Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Un piccolo passo per l’uomo, un grande balzo per l’umanità: Berlusconi Ko.
La storica frase di Neil Armstrong pronunciata nel calpestare per la prima volta il suolo lunare può apparire sprecata, e forse lo è se riferita alla congiuntura politica in cui naviga...



Renzi KO, renzismo OK?
Era il 3 dicembre del 1851 quando Engels scriveva a Marx: "Sembra che Hegel (...) con tutta coscienziosità faccia che tutto si presenti due volte, una volta come tragedia, la seconda volta...



Di Maio-Conte tra la “teca magica” e i “tarocchi”.
Pensavamo di averle viste tutte con Berlusconi? Ebbene, il “mago di Arcore” ha partorito non solo Renzi, ma anche, ora ne abbiamo la certezza assoluta, i grillini suoi emuli, dopo i...



Dieci piccoli indiani: il “giallo” già sbiadito del PDL. Il PD non ne ha letto la trama.
Il romanzo di Agatha Christie, “Dieci piccioli indiani”, vede dieci persone, tra loro sconosciute, invitate a trascorrere un weekend su un’isola denominata Nigger Island. Non sanno...



Robot Vs. umani. E Bill Gates si reinventa “comunista”.
Da quando, nel lontano 1920, Karel Čapek, scrittore ceco, coniò il termine “robot” (robota in lingua originale)per indicare un “lavoratore meccanico” e Isaac Asimov,...



Beppe Grillo nuovamente in RAI? È la solita faccenda del lupo, del pelo e del vizio.
Antefatto: Carlo Freccero, dignitario di corte nella scuderia RAI per conto del M5S, riporterà il “cavaliere” Beppe Grillo in sella al cavallo RAI da cui fu disarcionato a fine...



M5S oramai ridotto a plagiare la guapparia in stile Mario Merola.
Ricordate l’epopea della “guapparia” filmografica alla Mario Merola? A leggere le cronache delle attuali esibizioni grilline, sembra di rivivere le commedie meroliane, per quanto...



Renzi al Lingotto: un po' Jimi Hendrix un po' Radiohead.
Nel godermi la diretta tv del discorso di Renzi al "Lingotto '17" e scarabocchiando qualche appunto, mi sono ritrovato a provare quasi un moto di sconcerto nel constatare l'ossessivo uso della prima...



“Lo dico, poi lo interpreto”. Le nuove miserie dei politici italiani, e non solo.
Tutti conosciamo l’italico detto “Qui lo dico, qui lo nego” da sempre una sorta di modus operandi dei politici di ogni ordine e grado. Si rendeva una dichiarazione poi, a seconda...



Una volta era la DC. Oggi… pure.
Di enzo sanna · creato il 07/11/2013 14:58 · vista 683 volte · POLITICA · ITALIA


La polemica sui tesseramenti anomali che investe il PD sembra fotocopiata dalle cronache che sino agli anni ’90 del secolo scorso facevano sorridere quelli di sinistra, ma non provocavano alcuna indignazione nelle fila dei dirigenti democristiani i quali trovavano scontata quanto ovvia tale prassi. Risultava più brava la corrente capace di tesserare più persone, spesso a loro insaputa, sia da vive che da morte.

Le proporzioni dell’affare che ha investito il PD sono ovviamente ben lontane, nelle proporzioni, da quelle della DC di allora, ma la china si sta inclinando in maniera pericolosa verso quegli approdi. A poco servono le rassicurazioni del segretario Epifani il quale dimostra ancora una volta di essere persona posata, seria e corretta, ma dal “lumen” di una candela spenta. Un segretario di un partito di sinistra, di quelli con gli “attributi”, si sarebbe recato di persona, se non in tutte, almeno in alcune delle sezioni incriminate e, dopo aver calzato stivali rinforzati sulla punta, avrebbe provveduto al riguardo, invece di star lì a tergiversare sparando dichiarazioni scontate nella forma e vuote di prospettiva.

Se poi si considera che un Renzi, quintessenza della futilità politica d’oggidì, può permettersi di strigliare i vertici del partito richiamandoli ad argomentare su disoccupazione e altre materie di sostanza, anziché su quisquiglie procedurali, si potrà meglio comprendere la confusione in atto nei corridoi “piddini”, accompagnata da mancanza di visione e quindi di proposta politica.

Forse sarebbe utile rinchiudere i dirigenti del PD in una grande sala di quelle destinate ai concorsi pubblici e chieder loro di sviluppare il tema dal titolo “Chi siamo, da dove veniamo, dove andiamo”. Va da sé l’inderogabile presenza di numerosi “guardiani” col ruolo di garantire la regolarità della prova impedendo a D’Alema di togliere dalle tasche il tema già sviluppato, ottenuto dai suoi agganci non troppo segreti vantati a destra e a manca, oppure d’impedire a Renzi di copiare dai suoi vicini di banco Franceschini e Veltroni, entrambi discreti romanzieri. A Cuperlo, poi, andrebbe impedito di ricevere spunti attraverso l’arrivo di bigliettini passati sottobanco oppure tramite “coni” di carta lanciati da cerbottane, mentre Epifani potrà permettersi di presentare il proprio compito in bianco, tanto per lui nulla cambia. Bersani, anche lui non ha problemi: presenta il foglio in bianco, ma non del tutto, macchiato com’è da gocce d’olio colate dalla piadina imbottita. La Bindi? Al suono della campana di fine prova, sta ancora scrivendo la brutta copia della parte del titolo: “Da dove veniamo”.

Insomma, il PD sta dando una pessima prova di sé, illudendosi ancora una volta dei sondaggi che lo indicano in crescita. Già Bersani lo fece. L’esito è sotto gli occhi di tutti. Servirà a restituire fiducia il blocco dei nuovi tesseramenti? Intanto c’è da recuperare il consenso dei tesserati storici. Sugli elettori, poi, bisognerà ancora lavorare a fondo. Il centro-destra non starà a guardare. Il PD non sarà la nuova DC, almeno per ora, ma le analogie iniziano ad essere troppe e troppo preoccupanti, soprattutto quando vadano a imitare il peggio di quel partito.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011