Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Governo: perché Mattarella ha ragione, ma sbaglia.
Le cronache di queste ultime ore non abbisognano di preambolo. Tutti siamo consapevoli di che cosa si sta parlando. Altrettanto sappiamo di quali siano state le reazioni alle decisioni del Presidente...



Dal Sindaco d’Italia all’Avvocato degli italiani, ossia da Renzi a Conte. Che brutta fine!
Ricordate il “Sindaco d’Italia”? Sì, parliamo della definizione affibbiata, tra l’apprezzamento e il dileggio, all’allora rampante Matteo Renzi, ex Sindaco di...



Caso Salvini: quando l’ipocrisia trapassa le nuvole e sfonda la cupola del cielo.
Ci siamo arrivati! Il punto di non ritorno sembra essere stato raggiunto. Superfluo riassumere la nota vicenda della richiesta di messa sotto accusa di Salvini per i reati di sequestro di persona,...



Il M5S nuoce alla salute? Sembra di sì, a detta dei suoi stessi aderenti.
A sentire le cronache dei vari TG, se ne può dedurre che il M5S costituisca un serio pericolo per la salute. Da cosa deriva una simile considerazione? L’eurodeputato pentastellato David...



Una nuova sinistra è possibile, a condizione che rinunci al prefisso “ri”.
Mentre M5S e Lega tubano nel tentativo di trovare un espediente dignitoso (leggi furbesco) di convolare a “giuste” nozze, vale la pena di dare uno sguardo verso sinistra nel tentativo di...



I conti di Conte. Il conto non quadra.
La nozione di “partita doppia”, cioè delle tecniche basilari di contabilità, rifilata a noi allora giovani studenti del Tecnico Commerciale dal professore di Ragioneria tra...



Il Grillo “desnudo” tra le proprie miserie e quelle degli avversari.
Brutto affare quando cadono i paraventi e le miserie sono mostrate in pubblico. Chi mai avrebbe pensato di assistere alla scena del condannato Berlusconi intento a zittire i suoi per far quietare le...



Candidature UE: quanto interessa l'Europa ai partiti italiani?
Si fa un gran parlare, a proposito e spesso a sproposito, di euro e anti-euro, di spending review, di Banca centrale europea, di trattato di Schengen e via dicendo. A leggere i giornali sembrerebbero...



2016: la fine del PD?
Nel leggere il titolo dell'articolo, più d'uno lo considererà un puro esercizio speculativo del solito "gufo" che non si rassegna a vedere il PD renziano solido e in buona salute....



Il 4 marzo voteremo tappandoci il naso o per sottrazione?
Di enzo sanna · creato il 28/02/2018 18:15 · vista 365 volte · POLITICA · ITALIA


Assistiamo, a pochi giorni dalle elezioni, a una sorta di appello da ultima spiaggia lanciato dai leader dei vari partiti o movimenti. Inizia Renzi, gorgogliando con l’acqua alla gola, allo scopo di convincere gli indecisi ma soprattutto coloro che si apprestano a votare per le formazioni di sinistra, quelle fuori dal PD, affinché, magari tappandosi il naso, optino per l’ipotetico “voto utile”, cioè un voto per lui, Renzi, ovviamente.

Sì, perché nel concetto renziano, chi vota per gli altri esprime un voto “inutile”. Ci vorrebbe veramente poco ad argomentare circa l’inconsistenza di tale approccio, magari facendo notare come l’attuale infido sistema elettorale sia stato concepito proprio dai renziani i quali solo ora si rendono conto dell’errore di calcolo dopo aver imposto l’attuale normativa a colpi di voti di fiducia, della serie “Chi la fa l’aspetti”.

Seguono a ruota gli altri attori, pronti ad approfittare della insulsaggine renziana. Ecco allora il centrodestra, mai tanto diviso quanto oggigiorno, far finta di apparire unito alla moda di fratelli-coltelli, preludio di quanto potrebbe accadere in caso di affermazione elettorale. La destra grillina, invece, decide di sparare le solite inconcludenti cartucce a salve indicando persino l’intera squadra di governo senza rendersi conto (ma è da loro) di calpestare, così, gli stessi dettami della democrazia costituzionale: Ma costoro non sono soli. Li emula, infatti, il “maestro” Berlusconi il quale, giorno dopo giorno, spara un nome per la guida del governo o di qualche ministero.

Gli elettori più attenti potranno notare una sostanziale convergenza di “stellette” tra la destra grillina e il centrodestra berlusconiano: la ricerca affannosa, spasmodica, febbrile di militari, naturalmente alto-graduati, da innestare nelle liste elettorali e, poi, nei supposti incarichi di governo, tanto da poter ipotizzare maliziosamente prove “in vitro” di peronismo, viste anche le recenti reminiscenze presidenzialistiche manifestate da Berlusconi. Altro che Casa Pound o Forza Nuova!

Data la mia trentennale pregressa attività politica e nonostante oramai da qualche lustro abbia archiviato l’impegno diretto, all’approssimarsi delle elezioni ci sono ancora alcuni amici, alcuni parenti e conoscenti desiderosi di ascoltare un parere per indirizzarsi nel voto. Sino a qualche anno fa esprimevo, prima con puntualità poi con sempre minore convinzione, un qualche orientamento. Oggi mi trovo nella condizione di non poter “consigliare” altro che non derivi dal senso di civismo sociale, umanitario e solidaristico precisando che stavolta io stesso andrò a votare “per sottrazione”, non per convincimento.

Ecco allora una sorta di “decalogo” (senza starne a contare i punti) al quale mi atterrò personalmente, proponendolo a tutti coloro che mi hanno già chiesto e nei prossimi giorni chiederanno consiglio: - Votare preferibilmente donna, facendo attenzione a escludere quelle avvenenti, giovani e piacenti propense a perdere più tempo di fronte allo specchio dei truccatori che nelle aule parlamentari. Meglio le bruttine, le stagionate, ma preparate; - Escludere per precauzione coloro che di nome “fanno” Silvio o Matteo e i rispettivi tre partiti; - Escludere le categorie che hanno già ampiamente dimostrato negli anni di aver fallito: magistrati, avvocati, giudici, faccendieri, grandi imprenditori, politici di professione, (eccezioni moderatamente ammesse, come ovvio); - Escludere quelli che urlano “Onestà, onestà” ma solo rivolti agli altri; - Escludere senza eccezione alcuna quelli che “Sono tutti uguali, tranne me” o “Non esiste più la destra né la sinistra”. Sono i peggiori; - Non votare chi tenta di riesumare il concetto di “patriota” in un universo di schiavi; - Escludere quelli che, giovani, tentano di imitare infelicemente i vecchi saggi o che da vecchi non saggi tentano di imitare tristemente i giovani; - Escludere i comici di professione o coloro che li imitano; - Tenersi alla larga dai docenti universitari della Bocconi a evitare probabili untori di manzoniana memoria, portatori di mala economia.

Ho sottoposto queste considerazioni, addizionate da varie altre omesse nel presente articolo, a un amico il quale dopo averle lette e commentate ha candidamente considerato: “Allora mi devo astenere dal voto?”. Ebbene, andando per sottrazione, qualcosa e qualcuno per cui votare forse si riuscirà a trovare, fosse anche con l’ausilio del lanternino di Diogene. Resta l’amarezza di dover agire “per sottrazione” in un panorama politico dimostratosi ancora una volta incapace di concepire un progetto per l’avvenire facendoci sentire impotenti di fronte allo strapotere del capitale economico-finanziario. Votiamo pure per qualche novello Robin Hood ma ben coscienti che una freccia per quanto scoccata con mira precisa non riuscirà ad abbattere il missile atomico lanciato sull’umanità intera dalla potenza capitalistico-finanziaria. Ci vuole ben altro, e le teorie non mancano. Proviamo a dar loro le gambe… magari dal giorno dopo le elezioni, comunque vadano.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011