Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Renzi al Lingotto: un po' Jimi Hendrix un po' Radiohead.
Nel godermi la diretta tv del discorso di Renzi al "Lingotto '17" e scarabocchiando qualche appunto, mi sono ritrovato a provare quasi un moto di sconcerto nel constatare l'ossessivo uso della prima...



I proclami di Grillo (e degli altri) alla prova delle urne
Le burocrazie di partito, spesso per bocca dei massimi dirigenti, non disdegnano di cimentarsi in TV e sulla carta stampata nell’analisi dei dati diffusi dai vari istituti demoscopici con...



È consentito definire cialtrone un ministro senza rischiare una querela?
Sono trascorsi cinque mesi dalle elezioni del 4 marzo e abbiamo avuto modo di farci un’idea esaustiva delle “performance” del nuovo Governo. Siamo in grado, dunque, di qualificare...



Io ti spio, tu mi spii. Spiamoci a vicenda, con amore.
Lo scandalo Datagate, da grana imbarazzante per il presidente Obama, sta assumendo sempre più i connotati di un film comico sulla scia di quelli della serie “Una pallottola...



Il Natale non ci ha reso più buoni, compresi Renzi, Grillo e Berlusconi.
La festività del Natale, con i luoghi comuni e gli appelli “buonisti” portati appresso, sembrava aver contagiato persino i leader politici di casa nostra. Berlusconi taceva, Grillo...



Migranti: Minniti, ministro costruttore di muri… ma un po’ più a Sud.
Che un ministro “renziano” riceva il plauso delle destre d’Italia non deve stupire, se solo ricordiamo che il governo Renzi adottò e, purtroppo, attuò in gran parte il...



Leopolda 7: il ruggito di Renzi e i belati dei renziani.
Ora è chiaro: la kermesse della "Leopolda" è diventata nel corso degli anni il vero congresso del PD. È quello il podio dal quale lui, Renzi, il "comandante supremo", lancia la...



I conti di Conte. Il conto non quadra.
La nozione di “partita doppia”, cioè delle tecniche basilari di contabilità, rifilata a noi allora giovani studenti del Tecnico Commerciale dal professore di Ragioneria tra...



Il fascismo che verrà. Prove in grande stile da parte della destra grillo-leghista.
Spuntano come funghi, di questi tempi, i commentatori e gli analisti pronti a contraddire chiunque, di sinistra e non solo, si permetta di denunciare il pericolo imminente di “regime”...



Briatore il bocconiano e la "Lectio magistralis".
Di enzo sanna · creato il 09/05/2014 17:49 · vista 776 volte · POLITICA · ITALIA


La Lectio magistralis tenuta dal "docente" Briatore alla Bocconi è l'immagine più calzante di quanto in basso sia caduta la sensibilità di certa intellighenzia nostrana. L'uomo va lì a sparar banalità e ad offendere gli studenti seduti in platea invitandoli a fare i camerieri che, secondo lui, guadagnano anche seimila euro al mese, tra stipendio e mance esentasse. Che gran sorriso quando ha evocato, senza pronunciarla, la parola "esentasse"!

Individui con un briciolo d'amor proprio si sarebbero alzati e avrebbero lasciato la sala mentre altri più grintosi avrebbero fischiato o quantomeno rumoreggiato al sentire simili offese. Invece i rampanti giovinastri, futura classe dirigente dell'Italietta barzellettiera, indegna e corrotta, si spellano le mani ad applaudire il "grande" uomo d'affari, di gossip e di spettacolo. Ora, se si può tollerare, ma non troppo, la reazione degli studenti dall'incoscienza infinita, non è tollerabile quella dei docenti della Bocconi che invitano un simile personaggio proponendolo quale esempio da imitare.

A questo punto, ragionandoci su, viene quasi da concordare con Briatore. Infatti, a cosa potrebbero aspirare ragazzi che, da lui platealmente offesi e avviliti, non solo non si ribellano, ma addirittura applaudono? Viene da considerare che questi ragazzi saranno in futuro veramente dei "camerieri", ma non quelli dignitosi e professionali di ristoranti e alberghi, bensì quelli asserviti alle logge politico-economiche che governano oggi e fanno di tutto per governare in futuro, anche invitando un soggetto quale Briatore ad insegnare i "segreti" del successo.

L'intervento del genio Briatore si può condensare nella sua riflessione in base alla quale un imprenditore ha un unico obiettivo: produrre utili, punto e basta. Perbacco! Chi sostiene il contrario? il problema sta nel "punto e basta". Il docente Briatore si ferma lì, intendendo che l'imprenditore o il manager sono abilitati ad usare qualsiasi sotterfugio per raggiungere l'obiettivo e poi mettersi in tasca i quattrini alla faccia di tutti, mentre si dovrebbe definire "come" si arrivi a fare utili e "come" gli utili vengano distribuiti. Troppo difficile e sconveniente per certa gente.

Ma lui, Briatore, per un giorno docente bocconiano, se ne frega, come già qualcuno tempo addietro ciarlava. Certo che, se personaggi quali Mario Monti e Elsa Fornero, bocconiani di ferro, fossero andati a fare i camerieri, quelli veri, l'Italia avrebbe sofferto meno, mance esentasse comprese.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011