Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Grasso che cola sulla sinistra “unita”? Staremo a vedere.
Di questi tempi, parlare di sinistra unita può somigliare a un miraggio. Ma ci vuole un attimo a scuotersi dall’intontimento e comprendere quanto il miraggio rifranga il vacuo, il...



4 marzo prossimo venturo: tante più sinistre, tanti più orfani?
Meno di due mesi alle elezioni. Stando alle previsioni che stavolta vedono un po’ tutti gli analisti concordi, assisteremo alla disfatta del PD renziano e alla vittoria di Pirro del centro...



2016: la fine del PD?
Nel leggere il titolo dell'articolo, più d'uno lo considererà un puro esercizio speculativo del solito "gufo" che non si rassegna a vedere il PD renziano solido e in buona salute....



M5S oramai ridotto a plagiare la guapparia in stile Mario Merola.
Ricordate l’epopea della “guapparia” filmografica alla Mario Merola? A leggere le cronache delle attuali esibizioni grilline, sembra di rivivere le commedie meroliane, per quanto...



Puppato, Serracchiani, Civati, Barca: un poker vincente contro il tris Renzi, D’Alema, Epifani.
Il dibattito precongressuale che impegna il PD rischia di essere indirizzato sempre più verso uno scontro sulle regole e, di conseguenza, sviato dal confronto sulla sostanza delle posizioni in...



“Lo dico, poi lo interpreto”. Le nuove miserie dei politici italiani, e non solo.
Tutti conosciamo l’italico detto “Qui lo dico, qui lo nego” da sempre una sorta di modus operandi dei politici di ogni ordine e grado. Si rendeva una dichiarazione poi, a seconda...



UE, gennaio 2018: un grillo al giorno toglie l’appetito di torno?
Dal primo gennaio 2018 noi europei saremo autorizzati a “ingerire” insetti, e persino ad allevarli. La UE, infatti, ha liberalizzato il commercio e l’allevamento degli insetti,...



Dieci piccoli indiani: il “giallo” già sbiadito del PDL. Il PD non ne ha letto la trama.
Il romanzo di Agatha Christie, “Dieci piccioli indiani”, vede dieci persone, tra loro sconosciute, invitate a trascorrere un weekend su un’isola denominata Nigger Island. Non sanno...



L’”Avanti” di Renzi , una lettura (poco) edificante.
Sì. Confesso. Faccio parte di quegli italiani (non molti, pare) che non hanno saputo resistere al martellamento mediatico pubblicizzante la recente fatica di Matteo Renzi, fresca di stampa....



Pre-elezioni. In attesa di marzo 2018: è il momento dei “vippini”.
Di enzo sanna · creato il 11/01/2018 17:13 · vista 75 volte · POLITICA · ITALIA


Insieme ai piddini, ai grillini, ai forzisti, ai leghisti, ai sovranisti, pure ai fascisti sempre meno avversati nonostante i dettati della settantennale Costituzione italiana, appare una nuova classificazione in parte inattesa, del tutto trasversale, che sembra andare alla grande: i “vippini”.

Ma chi sono costoro? I “vippini” sono quelli che capiscono di politica a volte molto, a volte poco, a volte niente, a volte meno che niente, ma hanno in comune la notorietà. Come a dire, se hai una faccia “nota” sei candidabile, competenze o meno, capacità o meno, affidabilità o meno. Poco conta se sei conosciuto in quanto scienziato con tanto di titoli accademici e apprezzamenti professionali, oppure se sei un imbecille senza arte né parte. Se la TV, o altro media, “certifica” la tua notorietà e, di conseguenza, la tua “appetibilità” elettorale, puoi aspirare a un seggio in parlamento. Eccoci costretti a dover assistere, allora, a volte increduli, spesso disgustati, al “mercato delle vacche” preelettorale. È ben accolto da partiti e movimenti chi si ritiene possa produrre più latte.

Allo stato, il caso più eclatante appare quello del capitano di fregata Gregorio De Falco, quello del “Torni a bordo, cazzo!” rivolto al comandante Schettino all’atto del naufragio della Costa Concordia, in predicato di candidatura tra le fila del M5S. Ora, per voler essere deliberatamente malevoli, ci si può attendere lo stesso capitano De Falco che, il prossimo 4 marzo a scrutinio in corso, solleva la cornetta del telefono, compone il numero di Beppe Grillo e urla “Torni a bordo, cazzo!”, riferito al danno procurato da Di Maio. Circa la categoria dei giornalisti, ben rappresentata da Gianluigi Paragone e dall'ex direttore di SkyTg24 Emilio Carelli, c’è poco di cui disquisire; continueranno a svolgere il loro consueto ruolo, ma stavolta, se gli va bene, con l’indennità parlamentare, con buona pace di chi ancora si ostina a considerare i grillini diversi dagli altri.

Sul fronte delle destre, Berlusconi, da par suo, si invoca ai cantanti di fama, quali Toto Cutugno e Al Bano. Quest’ultimo, però, nel rischio di ritrovarsi accomunato a Mariano Apicella, menestrello ufficiale dell’ex Cavaliere, pare abbia già declinato l’invito dichiarando testualmente: “Non è il mio campo. Farei danni.” Verrebbe quasi da appellarsi al signor Carrisi facendogli presente che i suoi “danni” non sarebbero comunque maggiori di quelli che l’intero centro-destra, con o senza di lui, si prepara a dispensare a noi tutti, forse con qualche acuto in meno a spaccare fastidiosamente i timpani, non per questo senza traumi.

In casa PD, stenta a esaurirsi il filone “giglio magico”. Ecco allora profilarsi la pluri candidatura di Elena Boschi che verrà proposta in ogni dove, a volte agli elettori del suo partito non venga la prurigine e in qualche parte del Paese decidano di non votarla. A voler smentire le malelingue circa il citato “giglio magico” emerge la probabile candidatura di tale Piero De Luca che poi si scopre essere il figlio di Vincenzo De Luca, attuale presidente della regione Campania. Vuol dire che d’ora innanzi parleremo di pizza margherita al gusto di giglio magico.

Qualcuno eccepirà che fu proprio l’allora PCI a inaugurare e confermare negli anni la poi divenuta tradizione degli “indipendenti di sinistra”, persone di cultura eccelsa non tesserate al partito, ma dalla indiscutibile convinzione negli ideali della democrazia e del progresso civile e sociale. Costoro costituirono lustro per il Parlamento lungo tante legislature. Oggi, più che lustro, rischiamo di avere tanti candidati lustrascarpe, con pieno rispetto di coloro i quali questo mestiere esercitano, magari da laureati e non da parlamentari, per potersi guadagnare un tozzo di pane con un contratto precario. Ma anche loro, in base al Jobs Act e alle rilevazioni dell’ISTAT, gioiranno di contribuire alle “favorevoli” statistiche sull’occupazione sciorinate da Renzi e dai suoi adepti. O no?




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011