Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Una volta era la DC. Oggi… pure.
La polemica sui tesseramenti anomali che investe il PD sembra fotocopiata dalle cronache che sino agli anni ’90 del secolo scorso facevano sorridere quelli di sinistra, ma non provocavano...



Dal Sindaco d’Italia all’Avvocato degli italiani, ossia da Renzi a Conte. Che brutta fine!
Ricordate il “Sindaco d’Italia”? Sì, parliamo della definizione affibbiata, tra l’apprezzamento e il dileggio, all’allora rampante Matteo Renzi, ex Sindaco di...



Elettori italiani già sodomizzati ancor prima del “nuovo” Governo.
Che gli elettori italiani l’abbiano presa spesso “là dove non batte il sole” è fatto noto e provato. Ciò che stupisce oggi non è la faccenda in...



Pre-elezioni. In attesa di marzo 2018: è il momento dei “vippini”.
Insieme ai piddini, ai grillini, ai forzisti, ai leghisti, ai sovranisti, pure ai fascisti sempre meno avversati nonostante i dettati della settantennale Costituzione italiana, appare una nuova...



Da Stachanov all'operaio cinese passando per il precario italiano, col plauso di Marchionne.
Molti lettori ricorderanno la figura di Stachanov, il minatore russo che negli anni dello stalinismo riuscì a moltiplicare per dieci quella che oggi si definisce "produttività",...



Anno nuovo, politica vecchia, con una piacevole eccezione.
Avranno tutti notato che sei mesi di presidenza UE capeggiata da Renzi non hanno prodotto il benché minimo cambiamento nelle politiche dell'Unione, mentre pochi giorni di governo greco da...



M5S-Lega: partiti di latta e di sgoverno.
Ricordate il partito di lotta e di governo? Il concetto voleva rappresentare un soggetto politico capace di far quadrare la lotta, dunque la protesta, con l’iniziativa (progressista) di...



Una volta eravamo -isti, oggi siamo -iani. Che brutta fine.
Lungi dal volersi impelagare in uno slalom attraverso concetti quali deonimici, eponimi, deantroponimici, deonomastici e amenità varie tali da far venire il mal di testa persino ai linguisti...



Il PD senza Renzi
Renzi se n’è andato dal PD. Evviva! Finalmente! Era ora! Meglio tardi che mai! Queste (e tante altre) espressioni di giubilo avrebbero dovuto occupare nei giorni scorsi le pagine dei...



Grillo, ossia, della differenza fra il far ridere e il rendersi ridicoli.
Di enzo sanna · creato il 05/06/2014 12:31 · vista 750 volte · POLITICA · ITALIA


Quando uno pensa di aver assistito a ogni manifestazione dei politici di casa nostra, dalla tracotanza all'infamia, dalla spavalderia all'indecenza, dal trasformismo all'opportunismo, dalla corruzione all'eversione e via dicendo, ebbene, scopre qualcuno che prima o poi allunga l'elenco dei demeriti della sottospecie "Homo politicus".

Così Grillo il quale non riuscendo, nonostante il maalox, a digerire la tremenda batosta elettorale subita alle europee, si inventa nientepopodimeno che i brogli elettorali, nuova frontiera della propaganda ad uso dei creduloni. Ecco nascere, dunque, una nuova (ma non troppo) specie di politico: il sicuro perdente fallace vincitore.

Ora, dato che la "sparata" sui brogli è inverosimile al punto da prestarsi al ridicolo, il nostro perdente Grillo, volendosi presentare ai suoi quale immaginifico vincitore ad onta della realtà, si barcamena in una sorta di gimcana linguistica la cui logica è ben descritta nella dichiarazione per cui: "Stiamo trattando dati statistici e applicando la logica che come noto non possono avere riscontri dimostrabili". Come dire: voi idioti credeteci, anche se non c'è un briciolo di concretezza.

E qualcuno disposto a credergli lo si trova davvero in giro per la rete. Tra i tanti argomenti, in diversi pezzi giornalistici che riprendono la fandonia, il più gettonato risulta essere quello dell'analogia con le elezioni politiche del 2006 che vide il centro-sinistra prevalere sul centro-destra di soli 24mila voti. Berlusconi, apriti cielo, dichiarò da subito di aver perso per brogli. I perspicaci commentatori grillini fanno uso e abuso di tale vicenda, ma pochi hanno l'onestà intellettuale di precisare che la Giunta per le elezioni non rilevò irregolarità né nella forma né sui numeri, anzi, risultò proprio Berlusconi ad averne avuto qualcuno di troppo. Questo su uno scarto di soli 24mila voti, un'inezia sul totale dei votanti.

Ci si chieda a quali brogli possa riferirsi Grillo su volumi di milioni di voti che lo separano dal PD renziano. Il ragionamento dell'homo politicus Grillo si sviluppa più o meno così: "Tutti gli Istituti di sondaggi ci davano al 30% e oltre, addirittura in testa al PD. Invece, a urne chiuse, ci ritroviamo doppiati. Come è possibile se non attraverso brogli?". Qualcuno vuol ricordare a Grillo che alle scorse elezioni politiche il suo Mo' Vi Mento veniva dato al 16-18%, mentre ottenne oltre il 25%? Brogli anche lì? Ci faccia sapere.

La realtà è ben diversa. Oltre tre milioni (per ora) di elettori grillini si sono resi conto di quanto futile, fuorviante e ingannevole sia la propaganda dell'azienda economica Grillo-Casaleggio denominata M5S, il cui unico fine è quello di creare "valore" alla ditta. Ecco che, nel momento in cui tale obiettivo viene messo a rischio, la premiata ditta Grillo-Casaleggio grida al broglio e per tutta risposta cerca una sponda in Europa attraverso l'alleanza con un partito e un personaggio che persino i più miopi grillini tipo Dario Fo ritengono indecente.

E poi, la dichiarazione "Causeremo un sacco di guai a Bruxelles" la dice lunga su quale sia l'atteggiamento grillino unito a quello di Farage che definire neofascista potrebbe apparire riduttivo. L'unico obiettivo di costoro sta nello sfasciare, non nel costruire qualcosa.

Veniamo al significato del titolo. Quanta gente, a parte i grillini "trinariciuti" di guareschiana memoria, potrebbe dar minimo credito alle stupidaggini riguardanti brogli elettorali? Ecco spiegata la differenza tra il far ridere e il rendersi ridicoli.

Ben prima dei risultati elettorali, chi scrive aveva previsto per il M5S il raschiamento del fondo della botte senza immaginare, però, di quanto il fondo della botte si fosse ristretto. Di conseguenza, Grillo ha smesso di fare il comico per vestire i panni del nuovo ruolo di ridicolo buffone di corte, personaggio amatissimo da Dario Fo, non a caso. Ora il buffone di corte spinge per l'alleanza con la peggior destra d'Europa. Troppo impegnativo evocare Nietzsche. Verrebbe invece da parafrasare, per stare in tema, l'esclamazione di Hitler in presenza del generale Ambrosio, inviato dal Duce a riferire circa la disfatta dell'esercito fascista in Sicilia: "Nein Grillo, so geht es nicht!". No Grillo, così non ci siamo!



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011