Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Governo: perché Mattarella ha ragione, ma sbaglia.
Le cronache di queste ultime ore non abbisognano di preambolo. Tutti siamo consapevoli di che cosa si sta parlando. Altrettanto sappiamo di quali siano state le reazioni alle decisioni del Presidente...



Da Stachanov all'operaio cinese passando per il precario italiano, col plauso di Marchionne.
Molti lettori ricorderanno la figura di Stachanov, il minatore russo che negli anni dello stalinismo riuscì a moltiplicare per dieci quella che oggi si definisce "produttività",...



Renzi al Lingotto: un po' Jimi Hendrix un po' Radiohead.
Nel godermi la diretta tv del discorso di Renzi al "Lingotto '17" e scarabocchiando qualche appunto, mi sono ritrovato a provare quasi un moto di sconcerto nel constatare l'ossessivo uso della prima...



Nella vicenda ILVA la nemesi del renzismo?
Continuiamo ad assistere pressoché giornalmente alla propaganda renziana, ben spalleggiata da buona parte dei TG pubblici e privati, circa i presunti vantaggi di cui l’intero...



Le bugie delle percentuali e le verità dei numeri assoluti.
Il titolo dell'articolo poteva anche essere: il gioco delle tre carte della politica. Ma se una cosa stride nell'uso dei dati e nei commenti relativi alle elezioni regionali appena tenutesi sta nel...



Una nuova sinistra è possibile, a condizione che rinunci al prefisso “ri”.
Mentre M5S e Lega tubano nel tentativo di trovare un espediente dignitoso (leggi furbesco) di convolare a “giuste” nozze, vale la pena di dare uno sguardo verso sinistra nel tentativo di...



Tifavo per Obama, ammiravo Hollande. Ma la Terra è ancora tonda?
Era il terzo secolo a.c. quando Eratostene calcolò la circonferenza terrestre con una approssimazione impressionante per i tempi, se si pensa al modo col quale fu misurata, cioè sulla...



La furbesca pubblicità di Mediaset nel (quasi) generale disinteresse.
Ai tempi di Carosello, quello originale di metà del secolo scorso, la pubblicità aveva una e una sola “mission” (si sopporti qualche termine mutuato dall’inglese,...



Io ti spio, tu mi spii. Spiamoci a vicenda, con amore.
Lo scandalo Datagate, da grana imbarazzante per il presidente Obama, sta assumendo sempre più i connotati di un film comico sulla scia di quelli della serie “Una pallottola...



Dal Sindaco d’Italia all’Avvocato degli italiani, ossia da Renzi a Conte. Che brutta fine!
Di enzo sanna · creato il 24/05/2018 21:47 · vista 81 volte · POLITICA · ITALIA


Ricordate il “Sindaco d’Italia”? Sì, parliamo della definizione affibbiata, tra l’apprezzamento e il dileggio, all’allora rampante Matteo Renzi, ex Sindaco di Firenze il quale, senza essere stato “eletto”, si apprestava a dare il benservito all’allora Presidente del Consiglio Enrico Letta, operazione conclusa con pieno successo. Portando avanti di qualche anno le lancette dell’orologio, assistiamo un po’ allibiti alla dichiarazione dell’attuale incaricato Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, altro “non eletto”, autodefinitosi (pessima entree) Avvocato degli italiani.

A questo punto viene forte la tentazione di buttar giù un “pezzo” satirico alla “Fortebraccio” (ricordate?) più che un’analisi compita della situazione. Infatti, la prima domanda che salta spontanea è: “Scusi, avvocato Conte, chi cavolo lo ha “assunto” per patrocinare tutti noi italiani? E poi, in quale tribunale? E poi ancora: chi dovrà pagarle la parcella? E ancora e ancora, oltre il poi, chi, a parte Salvini e Di Maio, lo ha autorizzato ad agire in nome del popolo “tutto” (dato che neppure è stato eletto) e non della sola maggioranza che lo ha indicato, ammesso che persista come tale, viste le risicate cifre in Senato, nonostante i novelli Razzi e Scilipoti?

Assisteremo ancora una volta al dualismo, forse pure alla dicotomia, tra il dire e il fare che tanto bene ha rappresentato l’epopea renziana? Ebbene sì, date le evidenze. Sembra proprio che Salvini e DiMaio rappresentino la quintessenza del primitivo concetto d’inganno, in continuità col renzismo. Con buona pace di quegli elettori di sinistra, votanti per il M5S, convinti di poter dare una spallata alla obsoleta burocrazia di partito palesemente dimostratasi incapace d’interpretare le dinamiche socio-economiche della società attuale, ci ritroviamo governati dal peggio che si potesse immaginare: un paiolo nel quale non vengono amalgamati con antica sapienza la polenta col formaggio d’alpeggio, ma razzismo, xenofobia, qualunquismo, ipocrisia, inconcludenza, insipienza e… (il lettore seguiti nella sequenza).

Pertanto, cari italiani, come al solito tutto cambia perché nulla cambi. Avete sentito esprimere qualche volta nel passato tale concetto noto come gattopardismo? Ne avete il lampante esempio sotto gli occhi, anzi, siccome siamo contemporanei, lo vedete e sentite sui monitor delle vostre TV. Non ne siete convinti? Eccone un esempio lampante: se Di Maio dichiara in data 24 maggio corrente mese, dagli schermi suddetti, che “Il governo nascente partirà dalla parte più povera del Paese” e gli fate notare come la “Flat Tax” costituisca la negazione assoluta di quel concetto… opla!

Da altre parti, poi, si boccheggia. Il PD, per bocca di Orfini, brutalizza Minniti sulle politiche migratorie! Verrebbe da sussurrare nei suoi padiglioni auricolari: “Ma dai! Te ne accorgi solo ora?”. Intanto, sembra che Renzi, sempre lui, lo sfascista genico, stia tramando per dare corpo alla propria idea originaria, quella di farsi il proprio partito personale “alleabile” finalmente con ciò che avanza di Forza Italia prima che i rimasugli ne vengano fagocitati dalla Lega ex Nord.

Insomma, il “mondo diverso” auspicato da Salvini e Di Maio risulta una riedizione peggiorativa del già noto. Prepariamoci al peggio. A meno che non capiti, puta caso, di assistere al “miracolo” di una sinistra capace di proporsi autorevolmente alla guida di un paese disastrato, magari attingendo alla storia, ma senza l’inutile esercizio del “copia e incolla”. E poi, se persino l’ipergrillino “Il Fatto Quotidiano” inizia a provare vergona delle attuali performance grilline, forse resta qualche speranza da coltivare.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011