Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Jackass Country: la brutta chiusa dell'Italia politica del 2016.
L'anno che termina porta con sé non solo l'inevitabile messe di previsioni astrologiche insieme agli ineludibili bilanci politico-economici ma anche, stavolta, le incredibili cadute di stile...



Le maschere cadute del M5S
I luoghi comuni si sprecano: chi la fa l'aspetti, chi di spada ferisce di spada perisce, si vede il fuscello nell'occhio altrui ma non la trave nel proprio occhio. L'elencazione potrebbe continuare...



Erdogan-Renzi: quando il dieci conta più del quaranta.
Mettere sul medesimo piano, o meglio, nel medesimo piatto, la Turchia di Erdogan e l'Italia renziana può apparire esercizio azzardato persino oltre il classico volo pindarico. Eppure, a...



Tanto tuonò che piovve. Dal giustiziere fascista di Macerata ai braccialetti di Amazon: prove di neo-fascismo alle porte?
L’attentatore ventottenne di Macerata, avvolto nel tricolore con tanto di plateale esibizione di saluto fascista, arrestato dalle forze dell’ordine subito dopo aver sparato...



Una nuova sinistra è possibile, a condizione che rinunci al prefisso “ri”.
Mentre M5S e Lega tubano nel tentativo di trovare un espediente dignitoso (leggi furbesco) di convolare a “giuste” nozze, vale la pena di dare uno sguardo verso sinistra nel tentativo di...



Io ti spio, tu mi spii. Spiamoci a vicenda, con amore.
Lo scandalo Datagate, da grana imbarazzante per il presidente Obama, sta assumendo sempre più i connotati di un film comico sulla scia di quelli della serie “Una pallottola...



Governo: perché Mattarella ha ragione, ma sbaglia.
Le cronache di queste ultime ore non abbisognano di preambolo. Tutti siamo consapevoli di che cosa si sta parlando. Altrettanto sappiamo di quali siano state le reazioni alle decisioni del Presidente...



Renzi al Lingotto: un po' Jimi Hendrix un po' Radiohead.
Nel godermi la diretta tv del discorso di Renzi al "Lingotto '17" e scarabocchiando qualche appunto, mi sono ritrovato a provare quasi un moto di sconcerto nel constatare l'ossessivo uso della prima...



Stiamo dalla parte di Razzi. Perbacco!
Prologo: Razzi Antonio, classe '48 (ma non si deve a tale evento la nota esclamazione "è successo un 48"), offerto in omaggio al popolo italiano per gentile intercessione del berlusconiano...



Candidature UE: quanto interessa l'Europa ai partiti italiani?
Di enzo sanna · creato il 16/04/2014 13:24 · vista 825 volte · POLITICA · ITALIA


Si fa un gran parlare, a proposito e spesso a sproposito, di euro e anti-euro, di spending review, di Banca centrale europea, di trattato di Schengen e via dicendo. A leggere i giornali sembrerebbero temi addirittura vitali per l'Italia e per gli altri stati europei come sono, in effetti. Da ciò dovrebbe conseguirne una qualità delle liste per le prossime elezioni europee all'altezza del mandato, attraverso la candidatura di potenziali rappresentanti adeguati a trattare i temi dell'Unione con competenza e, non sarebbe male, con grinta e determinazione.

Andiamo, allora, a vedere qualche esempio. Iniziamo col partito per il quale i sondaggi "predicono" i migliori risultati, il PD. Ebbene il neo segretario e neo Presidente del consiglio dei ministri tenta il colpo ad effetto infilando cinque donne in capo ai collegi nazionali. Qualcuno già si spella i palmi delle mani per plaudire alla decisione. E ci sarebbe da plaudire se non fosse che, per le elezioni europee, contrariamente all'Italicum, ossia al porcellinum, sono previste, ahinoi, le preferenze. Essere capolista non assicura l'automatica assegnazione del seggio. Si evita qui di approfondire il tema rimandando ai numerosi commenti in merito, compresa l'eccezione riguardante l'aspetto fisico delle candidate che fa dire: "Dove sono finite le racchie ma brave rappresentanti del sesso femminile?". In più, le donne candidate nella lista Tsipras non mancano di "fare le pulci" alle capolista del PD sfidandole già da ora su temi per i quali qualcuna della loro parte votò nella precedente legislatura insieme alla destra europea affossando così una delle poche proposte progressiste avanzate dal PSE.

Non basta. Il PD inserisce nelle proprie liste personaggi più che discutibili. Ne è esempio tale Claudio Bucci, ex consigliere regionale del Lazio, prima con Forza Italia (la vecchia, non la nuova edizione), poi con quella Italia dei Valori che ha saputo regalare a tutti noi personaggi della levatura di Antonio Razzi e Domenico Scilipoti, passati a piè pari tra le fila di Berlusconi al primo suono di piffero. Viene da malignare che il PD renziano stia diventando il nuovo pifferaio nell'attirare e, per giunta, accogliere certuni. Eppure in quel partito non dovrebbero scarseggiare persone con un briciolo di coerenza in più.

Sulla nuova Forza Italia è problematico esprimersi senza rischiare una denuncia per diffamazione, visto come stanno le cose. Meglio evitare commenti, pertanto, limitandosi a constatare il ripescaggio nelle sue liste di politici ampiamente "bolliti" qual è Clemente Mastella, anche lui dal passato non proprio coerente e immacolato, nonché sponsor, a suo tempo, del giovane Renzi.

Non se ne abbiano a male i grillini, ma persino loro non sono ben messi, nonostante gli sforzi malriusciti dei loro guru di farli apparire "duri e puri". Non nuovi a pannellate senza testa né coda, propongono tale Marina Adele Pallotto, nome d'arte "Stellina". Il ricordo non può che andare a parare alla ben più famosa "Cicciolina" la quale, grazie a Pannella, sedette sui banchi del nostro Parlamento e oggi "gode" della lauta pensione da parlamentare, a carico di tutti noi, grazie ai suoi superbi servigi legislativi. La candidata del M5S si premura di farci sapere che lei, però, è "soft". Niente foto con pitoni, dunque, per attirare voti; solo mutandine ristrettesi per i troppi lavaggi.

Si potrebbe continuare con altri casi spesso divertenti, talvolta sconcertanti, di (in)degni candidati alle europee sui quali, c'è da attenderselo, le cronache locali non mancheranno d'aggiornarci, soprattutto in certe aree in cui la Lega nord, per dirne una, ritiene di esercitare ancora un certo appeal. Borghezio è sempre lì, a governare gli eventi.

Si può concludere con la considerazione che ai partiti nazionali interessi poco o niente la qualità della rappresentanza da mandare a Bruxelles, ma solo i numeri dei voti da far valere ad uso casalingo. Stando agli interventi sui media, sia su schermo che su internet o carta stampata, l'unica compagine a sembrare realmente interessata al proprio ruolo in Europa è la lista Tsipras. Gli altri fanno gazzosa, come suole dirsi.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011