Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


M5S dopo Rimini al bivio tra la politica politicante e una Scientology made in Italy.
Rimini, Rimini! Sembra il titolo di un film degli anni ’80 dello scorso secolo, di quelli, per intenderci, interpretati raramente da comici autentici, più spesso da attori meno dotati...



Governo: dal “Mistero buffo” alla buffonata priva di misteri.
Dario Fo, assurto suo buongrado a nume tutelare dei grillini, scrisse l’apprezzata opera drammaturgica “Mistero buffo”. Oggi, se risorgesse, potrebbe abbozzare il seguito (sequel,...



Dal Sindaco d’Italia all’Avvocato degli italiani, ossia da Renzi a Conte. Che brutta fine!
Ricordate il “Sindaco d’Italia”? Sì, parliamo della definizione affibbiata, tra l’apprezzamento e il dileggio, all’allora rampante Matteo Renzi, ex Sindaco di...



Governo: perché Mattarella ha ragione, ma sbaglia.
Le cronache di queste ultime ore non abbisognano di preambolo. Tutti siamo consapevoli di che cosa si sta parlando. Altrettanto sappiamo di quali siano state le reazioni alle decisioni del Presidente...



Da Stachanov all'operaio cinese passando per il precario italiano, col plauso di Marchionne.
Molti lettori ricorderanno la figura di Stachanov, il minatore russo che negli anni dello stalinismo riuscì a moltiplicare per dieci quella che oggi si definisce "produttività",...



Renzi al Lingotto: un po' Jimi Hendrix un po' Radiohead.
Nel godermi la diretta tv del discorso di Renzi al "Lingotto '17" e scarabocchiando qualche appunto, mi sono ritrovato a provare quasi un moto di sconcerto nel constatare l'ossessivo uso della prima...



Nella vicenda ILVA la nemesi del renzismo?
Continuiamo ad assistere pressoché giornalmente alla propaganda renziana, ben spalleggiata da buona parte dei TG pubblici e privati, circa i presunti vantaggi di cui l’intero...



Le bugie delle percentuali e le verità dei numeri assoluti.
Il titolo dell'articolo poteva anche essere: il gioco delle tre carte della politica. Ma se una cosa stride nell'uso dei dati e nei commenti relativi alle elezioni regionali appena tenutesi sta nel...



Tifavo per Obama, ammiravo Hollande. Ma la Terra è ancora tonda?
Era il terzo secolo a.c. quando Eratostene calcolò la circonferenza terrestre con una approssimazione impressionante per i tempi, se si pensa al modo col quale fu misurata, cioè sulla...



Una nuova sinistra è possibile, a condizione che rinunci al prefisso “ri”.
Di enzo sanna · creato il 29/03/2018 22:12 · vista 250 volte · POLITICA · ITALIA


Mentre M5S e Lega tubano nel tentativo di trovare un espediente dignitoso (leggi furbesco) di convolare a “giuste” nozze, vale la pena di dare uno sguardo verso sinistra nel tentativo di comprendere che cosa stia avvenendo da quelle parti dopo la batosta elettorale, con una precisazione: parlare di sinistra esclude, come ovvio, il PD renziano.

È un dato la fuga di elettori dal PD, ma anche da coloro i quali, troppo tardi e troppo male, sono usciti da quel partito stipando in valigia le medesime magagne della casa madre. La formazione di Liberi e Uguali, infatti, supera a stento un misero 3% pur essendo infarcita di personalità di assoluto rilievo tra cui si annoverano ex presidenti delle Camere, ex segretari di partito, ex presidenti del Consiglio, ex ministri e via proseguendo. Non sfugge al medesimo destino persino Potere al Popolo che, seppure in debito di visibilità, si ferma intorno al 1%. Eppure stavolta l’elettorato di sinistra non si è rifugiato, se non in parte, nell’astensionismo, ma si è espresso nell’urna, eccome.

Lo studio dei flussi elettorali ha evidenziato un massiccio spostamento di elettorato di sinistra verso il M5S. Dunque, la sinistra è morta? Dobbiamo prendere atto che le storiche classificazioni di appartenenza politica, destra e sinistra, sono superate? Neppure per idea. Lasciamo che a esprimere simili amenità siano persone come Grillo o Di Maio o, ancora, Salvini. Semplicemente, gli elettori di sinistra si sono stancati di lanciare segnali di insofferenza nei confronti del “potere costituito” incapace di dare risposte concrete alle necessità della gente, divenute urgenze col trascorrere del tempo e delle scellerate scelte di governo. Non solo, la tracotante arroganza renziana ha infierito sui giovani precarizzandone l’esistenza e strappando loro persino quel po’ di speranza residua, così come ha fatto con i lavoratori privandoli anche dei minimi diritti, abbandonandoli alla mercé di una imprenditoria cialtrona sempre più avvezza allo sfruttamento e, quando neppure quello è sufficiente all’arricchimento, ad abbandonare baracca e burattini per recarsi in altri lidi dove gli schiavi costano persino di meno. Tutto questo con l’assenso di un governo del Paese sprezzante nella forma quanto inefficace nella sostanza, checché ne dicano i dati statistici sciorinati da poco credibili commentatori di parte, puntualmente smentiti dall’oggettività del vivere quotidiano.

Dal ragionamento ne consegue che nessuno, proprio nessuno, a sinistra, può abbozzare un seppur flebile sorriso. Eppure, a parlare con tante persone, si percepisce chiaro il desiderio di sentirsi rappresentate nelle loro istanze come nei loro bisogni dalla parte che, in coscienza, considerano vicina, ma dalla quale si sono sentite tradite tanto da volerla punire con un voto dal significato inconfutabile: cambiate registro (e magari anche persone)!
Il messaggio, uscito dalle urne chiaro e forte, sembra non aver prodotto risultati apprezzabili tra gli “addetti ai lavori” di quelle parti. Ci saremmo aspettati qualcosa di più di una autocritica di circostanza. Invece quel che si sente è una sorta di déjà-vu condito di prefissi “ri” quali ri-fondare, ri-costruire, ri-nascita, ri-vedere, ri-pensare e via dicendo. Una “nuova” sinistra dovrà stare alla larga dal prefisso suddetto pena ripetere (dove il “ri” non è un prefisso) i medesimi errori del passato.

Il tentativo abortito del Brancaccio, unica vera novità che si prospettava a sinistra prima delle elezioni, merita di non finire nel dimenticatoio. Anna Falcone e Tomaso Montanari, promotori dell’evento, possono ancora afferrare le redini con presa ferma e stavolta proseguire il percorso costituente rivolgendosi direttamente alle persone e non agli apparati di partitini fantasma. Solo così si recupererà la fiducia del disilluso “popolo” della sinistra invertendo la transumanza verso il M5S, movimento che non potrà in nessun caso rappresentare le istanze di giustizia ed equità sociale, di tutela del lavoro, e di quanto è nel DNA della sinistra.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011