Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


I proclami di Grillo (e degli altri) alla prova delle urne
Le burocrazie di partito, spesso per bocca dei massimi dirigenti, non disdegnano di cimentarsi in TV e sulla carta stampata nell’analisi dei dati diffusi dai vari istituti demoscopici con...



Renzi il canguro, da Brisbane a Roma saltando i problemi.
Capita a volte di avere l'impressione di vivere in un momento nel quale tutto appare chiaro e, nonostante le evidenze, quel tutto si mescola e s'ingarbuglia al punto tale da trasformarsi nell'opposto...



Un piccolo passo per l’uomo, un grande balzo per l’umanità: Berlusconi Ko.
La storica frase di Neil Armstrong pronunciata nel calpestare per la prima volta il suolo lunare può apparire sprecata, e forse lo è se riferita alla congiuntura politica in cui naviga...



UE, gennaio 2018: un grillo al giorno toglie l’appetito di torno?
Dal primo gennaio 2018 noi europei saremo autorizzati a “ingerire” insetti, e persino ad allevarli. La UE, infatti, ha liberalizzato il commercio e l’allevamento degli insetti,...



Renzi lo spaccone e il PD sull’orlo della spaccatura, a sinistra come a destra.
Che la caduta del governo Letta non abbia procurato lacrime alla gente, fatti salvi i diretti interessati, non è considerazione particolarmente arguta. Il governo Renzi, in parallelo, sembra...



Trump, Tramp o Ciamp? Ossia, delle miserie della pronuncia.
Da quando Trump è presidente degli USA se ne sentono di tutti i “colori”. L’uomo , peraltro, si presta a ogni genere di considerazioni, dalle ilari alle sconsolate, dalle...



La CGIL toglie il sorriso alla Leopolda.
Pochi commentatori, anche tra i più attenti, hanno notato un particolare che da solo illustra meglio di ogni parola o considerazione il significato di quanto accaduto nei giorni scorsi con le...



Briatore il bocconiano e la "Lectio magistralis".
La Lectio magistralis tenuta dal "docente" Briatore alla Bocconi è l'immagine più calzante di quanto in basso sia caduta la sensibilità di certa intellighenzia nostrana. L'uomo...



Nella vicenda ILVA la nemesi del renzismo?
Continuiamo ad assistere pressoché giornalmente alla propaganda renziana, ben spalleggiata da buona parte dei TG pubblici e privati, circa i presunti vantaggi di cui l’intero...



Il PD senza Renzi
Di enzo sanna · creato il 22/09/2019 17:09 · vista 482 volte · POLITICA · ITALIA


Renzi se n’è andato dal PD. Evviva! Finalmente! Era ora! Meglio tardi che mai! Queste (e tante altre) espressioni di giubilo avrebbero dovuto occupare nei giorni scorsi le pagine dei giornali e gli spazi delle trasmissioni TV di approfondimento politico. Invece, a sentire le dichiarazioni dei dirigenti PD, sembra di cogliere solo amarezza e fastidio. Nemmeno un’abbozzata espressione di gioia.

Eppure Renzi meriterebbe un plauso seguito da sconfinata gratitudine, condita di infinita riconoscenza, per aver abbandonato “sua sponte” un partito che lui ha provato a utilizzare tentando di piegarlo alle sue personali velleità, coercendone l’elettorato prima con notevole successo, poi, dopo essere stato in parte smascherato, provando a distruggerlo, quasi riuscendovi. L’attuale segretario del PD dovrebbe assoldare una decina di orchestrine romagnole per rallegrare le direzioni di partito successive all’abbandono renziano.

Zingaretti, se vorrà dimostrare di essere un vero leader, coglierà l’occasione per rivolgersi alle “milionate” di elettori persi da Renzi e dal renzismo convincendo loro che ora il partito potrà cambiare rotta e si accingerà a somigliare a qualcosa di sinistra, almeno alla lontana. Dovrà spiegare, però, lo stesso Zingaretti, quali ragioni lo inducono a mantenere nel partito parecchie scorie tossiche renziane che per ora restano con un piede lì dentro chissà con quale scopo recondito, non difficile da immaginare. Parlare di “cavalli di Troia” indotti a restare tra le mura del partito forse è eccessivo, ma di ronzini lasciati di proposito a pascolare tra le fila PD si può insinuare, eccome.

Dunque, i vari Franceschini la smettano, al netto del segretario, di piangere sul latte versato, anche perché di latte non si tratta, ma di yogurt andato a male. Renzi ha finalmente gettato la maschera, con buona pace di quanti dentro quel partito si comportavano nei suoi confronti come le classiche tre scimmiette del “Non vedo, non sento, non parlo”. Ora si ritengano liberati dall’incantesimo. Il “Meraviglioso mago di Oz” si è rivelato essere, invece, la “Malvagia strega dell’Ovest” del romanzo di Lyman Frank Baum.

A corredo di quanto appena sostenuto, gioverebbe ora l’elencazione delle innumerevoli evidenze della fanfaronaggine del soggetto in questione, ma nulla potrà eguagliare la performance dell’uno e trino Crozza-Renzi-Joker, mirabile sintesi alla quale si rimanda, della contorta, ma poi non troppo, psiche del Matteo nazionale.

Il PD derenzizzato di Zingaretti rappresenta una opportunità unica per imbucare la sola strada percorribile per evitare di scomparire unendo il proprio destino a quello dei decotti grillini: recuperare i solidi basamenti della sinistra: umanesimo, libertà, uguaglianza, solidarietà. Ops. Stiamo forse proponendo di rispolverare “vecchi” concetti datati a circa due secoli e mezzo? Sarà, ma qualcuno tra coloro che si definiscono di sinistra può prescindere da quei concetti e dalla loro trasposizione nell’attività di governo?

Solo gli inutili grillini, che continuano a definirsi “non di destra, non di sinistra” ora scopiazzati, anzi, plagiati dall’antico novello centrista Renzi, possono bearsi di restare nel limbo dell’astratto, del nebuloso, del presunto comodo “sono e non sono; esisto ma non ne sono certo”. Non scomodate, per carità, il massimo drammaturgo inglese che fece esprimere all’incirca a quel modo un suo personaggio. Siamo lontani mille miglia e mille anni luce da un Di Maio e compagnia cantando. Sta di fatto che le teorie grilline sulla “democrazia diretta” da realizzarsi per giunta attraverso piattaforme digitali di assodata manipolazione non è lontana dal pericolo populista del neofascismo leghista.

Forse è il caso che qualcuno consigli Zingaretti di dotarsi di una sorta di apparato cyborg per poter reggere il peso di quanto gli è calato addosso. L’uomo reggerà? Staremo a vedere. Intanto dovrà darsi da fare tra l’Homo insipiens grillino e il retrogrado Australopithecus leghistas, Hominide renzianus permettendo.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011