Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Dal Sindaco d’Italia all’Avvocato degli italiani, ossia da Renzi a Conte. Che brutta fine!
Ricordate il “Sindaco d’Italia”? Sì, parliamo della definizione affibbiata, tra l’apprezzamento e il dileggio, all’allora rampante Matteo Renzi, ex Sindaco di...



Governo: perché Mattarella ha ragione, ma sbaglia.
Le cronache di queste ultime ore non abbisognano di preambolo. Tutti siamo consapevoli di che cosa si sta parlando. Altrettanto sappiamo di quali siano state le reazioni alle decisioni del Presidente...



Da Stachanov all'operaio cinese passando per il precario italiano, col plauso di Marchionne.
Molti lettori ricorderanno la figura di Stachanov, il minatore russo che negli anni dello stalinismo riuscì a moltiplicare per dieci quella che oggi si definisce "produttività",...



Renzi al Lingotto: un po' Jimi Hendrix un po' Radiohead.
Nel godermi la diretta tv del discorso di Renzi al "Lingotto '17" e scarabocchiando qualche appunto, mi sono ritrovato a provare quasi un moto di sconcerto nel constatare l'ossessivo uso della prima...



Nella vicenda ILVA la nemesi del renzismo?
Continuiamo ad assistere pressoché giornalmente alla propaganda renziana, ben spalleggiata da buona parte dei TG pubblici e privati, circa i presunti vantaggi di cui l’intero...



Le bugie delle percentuali e le verità dei numeri assoluti.
Il titolo dell'articolo poteva anche essere: il gioco delle tre carte della politica. Ma se una cosa stride nell'uso dei dati e nei commenti relativi alle elezioni regionali appena tenutesi sta nel...



Una nuova sinistra è possibile, a condizione che rinunci al prefisso “ri”.
Mentre M5S e Lega tubano nel tentativo di trovare un espediente dignitoso (leggi furbesco) di convolare a “giuste” nozze, vale la pena di dare uno sguardo verso sinistra nel tentativo di...



Tifavo per Obama, ammiravo Hollande. Ma la Terra è ancora tonda?
Era il terzo secolo a.c. quando Eratostene calcolò la circonferenza terrestre con una approssimazione impressionante per i tempi, se si pensa al modo col quale fu misurata, cioè sulla...



La furbesca pubblicità di Mediaset nel (quasi) generale disinteresse.
Ai tempi di Carosello, quello originale di metà del secolo scorso, la pubblicità aveva una e una sola “mission” (si sopporti qualche termine mutuato dall’inglese,...



Governo: dal “Mistero buffo” alla buffonata priva di misteri.
Di enzo sanna · creato il 31/05/2018 14:14 · vista 65 volte · POLITICA · ITALIA


Dario Fo, assurto suo buongrado a nume tutelare dei grillini, scrisse l’apprezzata opera drammaturgica “Mistero buffo”. Oggi, se risorgesse, potrebbe abbozzare il seguito (sequel, per gli anglofili) dell’opera, stavolta, però, meno “cerebrale” ma più banalmente comico-drammatica, dal titolo “Mistero buffo n.2”. Forse, chissà, con altrettanta fortuna.

Le “netiquette” dei vari siti on line rivolgono agli utenti alcune raccomandazioni (ciò che non si dovrebbe fare) come ad esempio evitare di esprimere frasi o concetti offensivi o volgari, e anche di scrivere in maiuscolo, che on line equivale a urlare. Naturalmente, come possiamo verificare a ogni click, i più neanche stanno a leggere la netiquette e buona parte dei pochi che l’hanno letta la ignorano. Chiedo anticipatamente scusa, pertanto, se mi permetto di adeguarmi alla massa e di scrivere una parola in maiuscolo, una sola, della serie “quando ci vuole, ci vuole”. Ebbene, eccola: “BUFFONI!”

Come considerare altrimenti il comportamento dei rappresentati grillini e leghisti, con la fresca aggiunta dei fratellini d’Italia, questi ultimi tanto avvezzi a rendersi comici da autodefinirsi “patrioti”. E non sono forse una buffonata le consultazioni grilline sulla “Piattaforma Rousseau” seguite da quelle dei “banchetti” della Lega ex Nord? Cosa inventerebbe Dario Fo nel far rilevare come i grillini e i leghisti si stiano rimangiando giorno dopo giorno, ora dopo ora, minuto dopo minuto tutte le promesse elettorali? A quale “personaggio medioevale” affiderebbe il ruolo di “dicitore” della buffa odierna commedia?

Personalmente, non ho mai accettato la definizione cromatica dell’ipotetico governo grillino-leghista dipinto in giallo-verde che ora diverrebbe, con l’abbraccio della Meloni, giallo-verde-nero. Ops, vi ricorda qualcosa? I “patrioti” scimmiottano pari pari il tentativo dei tedeschi di metter su una aggregazione definita oltralpe coalizione Giamaica. La faccenda, se stiamo ai colori, diventa inquietante nella similitudine, ma ancora più nelle prospettive politiche. Altro che patrioti, solo scimmiottatori di altrui pochezze. Ciò che non è riuscito alla Merkel in Germania, rischia di riuscire a Salvini in Italia, con la succube accettazione grillina e la comica adesione “patriottica” di FdI. La Merkel, comunque, ha fallito nell’intento mentre la Giamaica italiana sembra pronta a procedere, almeno nel momento in cui viene scritto questo pezzo; poi, “… del doman non v’è certezza”. Ma non illudiamoci, il colore della coalizione che si appresta a governare l’Italia non sa di Giamaica, è invece un monocolore nero Salvini-nero DiMaio-nero Meloni.

Di fronte alla prospettiva di un governo di destra-destra-destra si sta aprendo alla sinistra una incredibile prospettiva per riportare a casa il mal-perso a causa della vergogna renziana e della insipienza degli ex PD. Ma dove sono i segnali di germoglio di una nuova pianta? Per quanto dovremo ancora camminare sul fogliame secco e marcescente del renzismo che ancora imperversa sui media senza vergogna alcuna?



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011