Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Puppato, Serracchiani, Civati, Barca: un poker vincente contro il tris Renzi, D’Alema, Epifani.
Il dibattito precongressuale che impegna il PD rischia di essere indirizzato sempre più verso uno scontro sulle regole e, di conseguenza, sviato dal confronto sulla sostanza delle posizioni in...



Renzi al Lingotto: un po' Jimi Hendrix un po' Radiohead.
Nel godermi la diretta tv del discorso di Renzi al "Lingotto '17" e scarabocchiando qualche appunto, mi sono ritrovato a provare quasi un moto di sconcerto nel constatare l'ossessivo uso della prima...



M5S “festeggia” a Roma il primo anno di giunta Raggi, ma la torta è senza candelina.
Non sembra vero, eppure così è, se vi pare (e anche se non vi pare). Scomodare Pirandello, con tanto di scuse per la inappropriata citazione, è veramente troppo. Meglio volare...



I proclami di Grillo (e degli altri) alla prova delle urne
Le burocrazie di partito, spesso per bocca dei massimi dirigenti, non disdegnano di cimentarsi in TV e sulla carta stampata nell’analisi dei dati diffusi dai vari istituti demoscopici con...



La particella Xi e la speranza della sinistra.
Nell’accavallarsi dei titoli d’apertura dei TG si rischia, in parecchie occasioni, di provare una vaga sensazione di disorientamento. In qualche raro caso, invece, la sequenza dei titoli...



L’arma a doppio taglio dei referendum “nordisti”, ossia del dispetto del marito alla moglie.
I sorrisi di comprensibile soddisfazione del presidente della regione Veneto, Luca Zaia, e quelli più che forzati a uso delle telecamere del presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni,...



Io ti spio, tu mi spii. Spiamoci a vicenda, con amore.
Lo scandalo Datagate, da grana imbarazzante per il presidente Obama, sta assumendo sempre più i connotati di un film comico sulla scia di quelli della serie “Una pallottola...



Il Natale non ci ha reso più buoni, compresi Renzi, Grillo e Berlusconi.
La festività del Natale, con i luoghi comuni e gli appelli “buonisti” portati appresso, sembrava aver contagiato persino i leader politici di casa nostra. Berlusconi taceva, Grillo...



Il feldmaresciallo Salvini.
Macché Capitano! Promuoviamolo sul campo questo brav’uomo. Lui, Salvini, appellato del grado dalla stampa scritta e non, lavora indefesso giorno dopo giorno, ora dopo ora, minuto dopo...



Briatore il bocconiano e la "Lectio magistralis".
Di enzo sanna · creato il 09/05/2014 17:49 · vista 832 volte · POLITICA · ITALIA


La Lectio magistralis tenuta dal "docente" Briatore alla Bocconi è l'immagine più calzante di quanto in basso sia caduta la sensibilità di certa intellighenzia nostrana. L'uomo va lì a sparar banalità e ad offendere gli studenti seduti in platea invitandoli a fare i camerieri che, secondo lui, guadagnano anche seimila euro al mese, tra stipendio e mance esentasse. Che gran sorriso quando ha evocato, senza pronunciarla, la parola "esentasse"!

Individui con un briciolo d'amor proprio si sarebbero alzati e avrebbero lasciato la sala mentre altri più grintosi avrebbero fischiato o quantomeno rumoreggiato al sentire simili offese. Invece i rampanti giovinastri, futura classe dirigente dell'Italietta barzellettiera, indegna e corrotta, si spellano le mani ad applaudire il "grande" uomo d'affari, di gossip e di spettacolo. Ora, se si può tollerare, ma non troppo, la reazione degli studenti dall'incoscienza infinita, non è tollerabile quella dei docenti della Bocconi che invitano un simile personaggio proponendolo quale esempio da imitare.

A questo punto, ragionandoci su, viene quasi da concordare con Briatore. Infatti, a cosa potrebbero aspirare ragazzi che, da lui platealmente offesi e avviliti, non solo non si ribellano, ma addirittura applaudono? Viene da considerare che questi ragazzi saranno in futuro veramente dei "camerieri", ma non quelli dignitosi e professionali di ristoranti e alberghi, bensì quelli asserviti alle logge politico-economiche che governano oggi e fanno di tutto per governare in futuro, anche invitando un soggetto quale Briatore ad insegnare i "segreti" del successo.

L'intervento del genio Briatore si può condensare nella sua riflessione in base alla quale un imprenditore ha un unico obiettivo: produrre utili, punto e basta. Perbacco! Chi sostiene il contrario? il problema sta nel "punto e basta". Il docente Briatore si ferma lì, intendendo che l'imprenditore o il manager sono abilitati ad usare qualsiasi sotterfugio per raggiungere l'obiettivo e poi mettersi in tasca i quattrini alla faccia di tutti, mentre si dovrebbe definire "come" si arrivi a fare utili e "come" gli utili vengano distribuiti. Troppo difficile e sconveniente per certa gente.

Ma lui, Briatore, per un giorno docente bocconiano, se ne frega, come già qualcuno tempo addietro ciarlava. Certo che, se personaggi quali Mario Monti e Elsa Fornero, bocconiani di ferro, fossero andati a fare i camerieri, quelli veri, l'Italia avrebbe sofferto meno, mance esentasse comprese.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011