Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Una nuova sinistra è possibile, a condizione che rinunci al prefisso “ri”.
Mentre M5S e Lega tubano nel tentativo di trovare un espediente dignitoso (leggi furbesco) di convolare a “giuste” nozze, vale la pena di dare uno sguardo verso sinistra nel tentativo di...



Il fascismo che verrà. Prove in grande stile da parte della destra grillo-leghista.
Spuntano come funghi, di questi tempi, i commentatori e gli analisti pronti a contraddire chiunque, di sinistra e non solo, si permetta di denunciare il pericolo imminente di “regime”...



La terra promessa di Letta, miraggio nel deserto delle idee.
La prima considerazione a venire alla mente dopo le ultime dichiarazioni del Presidente del Consiglio Letta circa la “terra promessa” oramai vicina è che vi sia più...



Grasso che cola sulla sinistra “unita”? Staremo a vedere.
Di questi tempi, parlare di sinistra unita può somigliare a un miraggio. Ma ci vuole un attimo a scuotersi dall’intontimento e comprendere quanto il miraggio rifranga il vacuo, il...



Attentato di Manchester Arena: lacrime per la piccola Saffie. È ora d'agire.
Devo ammetterlo, non me ne vergogno: quanto in TV è apparsa la foto della piccola Saffie Rose Rousso, bimba di appena otto anni massacrata nello stadio di Manchester Arena con affianco la...



La particella Xi e la speranza della sinistra.
Nell’accavallarsi dei titoli d’apertura dei TG si rischia, in parecchie occasioni, di provare una vaga sensazione di disorientamento. In qualche raro caso, invece, la sequenza dei titoli...



Robot Vs. umani. E Bill Gates si reinventa “comunista”.
Da quando, nel lontano 1920, Karel Čapek, scrittore ceco, coniò il termine “robot” (robota in lingua originale)per indicare un “lavoratore meccanico” e Isaac Asimov,...



Renzi KO, renzismo OK?
Era il 3 dicembre del 1851 quando Engels scriveva a Marx: "Sembra che Hegel (...) con tutta coscienziosità faccia che tutto si presenti due volte, una volta come tragedia, la seconda volta...



Rassegnati a un’Italia decadente, infangata e cialtrona?
Leggere sui giornali o, peggio, udire nei talk show gli interventi dei politici italiani in merito alla vicenda Telecom, lascia esterrefatti. Quando poi l’amministratore delegato di Telecom,...



M5S-Lega: partiti di latta e di sgoverno.
Di enzo sanna · creato il 07/08/2019 16:05 · vista 86 volte · POLITICA · ITALIA


Ricordate il partito di lotta e di governo? Il concetto voleva rappresentare un soggetto politico capace di far quadrare la lotta, dunque la protesta, con l’iniziativa (progressista) di governo. Dalla metà degli anni ‘70 dello scorso secolo a oggi abbiamo assistito a diverse proposizioni di governo susseguitesi nel tempo, dal craxismo in poi, con un unico attributo ben distinguibile: l’imbroglio mediatico. Lontani anni luce, dunque, dall’originale enunciato berlingueriano.
 
Tutto iniziò con Craxi il quale ebbe il demerito di rendere scientifico il già diffuso, per dire il vero, malaffare democristiano sino a beccarsi il lancio in faccia delle monetine. Molti pensarono, illusi: “Ora si cambia”. Costoro non avevano fatto i conti, però, col cosiddetto “italiano medio”, quello della famosa maggioranza silenziosa, colui che, per intenderci, gode del malaffare diffuso postulando di ricavarne prima o poi un qualche vantaggio personale.

Defunto (politicamente) Craxi, ecco assurgere ai vertici della Repubblica lui, Silvio Berlusconi, già beneficiario dei generosi lasciti craxiani. Ci troviamo, allora, umili schiavi del nuovo “uomo forte” della politica italiana, colui che ha ridefinito in maniera ancora più spregiudicata e spregevole l’antico concetto di ”ad usum nostrorum tantum”, qualsiasi cosa significhi.

Da Berlusconi a Renzi il passaggio è automatico, si potrebbe osare definirlo uno scontato esempio di evoluzione darwiniana. Ecco il nostro eroe Matteo, dunque, replicare la favola di Fedro, gonfiandosi quanto la nota rana dopo aver ottenuto oltre il quaranta per cento dei voti alle elezioni europee. Ma come accadde alla povera rana della favola, il Renzi presto scoppiò.

A chi potevano rivolgersi, a questo punto, gli ex democristiani, ex craxiani, ex berlusconiani, ex renziani per tener fede alla loro immutata fiducia nell’imbroglio? Dai e poi dai, vaffa su vaffa, reddito di cittadinanza su reddito di cittadinanza, flat tax su flat tax, eccoli approdare, i poveri elettori, sulle sponde dove li attende il traghettatore della palude stigia, impersonato da un comico dalla criniera bigia e fluente, mentre sulla sponda opposta saranno presto attesi, e accolti, dal “Cerbero” Salvini, propugnatore d’odio e di violenza.

Il partito di lotta e di governo è sparito, lasciando il campo, dalla teorizzazione originaria a oggi, al partito di latta, rappresentato dagli inutili grillini, al partito di sgoverno del neofascismo salviniano. Dobbiamo solo rassegnarci, oppure i tanti, troppi rinunciatari finiti nel non voto avranno finalmente un moto d’orgoglio proponendo alla parte più sensibile dell’elettorato una proposta di governo serio e capace, avulso da ogni imbroglio mediatico?

Chissà. Tra le sponde della palude stigia, quella grillina da un lato e quella cerbero-salviniana dall’altro, si potrebbe organizzare un servizio di salvataggio dei profughi indicando loro un porto sicuro e accogliente dove sbarcare. Caronte permettendo.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011