Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Migranti: Minniti, ministro costruttore di muri… ma un po’ più a Sud.
Che un ministro “renziano” riceva il plauso delle destre d’Italia non deve stupire, se solo ricordiamo che il governo Renzi adottò e, purtroppo, attuò in gran parte il...



L’inganno del cucùlo e la parabola del PD renziano.
Il cucùlo, come è noto, è un uccello “infido” la cui peculiarità sta nel deporre un proprio uovo nel nido di un’altra specie di uccelli i quali,...



Una nuova sinistra è possibile, a condizione che rinunci al prefisso “ri”.
Mentre M5S e Lega tubano nel tentativo di trovare un espediente dignitoso (leggi furbesco) di convolare a “giuste” nozze, vale la pena di dare uno sguardo verso sinistra nel tentativo di...



M5S dopo Rimini al bivio tra la politica politicante e una Scientology made in Italy.
Rimini, Rimini! Sembra il titolo di un film degli anni ’80 dello scorso secolo, di quelli, per intenderci, interpretati raramente da comici autentici, più spesso da attori meno dotati...



Governo: dal “Mistero buffo” alla buffonata priva di misteri.
Dario Fo, assurto suo buongrado a nume tutelare dei grillini, scrisse l’apprezzata opera drammaturgica “Mistero buffo”. Oggi, se risorgesse, potrebbe abbozzare il seguito (sequel,...



Dal Sindaco d’Italia all’Avvocato degli italiani, ossia da Renzi a Conte. Che brutta fine!
Ricordate il “Sindaco d’Italia”? Sì, parliamo della definizione affibbiata, tra l’apprezzamento e il dileggio, all’allora rampante Matteo Renzi, ex Sindaco di...



Governo: perché Mattarella ha ragione, ma sbaglia.
Le cronache di queste ultime ore non abbisognano di preambolo. Tutti siamo consapevoli di che cosa si sta parlando. Altrettanto sappiamo di quali siano state le reazioni alle decisioni del Presidente...



Da Stachanov all'operaio cinese passando per il precario italiano, col plauso di Marchionne.
Molti lettori ricorderanno la figura di Stachanov, il minatore russo che negli anni dello stalinismo riuscì a moltiplicare per dieci quella che oggi si definisce "produttività",...



Renzi al Lingotto: un po' Jimi Hendrix un po' Radiohead.
Nel godermi la diretta tv del discorso di Renzi al "Lingotto '17" e scarabocchiando qualche appunto, mi sono ritrovato a provare quasi un moto di sconcerto nel constatare l'ossessivo uso della prima...



Pre-elezioni. In attesa di marzo 2018: è il momento dei “vippini”.
Di enzo sanna · creato il 11/01/2018 17:13 · vista 390 volte · POLITICA · ITALIA


Insieme ai piddini, ai grillini, ai forzisti, ai leghisti, ai sovranisti, pure ai fascisti sempre meno avversati nonostante i dettati della settantennale Costituzione italiana, appare una nuova classificazione in parte inattesa, del tutto trasversale, che sembra andare alla grande: i “vippini”.

Ma chi sono costoro? I “vippini” sono quelli che capiscono di politica a volte molto, a volte poco, a volte niente, a volte meno che niente, ma hanno in comune la notorietà. Come a dire, se hai una faccia “nota” sei candidabile, competenze o meno, capacità o meno, affidabilità o meno. Poco conta se sei conosciuto in quanto scienziato con tanto di titoli accademici e apprezzamenti professionali, oppure se sei un imbecille senza arte né parte. Se la TV, o altro media, “certifica” la tua notorietà e, di conseguenza, la tua “appetibilità” elettorale, puoi aspirare a un seggio in parlamento. Eccoci costretti a dover assistere, allora, a volte increduli, spesso disgustati, al “mercato delle vacche” preelettorale. È ben accolto da partiti e movimenti chi si ritiene possa produrre più latte.

Allo stato, il caso più eclatante appare quello del capitano di fregata Gregorio De Falco, quello del “Torni a bordo, cazzo!” rivolto al comandante Schettino all’atto del naufragio della Costa Concordia, in predicato di candidatura tra le fila del M5S. Ora, per voler essere deliberatamente malevoli, ci si può attendere lo stesso capitano De Falco che, il prossimo 4 marzo a scrutinio in corso, solleva la cornetta del telefono, compone il numero di Beppe Grillo e urla “Torni a bordo, cazzo!”, riferito al danno procurato da Di Maio. Circa la categoria dei giornalisti, ben rappresentata da Gianluigi Paragone e dall'ex direttore di SkyTg24 Emilio Carelli, c’è poco di cui disquisire; continueranno a svolgere il loro consueto ruolo, ma stavolta, se gli va bene, con l’indennità parlamentare, con buona pace di chi ancora si ostina a considerare i grillini diversi dagli altri.

Sul fronte delle destre, Berlusconi, da par suo, si invoca ai cantanti di fama, quali Toto Cutugno e Al Bano. Quest’ultimo, però, nel rischio di ritrovarsi accomunato a Mariano Apicella, menestrello ufficiale dell’ex Cavaliere, pare abbia già declinato l’invito dichiarando testualmente: “Non è il mio campo. Farei danni.” Verrebbe quasi da appellarsi al signor Carrisi facendogli presente che i suoi “danni” non sarebbero comunque maggiori di quelli che l’intero centro-destra, con o senza di lui, si prepara a dispensare a noi tutti, forse con qualche acuto in meno a spaccare fastidiosamente i timpani, non per questo senza traumi.

In casa PD, stenta a esaurirsi il filone “giglio magico”. Ecco allora profilarsi la pluri candidatura di Elena Boschi che verrà proposta in ogni dove, a volte agli elettori del suo partito non venga la prurigine e in qualche parte del Paese decidano di non votarla. A voler smentire le malelingue circa il citato “giglio magico” emerge la probabile candidatura di tale Piero De Luca che poi si scopre essere il figlio di Vincenzo De Luca, attuale presidente della regione Campania. Vuol dire che d’ora innanzi parleremo di pizza margherita al gusto di giglio magico.

Qualcuno eccepirà che fu proprio l’allora PCI a inaugurare e confermare negli anni la poi divenuta tradizione degli “indipendenti di sinistra”, persone di cultura eccelsa non tesserate al partito, ma dalla indiscutibile convinzione negli ideali della democrazia e del progresso civile e sociale. Costoro costituirono lustro per il Parlamento lungo tante legislature. Oggi, più che lustro, rischiamo di avere tanti candidati lustrascarpe, con pieno rispetto di coloro i quali questo mestiere esercitano, magari da laureati e non da parlamentari, per potersi guadagnare un tozzo di pane con un contratto precario. Ma anche loro, in base al Jobs Act e alle rilevazioni dell’ISTAT, gioiranno di contribuire alle “favorevoli” statistiche sull’occupazione sciorinate da Renzi e dai suoi adepti. O no?




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011