Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Una volta eravamo -isti, oggi siamo -iani. Che brutta fine.
Lungi dal volersi impelagare in uno slalom attraverso concetti quali deonimici, eponimi, deantroponimici, deonomastici e amenità varie tali da far venire il mal di testa persino ai linguisti...



Il PD senza Renzi
Renzi se n’è andato dal PD. Evviva! Finalmente! Era ora! Meglio tardi che mai! Queste (e tante altre) espressioni di giubilo avrebbero dovuto occupare nei giorni scorsi le pagine dei...



Io ti spio, tu mi spii. Spiamoci a vicenda, con amore.
Lo scandalo Datagate, da grana imbarazzante per il presidente Obama, sta assumendo sempre più i connotati di un film comico sulla scia di quelli della serie “Una pallottola...



La CGIL toglie il sorriso alla Leopolda.
Pochi commentatori, anche tra i più attenti, hanno notato un particolare che da solo illustra meglio di ogni parola o considerazione il significato di quanto accaduto nei giorni scorsi con le...



Il feldmaresciallo Salvini.
Macché Capitano! Promuoviamolo sul campo questo brav’uomo. Lui, Salvini, appellato del grado dalla stampa scritta e non, lavora indefesso giorno dopo giorno, ora dopo ora, minuto dopo...



L’italiano “medio” ama Salvini?
L’italiano “medio” ama Salvini? La domanda, per non essere considerata banale, necessita di qualche precisazione; intanto che cosa si intende per “italiano medio”....



"Quindici uomini sulla cassa del morto". L'Italia sospesa tra epilogo e resurrezione.
Molti ricorderanno la famosa canzone dello sceneggiato televisivo "L'isola del tesoro", tratto dal romanzo di Stevenson e mandato in onda dalla RAI quando chi scrive aveva ancora i pantaloncini...



I proclami di Grillo (e degli altri) alla prova delle urne
Le burocrazie di partito, spesso per bocca dei massimi dirigenti, non disdegnano di cimentarsi in TV e sulla carta stampata nell’analisi dei dati diffusi dai vari istituti demoscopici con...



L'anno del "sarchiapone". Da Trump a Renzi, da Grillo a Salvini per non dir degli altri.
Nel calendario cinese, gli anni vengono associati al nome di un animale dello zodiaco di casa loro, dalla tigre al topo, dal serpente alla scimmia, dalla gallina al maiale e via elencando. Volendo...



M5S-Lega: partiti di latta e di sgoverno.
Di enzo sanna · creato il 07/08/2019 16:05 · vista 330 volte · POLITICA · ITALIA


Ricordate il partito di lotta e di governo? Il concetto voleva rappresentare un soggetto politico capace di far quadrare la lotta, dunque la protesta, con l’iniziativa (progressista) di governo. Dalla metà degli anni ‘70 dello scorso secolo a oggi abbiamo assistito a diverse proposizioni di governo susseguitesi nel tempo, dal craxismo in poi, con un unico attributo ben distinguibile: l’imbroglio mediatico. Lontani anni luce, dunque, dall’originale enunciato berlingueriano.
 
Tutto iniziò con Craxi il quale ebbe il demerito di rendere scientifico il già diffuso, per dire il vero, malaffare democristiano sino a beccarsi il lancio in faccia delle monetine. Molti pensarono, illusi: “Ora si cambia”. Costoro non avevano fatto i conti, però, col cosiddetto “italiano medio”, quello della famosa maggioranza silenziosa, colui che, per intenderci, gode del malaffare diffuso postulando di ricavarne prima o poi un qualche vantaggio personale.

Defunto (politicamente) Craxi, ecco assurgere ai vertici della Repubblica lui, Silvio Berlusconi, già beneficiario dei generosi lasciti craxiani. Ci troviamo, allora, umili schiavi del nuovo “uomo forte” della politica italiana, colui che ha ridefinito in maniera ancora più spregiudicata e spregevole l’antico concetto di ”ad usum nostrorum tantum”, qualsiasi cosa significhi.

Da Berlusconi a Renzi il passaggio è automatico, si potrebbe osare definirlo uno scontato esempio di evoluzione darwiniana. Ecco il nostro eroe Matteo, dunque, replicare la favola di Fedro, gonfiandosi quanto la nota rana dopo aver ottenuto oltre il quaranta per cento dei voti alle elezioni europee. Ma come accadde alla povera rana della favola, il Renzi presto scoppiò.

A chi potevano rivolgersi, a questo punto, gli ex democristiani, ex craxiani, ex berlusconiani, ex renziani per tener fede alla loro immutata fiducia nell’imbroglio? Dai e poi dai, vaffa su vaffa, reddito di cittadinanza su reddito di cittadinanza, flat tax su flat tax, eccoli approdare, i poveri elettori, sulle sponde dove li attende il traghettatore della palude stigia, impersonato da un comico dalla criniera bigia e fluente, mentre sulla sponda opposta saranno presto attesi, e accolti, dal “Cerbero” Salvini, propugnatore d’odio e di violenza.

Il partito di lotta e di governo è sparito, lasciando il campo, dalla teorizzazione originaria a oggi, al partito di latta, rappresentato dagli inutili grillini, al partito di sgoverno del neofascismo salviniano. Dobbiamo solo rassegnarci, oppure i tanti, troppi rinunciatari finiti nel non voto avranno finalmente un moto d’orgoglio proponendo alla parte più sensibile dell’elettorato una proposta di governo serio e capace, avulso da ogni imbroglio mediatico?

Chissà. Tra le sponde della palude stigia, quella grillina da un lato e quella cerbero-salviniana dall’altro, si potrebbe organizzare un servizio di salvataggio dei profughi indicando loro un porto sicuro e accogliente dove sbarcare. Caronte permettendo.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011