Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Una nuova sinistra è possibile, a condizione che rinunci al prefisso “ri”.
Mentre M5S e Lega tubano nel tentativo di trovare un espediente dignitoso (leggi furbesco) di convolare a “giuste” nozze, vale la pena di dare uno sguardo verso sinistra nel tentativo di...



UE, gennaio 2018: un grillo al giorno toglie l’appetito di torno?
Dal primo gennaio 2018 noi europei saremo autorizzati a “ingerire” insetti, e persino ad allevarli. La UE, infatti, ha liberalizzato il commercio e l’allevamento degli insetti,...



Verso il “Cigno nero” sorvolando nidi giallo-verdi, ossia delle miserie di un Governo rivoluzionario.
Sorbivo al bar il mio solito caffè ristretto, rigorosamente amaro, in compagnia di un ex collega di lavoro oggi collega di pensione, quando un signore a me ignoto accostò con fare...



Post elezioni. La comparsa di una nuova specie di politico: l’arrogante codardo.
A sentire i commenti degli addetti ai lavori, siano essi politici, giornalisti o “opinionisti”, in merito alle recenti elezioni siciliane e ostiensi, si resta nell’incertezza se...



"Quindici uomini sulla cassa del morto". L'Italia sospesa tra epilogo e resurrezione.
Molti ricorderanno la famosa canzone dello sceneggiato televisivo "L'isola del tesoro", tratto dal romanzo di Stevenson e mandato in onda dalla RAI quando chi scrive aveva ancora i pantaloncini...



L’Italietta d’avanspettacolo getta le ultime maschere dopo la condanna del Cavaliere.
La democrazia italiana è profondamente malata e in certe sue parti le infezioni sono a un passo dal degenerare in cancrena. Buttarla sul ridere può essere a volte una buona medicina, a...



2016: la fine del PD?
Nel leggere il titolo dell'articolo, più d'uno lo considererà un puro esercizio speculativo del solito "gufo" che non si rassegna a vedere il PD renziano solido e in buona salute....



L’inganno del cucùlo e la parabola del PD renziano.
Il cucùlo, come è noto, è un uccello “infido” la cui peculiarità sta nel deporre un proprio uovo nel nido di un’altra specie di uccelli i quali,...



Pre-elezioni. In attesa di marzo 2018: è il momento dei “vippini”.
Insieme ai piddini, ai grillini, ai forzisti, ai leghisti, ai sovranisti, pure ai fascisti sempre meno avversati nonostante i dettati della settantennale Costituzione italiana, appare una nuova...



Il M5S nuoce alla salute? Sembra di sì, a detta dei suoi stessi aderenti.
Di enzo sanna · creato il 14/02/2018 20:00 · vista 374 volte · POLITICA · ITALIA


A sentire le cronache dei vari TG, se ne può dedurre che il M5S costituisca un serio pericolo per la salute. Da cosa deriva una simile considerazione? L’eurodeputato pentastellato David Borrelli ha deciso di abbandonare il grillismo per migrare verso altro gruppo parlamentare adducendo “problemi di salute”! Incredibile ma vero. Proprio lui, fedelissimo di Grillo e di Casaleggio! Viene ovvio domandarsi, sperando di trovare risposta, del perché lo stare nel movimento grillino comporti problemi di salute mentre, conseguentemente, alloggiare in altro gruppo parlamentare favorisca la guarigione.

Non basta. L’onorevole Toninelli, uno tra i “duri e puri” del movimento, che fa dell’intolleranza indisponente la sua ragion d’essere, ha messo in conto 5.180 euro di spese per assicurazioni sanitarie (fonte verificabile su diversi giornali quotidiani come sulla rete, e ancora non smentita). Eppure, a vederlo sbraitare in TV, sembra che goda di ottima salute. Atteso quanto sopra detto, sarà il caso di pretendere che nella scheda elettorale, accanto al simbolo del M5S venga inserita la dicitura “Nuoce gravemente alla salute”, come si fa da tempo sui pacchetti delle sigarette.

Non basta la grandinata di avvisi di garanzia che ha colpito e colpisce gli amministratori locali del movimento, non bastano i ricorrenti casi di parlamentari coinvolti nella “rimborsopoli grillina”, non bastano le candidature di massoni e altri “impresentabili”, non bastano gli accidenti siciliani e ostiensi per palesare il senso di quanto si sostiene? Vuoi vedere che saremo costretti a dare ragione ad Alessandro Di Battista, non ricandidatosi, quando definisce “rincoglioniti” gli elettori italiani, facendo il verso al Berlusconi d’epoca? Viene da ipotizzare, però, che tale sia anche colui il quale traccerà una X sul simbolo di una compagine politica “macchiata” da simili ripetute contingenze senza aver fatto neppure un giorno di governo a livello nazionale (immaginiamo cosa potrebbe accadere dopo, con tali premesse) e aver dimostrato la propria insipienza nei pochi “governi” locali macchiati sì, stavolta, da una tale quantità di avvisi di garanzia da far ingelosire gli altri partiti, percentualmente ridimensionati per numero di pratiche giacenti sugli scaffali delle Procure grazie a loro, i grillini. Sarà questa la ragione per la quale i cinquestelle strizzano l’occhio ai “No vax”? Il nuovo motto del movimento potrebbe essere “Meglio non prevenire per non curare”, vista l’ingloriosa fine del precedente fallito motto “Onestà, onestà”?

Venga concessa all’estensore dell’articolo, ora, una breve nota autobiografica. Chi scrive ebbe una infatuazione, durata il tempo di un battito di ciglia, verso il movimento grillino delle origini. Bastò poco per comprendere quanto il M5S fosse, fin nel midollo, eversivo e di “destra”, tanto che sentì il dovere di combatterlo al pari delle destre leghiste e fasciste. Ne prendano atto alcuni confusi all’interno della compagine di Liberi e Uguali. Ora arriva l’ennesima conferma: la Lombardi, candidata grillina alla Regione Lazio, sostiene, allineandosi agli ignoranti e ai tanti in malafede, che “Il fascismo ha fatto cose buone”, all’unisono con quel Salvini della Lega ex Nord. Lei troverà di certo chi la comprenderà, dentro e fuori il movimento, visto che confessa di essere cresciuta in una famiglia di sentimenti di destra fascista. Evvai! La candidata porta incautamente a esempio l’INPS come buona scelta del “regime”, dimostrando così due cose: la più crassa ignoranza in materia storica e l’altrettanta crassa banalità delle fonti alle quali la sua “cultura” attinge. Per sua informazione, e di quanti creduloni ancora impazzano sulla rete postando stupidaggini sparate da produttori seriali di fake news, si fa presente che l’INPS nacque nel 1898 a seguito delle rivendicazioni dei movimenti operai e divenne “obbligatoria” nel 1919, quando il fascismo doveva ancora addivenire.

Ma di “balle” i cinquestelle si dimostrano produttori industriali. Ad esempio sui loro versamenti di parte delle indennità che avrebbero “creato”, pensate voi, 7000 nuove aziende. Vogliamo fare un semplicissimo calcolo? Eccolo. Loro sostengono di aver versato 23,4 milioni di Euro al Fondo microcredito. Ebbene, dividendo i 23,4 milioni di euro per 7.000 si ottiene una media di 3342,86 euro. Ma davvero costoro vogliono “coglionarci” (stando alla definizione di Di Battista) facendoci credere che una “start up” possa decollare con l’importo derivante dalle cifre da loro stessi sbandierate?

Alessandro De Lago, nel suo saggio “Clic!”, riporta nel “paratesto” la seguente citazione di K. Klaus: “Il segreto dell'agitatore è di rendersi stupido quanto i suoi ascoltatori, in modo che questi credano di essere intelligenti come lui”. Mai concetto fu più appropriato alla bisogna. Resta solo un’ultima domanda: ma nel caso in questione l’agitatore vuole rendersi stupido, oppure lo è di suo?



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011