Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Miss Italia tra Mentana, la Boldrini e le offese a Eva.
Tutto ebbe inizio con un “sorriso”, nel 1939. Bastava inviare una foto per partecipare. Nel ‘46, sulle macerie ancora polverose della guerra, nacque Miss Italia vera e propria. Non...



Grillini: gli arancini del Movimento.
Nel romanzo di Andrea Camilleri "Gli arancini di Montalbano" il noto commissario fa carte false pur di accogliere l'invito a cena della signora Adelina la quale, a detta di Salvo, cucina i migliori...



“Venghino, signori elettori, venghino!”. Il mercato delle promesse elettorali ha spalancato i battenti.
La battaglia elettorale in vista delle prossime venture consultazioni nazionali non è ancora entrata nel vivo ma già prendono forma gli argomenti sui quali si svolgerà non...



Mini-BOT o maxi truffa?
Si sa: una delle caratteristiche distintive del “bidonista”, ossia dell’imbroglione professionale, sta nel far passare per ovvie, scontate, perfino lapalissiane, le proposizioni...



Renzi-Berlusconi: il papocchio.
Di definizioni relative all’accordo tra il segretario del PD e il presidente della rediviva Forza Italia se se sono lette e sentite a iosa, da quelle entusiaste della stampa di destra alle...



La legittima difesa marcata PD: spara che ti passa... ma solo di notte.
Se non fosse la cruda realtà ci sarebbe da girarla in burla. Il PD, preso a braccetto dagli alleati alfaniani, vara le modifiche alle norme di legge sulla legittima difesa. Al senatore...



Il Grillo “desnudo” tra le proprie miserie e quelle degli avversari.
Brutto affare quando cadono i paraventi e le miserie sono mostrate in pubblico. Chi mai avrebbe pensato di assistere alla scena del condannato Berlusconi intento a zittire i suoi per far quietare le...



Le bugie delle percentuali e le verità dei numeri assoluti.
Il titolo dell'articolo poteva anche essere: il gioco delle tre carte della politica. Ma se una cosa stride nell'uso dei dati e nei commenti relativi alle elezioni regionali appena tenutesi sta nel...



Verso il “Cigno nero” sorvolando nidi giallo-verdi, ossia delle miserie di un Governo rivoluzionario.
Sorbivo al bar il mio solito caffè ristretto, rigorosamente amaro, in compagnia di un ex collega di lavoro oggi collega di pensione, quando un signore a me ignoto accostò con fare...



In morte di Zuzzurro: “Ce l’ho qui la brioche”. E il Mulino Bianco partecipa!
Di enzo sanna · creato il 25/10/2013 17:04 · vista 1420 volte · POLITICA · ITALIA


C’è molto nel mondo dello spettacolo e della pubblicità a infastidire per la mancanza di tatto e di buona creanza. Quando qualcuno dei “loro” muore, si sprecano le espressioni di commiato e di commiserazione. In questo caso, chi scrive si unisce all’addio a un grande “vestito” da piccolo, accompagnato dal suo compagno di scena Gaspare, molto più di una semplice spalla nella vita reale come sul palco. Ebbene, il povero Zuzzurro ci lascia e appena la notizia viene ripresa dai vari siti, appare in alto, a fianco, sopra, sotto, dentro a tutto schermo, la pubblicità delle brioche o dei cornetti del Mulino Bianco.

Che la società Barilla abbia abbondantemente dimostrato, attraverso il suo proprietario, di essere insensibile agli umori della società, toccando in alcuni casi le vette della più incredibile cialtroneria, è ben noto (si vedano le recenti dichiarazioni relative ai gay), ma che si tocchi il fondo del buon gusto pubblicizzando i propri “cornetti” sulla notizia della morte del povero Zuzzurro, dovrebbe convincere ancor più le persone che non lo avessero già fatto a lasciare sugli scaffali dei market i prodotti di questa ditta.

Perché? Ricordate quale era il “tormentone” inventato dal povero Zuzzurro? “Ce l’ho qui la brioche!”, accompagnato dal palmo della mano sbattuto sulla tasca destra dei pantaloni. Ora qualche pubblicitario verrà a spiegarci che è un caso, solo un caso, che la pubblicità delle brioche Mulino Bianco, già da tempo programmata, appaia accoppiata al triste evento. Vadano a farlo credere a Babbo Natale.

Viviamo in una società cinica e cialtrona dove ogni valore, positivo o negativo, viene frullato al punto da impedire di discernere quali siano gli aspetti da assumere in positivo e quali da respingere e combattere. Per fortuna assistiamo anche alle eccezioni. Ricordate l’uomo “con i baffi” della birra Moretti? Ebbene, costoro, i Moretti, dimostrarono, nell’evenienza del decesso del loro testimonial, una tale delicatezza e sensibilità da sospendere la pubblicità del loro prodotto ben oltre le esequie, sino a trovare un valido sostituto.

Se iniziassimo a valutare le imprese in base a questi parametri e, naturalmente, a quelli sulla genuinità dei prodotti, ebbene, renderemmo un immenso beneficio a tutti noi, sia sul piano sanitario che su quello economico in via generale e, perché no, anche su quello morale. Riflettiamo.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011