Hollande. Ma la Terra è ancora tonda?
Era il terzo secolo a.c. quando Eratostene calcolò la circonferenza terrestre con una approssimazione impressionante per i tempi, se si pensa al modo col quale fu misurata, cioè sulla...



Il PD senza Renzi
Renzi se n’è andato dal PD. Evviva! Finalmente! Era ora! Meglio tardi che mai! Queste (e tante altre) espressioni di giubilo avrebbero dovuto occupare nei giorni scorsi le pagine dei...



È consentito definire cialtrone un ministro senza rischiare una querela?
Sono trascorsi cinque mesi dalle elezioni del 4 marzo e abbiamo avuto modo di farci un’idea esaustiva delle “performance” del nuovo Governo. Siamo in grado, dunque, di qualificare...



“Lo dico, poi lo interpreto”. Le nuove miserie dei politici italiani, e non solo.
Tutti conosciamo l’italico detto “Qui lo dico, qui lo nego” da sempre una sorta di modus operandi dei politici di ogni ordine e grado. Si rendeva una dichiarazione poi, a seconda...



L’arma a doppio taglio dei referendum “nordisti”, ossia del dispetto del marito alla moglie.
I sorrisi di comprensibile soddisfazione del presidente della regione Veneto, Luca Zaia, e quelli più che forzati a uso delle telecamere del presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni,...



Post elezioni. La comparsa di una nuova specie di politico: l’arrogante codardo.
A sentire i commenti degli addetti ai lavori, siano essi politici, giornalisti o “opinionisti”, in merito alle recenti elezioni siciliane e ostiensi, si resta nell’incertezza se...



Stiamo dalla parte di Razzi. Perbacco!
Prologo: Razzi Antonio, classe '48 (ma non si deve a tale evento la nota esclamazione "è successo un 48"), offerto in omaggio al popolo italiano per gentile intercessione del berlusconiano...



Renzi, da amico di Maria ad amico di Barbara.
Confesso, scrivo e sottoscrivo: mi sono rifiutato categoricamente di vedere la trasmissione di Barbara D'Urso con ospite d'eccezione il Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Confesso anche di non...



Leopolda 7: il ruggito di Renzi e i belati dei renziani.
Di enzo sanna · creato il 07/11/2016 15:47 · vista 722 volte · POLITICA · ITALIA


Ora è chiaro: la kermesse della "Leopolda" è diventata nel corso degli anni il vero congresso del PD. È quello il podio dal quale lui, Renzi, il "comandante supremo", lancia la linea e si fa applaudire, osannare, da un manipolo di supporter scelto con cura (non sia mai che tra di loro s'infiltri qualche spirito critico).

Agli osservatori meno distratti apparirà in tutta evidenza come il raduno ricalchi le antiche assemblee di corrente della defunta (ma sempre rediviva) Democrazia Cristiana, con la differenza che allora i conti se li facevano "tra di loro". Alla Leopolda, invece, i conti li fanno "contro di loro", gli avversari interni. L'incredibile quanto incivile "belato" dei partecipanti all'adunata incitanti "Fuori, fuori" all'avviso di Bersani e degli altri appartenenti alla cosiddetta quanto presunta sinistra del partito costituiscono il livello della inciviltà verso cui il renzismo sta traghettando l'Italia, in stretta compartecipazione con Grillo e Berlusconi, per non dire di Salvini.

Sui contenuti di quanto sentito proclamare alla Leopolda c'è ben poco da rimarcare, se non la ripetitività , spesso sotto mentite spoglie, del "verbo" renziano in materia di riforma costituzionale e poco altro. Ciò che invece colpisce è l'acrimonia, il livore, l'acredine, la malignità trasudata da ogni espressione di Renzi, che se non fosse per l'assenza di turpiloquio e dell'inflessione toscana anziché genovese, l'avremmo potuta attribuire a un monologo di Grillo con in bocca un arancino palermitano.

Eppure un alito di spirito critico (si fa per dire) si è infiltrato persino tra le fila della Leopolda. Sembra incredibile? Il super-iper-renziano Oscar Farinetti fa notare come i renziani stiano diventando antipatici e, dunque, tale fattore possa compromettere l'esito del referendum costituzionale. Ma dai! Verrebbe da esclamare. Solo ora uno attento come Farinetti si rende conto che l'immagine renziana fa acqua da tutte le parti? Leopolda esclusa, s'intende. Non si è ancora reso conto che ovunque il suo beniamino Renzi vada a presenziare si scatenano manifestazioni a lui avverse? Qualcosa significherà. Ciò non gli ricorda quanto accadde a Berlusconi o il lancio delle monetine all'indirizzo di Craxi?

Se dovesse malauguratamente affermarsi il SÌ al referendum costituzionale, ci ritroveremmo ad avere un parlamento fotocopia della Leopolda, un gregge di deputati peggiore di quelli attuali, il che è tutto dire. Pensate a una Camera dei Deputati composta in maggioranza da individui cloni di Scilipoti e Razzi. Certo, il comico Crozza disporrebbe di materiale a non finire per le sue performance, ma a noi non resterebbe che ridere di fronte alla TV e piangere di fronte alla vita più di quanto già ci capiti di fare.

Renzi continua a ruggire, ma la dentatura delle sue fauci presenta più d'una evidente punta di carie. Se al referendum dovesse prevalere il NO gli salterebbe l'intera dentiera e allora vedremo che cosa saprà fare un leone senza dentatura e, forse, anche senza criniera. Di certo il gregge che lo attornia non lo temerebbe e, di conseguenza, non lo incenserebbe più. Il numero 7 potrebbe rivelarsi per la Leopolda come il biblico "anno sabbatico", cioè l'anno in cui la terra veniva messa a riposo per i futuri sette anni; senza Renzi, una gran fortuna per l'Italia intera.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011