Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Grillini: gli arancini del Movimento.
Nel romanzo di Andrea Camilleri "Gli arancini di Montalbano" il noto commissario fa carte false pur di accogliere l'invito a cena della signora Adelina la quale, a detta di Salvo, cucina i migliori...



“Venghino, signori elettori, venghino!”. Il mercato delle promesse elettorali ha spalancato i battenti.
La battaglia elettorale in vista delle prossime venture consultazioni nazionali non è ancora entrata nel vivo ma già prendono forma gli argomenti sui quali si svolgerà non...



Mini-BOT o maxi truffa?
Si sa: una delle caratteristiche distintive del “bidonista”, ossia dell’imbroglione professionale, sta nel far passare per ovvie, scontate, perfino lapalissiane, le proposizioni...



Renzi-Berlusconi: il papocchio.
Di definizioni relative all’accordo tra il segretario del PD e il presidente della rediviva Forza Italia se se sono lette e sentite a iosa, da quelle entusiaste della stampa di destra alle...



La legittima difesa marcata PD: spara che ti passa... ma solo di notte.
Se non fosse la cruda realtà ci sarebbe da girarla in burla. Il PD, preso a braccetto dagli alleati alfaniani, vara le modifiche alle norme di legge sulla legittima difesa. Al senatore...



Il Grillo “desnudo” tra le proprie miserie e quelle degli avversari.
Brutto affare quando cadono i paraventi e le miserie sono mostrate in pubblico. Chi mai avrebbe pensato di assistere alla scena del condannato Berlusconi intento a zittire i suoi per far quietare le...



Le bugie delle percentuali e le verità dei numeri assoluti.
Il titolo dell'articolo poteva anche essere: il gioco delle tre carte della politica. Ma se una cosa stride nell'uso dei dati e nei commenti relativi alle elezioni regionali appena tenutesi sta nel...



Verso il “Cigno nero” sorvolando nidi giallo-verdi, ossia delle miserie di un Governo rivoluzionario.
Sorbivo al bar il mio solito caffè ristretto, rigorosamente amaro, in compagnia di un ex collega di lavoro oggi collega di pensione, quando un signore a me ignoto accostò con fare...



Governo: perché Mattarella ha ragione, ma sbaglia.
Le cronache di queste ultime ore non abbisognano di preambolo. Tutti siamo consapevoli di che cosa si sta parlando. Altrettanto sappiamo di quali siano state le reazioni alle decisioni del Presidente...



Miss Italia tra Mentana, la Boldrini e le offese a Eva.
Di enzo sanna · creato il 24/10/2013 16:08 · vista 1620 volte · POLITICA · ITALIA


Tutto ebbe inizio con un “sorriso”, nel 1939. Bastava inviare una foto per partecipare. Nel ‘46, sulle macerie ancora polverose della guerra, nacque Miss Italia vera e propria. Non c’è dubbio: il più longevo brand dello spettacolo, della serie per cui quando sul video appaiono curve femminili hai l’audience assicurato. O no?

Il successo di pubblico, scalfito dalle proteste dei movimenti femministi negli anni ‘70/’80 del secolo scorso, riprendeva vigore con l’annuale “fiera” in cui venivano esibiti i corpi con in cima le più o meno graziose facce di giovani donne sui volti delle quali spesso sfuggiva, e ancora sfugge, il merito del “trucco”, antesignano delle bugie di Photoshop. Negli anni, le prosperose forme da “cascina”, a stento compresse dentro reggiseni rinforzati e slip blindati, si sono evolute in qualcosa di sempre più standardizzato e asettico, se non fosse per l’apparizione, ogni tanto, di antiestetiche onde di cellulite e punte di bucce d’arancia un tempo impensabili in così giovane età, oggi a stento dissimulate dai misericordiosi effetti flow delle telecamere.

Sino allo scorso anno, Mediaset e RAI si contendevano la programmazione dell’evento a colpi di “zero” sugli assegni intestati agli organizzatori. Sino allo scorso anno, appunto, ora non più. Cosa è cambiato se il rifiuto viene persino dalle reti Mediaset le quali, come si sa, tutto ricercano fuorché la qualità della programmazione? Tra i due storici contendenti, ora indisponibili, si fa avanti La7 tra le perplessità, e forse qualcosa d’altro, del suo più autorevole giornalista Mentana che definisce la manifestazione “Non affine al gusto della rete”, con espressione misurata, diplomatica, per far notare l’inopportunità di proporre alla platea di La7 uno spettacolo dal sapore non in linea con quanto si presume possa essere tollerato. Staremo a vedere chi avrà ragione tra Mentana e il proprietario Cairo.

Non basta. Anche la Presidente della Camera Boldrini dice la sua, definendo il rifiuto Rai come “Scelta moderna e civile”. La risposta dai corridoi di Miss Italia? Una patetica foto che ritrae alcune ragazze con maglietta, scritta da chi non è dato sapere, col misero slogan “Né nude, né mute”. E già, neppure quello.

Vuoi stare a vedere che ci ritroviamo a un cambio di passo nella sensibilità sociale riguardo alla donna? Quanto detto sarà una prima avvisaglia di un cambiamento nel sentire collettivo? A volte i fastidiosi rigurgiti preludono a rivoluzioni utili. E, stando ai rigurgiti, viene in mente qualcosa di ignobile che di questi tempi gira in rete, e non solo. Tale Sveva Belviso, ex vicesindaco della Capitale, ha dato il via a una intensa campagna pubblicitaria, con tanto di telefonate a casa, allo scopo di indire un referendum per l’abolizione della legge Merlin e rendere dunque nuovamente legali le “case chiuse”. Questa la considerazione contenuta in un commento all’iniziativa: “La Sveva Belviso vuole un ritorno al mito della prostituzione sana del ventennio mussoliniano”. Ciò che infastidisce non è tanto il constatare che certe proposte provengano da ambienti squallidi, ma il trovare in giro per i blog e per la rete donne anche non di destra pronte ad aderire a tali iniziative.

Persino l’immagine di regime del maschio “cazzuto” si è dissolta miseramente nelle pastigliette viola ostentate da qualche ex Presidente del Consiglio. Figuriamoci! Eppure ci sono donne che ancora scrivono frasi e, dunque, avvalorano il conseguente concetto per cui: “La prostituzione è il mestiere più antico del mondo”. Ma cavoli! In base alle ben note proprietà transitive, se Eva (a lei ci si riferisce) era una prostituta, anche tu donna che lo scrivi e lo accetti quale assunto, appartieni alla categoria, essendone una discendente! E’ mai possibile che certune non si rendano conto della bestiale stupidità della faccenda?

Il comico sta nel fatto che queste donne spesso accusino chi non concordi col loro becero sentire, di essere bigotto o bacchettone, senza neppure rendersi conto di quanto proprio dette categorie, nel segreto dell’urna, gradirebbero votare a favore della riapertura dei casini. Oggi, poi, le carte prepagate garantirebbero la riservatezza al cento per cento. Per fortuna queste donne rappresentano una esigua minoranza, in parte direttamente interessata a fare business, in parte incapaci di ragionare persino su se stesse e, dunque, di rispettare loro e le proprie figlie nel sostenere simili castronerie. E non credo, nonostante tutto, che le partecipanti a Miss Italia siano da includere in tali categorie. Molte di loro hanno una laurea e le capacità per esercitare un ruolo utile alla società, senza far ricorso alle cosce o alle natiche. Stato permettendo.

W le donne, quelle col cervello agganciato; le altre si rechino a firmare il referendum della Belviso, nostalgica del regime. Non meritano di meglio.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011