Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


È consentito definire cialtrone un ministro senza rischiare una querela?
Sono trascorsi cinque mesi dalle elezioni del 4 marzo e abbiamo avuto modo di farci un’idea esaustiva delle “performance” del nuovo Governo. Siamo in grado, dunque, di qualificare...



Il fascismo che verrà. Prove in grande stile da parte della destra grillo-leghista.
Spuntano come funghi, di questi tempi, i commentatori e gli analisti pronti a contraddire chiunque, di sinistra e non solo, si permetta di denunciare il pericolo imminente di “regime”...



Grasso che cola sulla sinistra “unita”? Staremo a vedere.
Di questi tempi, parlare di sinistra unita può somigliare a un miraggio. Ma ci vuole un attimo a scuotersi dall’intontimento e comprendere quanto il miraggio rifranga il vacuo, il...



Verso il “Cigno nero” sorvolando nidi giallo-verdi, ossia delle miserie di un Governo rivoluzionario.
Sorbivo al bar il mio solito caffè ristretto, rigorosamente amaro, in compagnia di un ex collega di lavoro oggi collega di pensione, quando un signore a me ignoto accostò con fare...



I conti di Conte. Il conto non quadra.
La nozione di “partita doppia”, cioè delle tecniche basilari di contabilità, rifilata a noi allora giovani studenti del Tecnico Commerciale dal professore di Ragioneria tra...



Erdogan-Renzi: quando il dieci conta più del quaranta.
Mettere sul medesimo piano, o meglio, nel medesimo piatto, la Turchia di Erdogan e l'Italia renziana può apparire esercizio azzardato persino oltre il classico volo pindarico. Eppure, a...



Trump, Tramp o Ciamp? Ossia, delle miserie della pronuncia.
Da quando Trump è presidente degli USA se ne sentono di tutti i “colori”. L’uomo , peraltro, si presta a ogni genere di considerazioni, dalle ilari alle sconsolate, dalle...



Puppato, Serracchiani, Civati, Barca: un poker vincente contro il tris Renzi, D’Alema, Epifani.
Il dibattito precongressuale che impegna il PD rischia di essere indirizzato sempre più verso uno scontro sulle regole e, di conseguenza, sviato dal confronto sulla sostanza delle posizioni in...



La particella Xi e la speranza della sinistra.
Nell’accavallarsi dei titoli d’apertura dei TG si rischia, in parecchie occasioni, di provare una vaga sensazione di disorientamento. In qualche raro caso, invece, la sequenza dei titoli...



La coalizione di centrodestra e il collante dell’unità. Semiserie considerazioni in merito.
Di enzo sanna · creato il 17/12/2017 15:40 · vista 394 volte · POLITICA · ITALIA


La migliore rappresentazione della istituenda aggregazione di centro destra l’abbiamo potuta ascoltare in una trasmissione radiofonica: coalizione Frankenstein. La definizione non è originale, forse perfino abusata, ma in questa particolare circostanza si appiccica alla bisogna come una gomma da masticare appena tolta dalla bocca. La genialata fornisce la plastica rappresentazione di quanto stia accadendo da quelle parti in vista delle prossime elezioni parlamentari, cioè l’assemblaggio di una “creatura” artificiale. Andiamo ad analizzarla nelle varie componenti.

In questo corpo “mostruoso”, Berlusconi, la testa, è innestato sopra il collo, cervello compreso, come ovvio. Per giunta, per come l’uomo sta platealmente tentando di imbrogliare l’età (e non solo), risulta somigliare sempre più all’iconografica raffigurazione alla quale siamo abituati, speriamo non assuefatti, da due secoli di illustrazioni e di trasposizioni filmografiche, alcune pregevoli (del mostro di Frankenstein, intendiamoci). Lui, Berlusconi, si ripropone d’infondere nuova vita al cadavere del passato centrodestra trovando persino una sponda in coloro che dovrebbero essere considerati avversari. Il PD renziano, infatti, contribuisce non poco, con le sue malefatte, ad alimentare di corrente elettrica ad alto voltaggio i macchinari destinati a dar vita alla “creatura”, con tanto di collaborazione grillina colpevole e incolpevole allo stesso tempo, visto che costoro sono il tutto e il nulla, la destra e la sinistra, lo Yin e lo Yang, i comici e i post-ideologici; per dirla in breve, né carne né pesce.

Proseguiamo ora con circospezione. In quale zona del mostruoso corpo si vada a innestare il leghista Salvini viene lasciato alla fantasia del lettore. Chi scrive si dissocia da ogni malevola ipotesi sulla naturale collocazione del soggetto con la giustificazione che sempre di “testa” si tratti, seppure non collocata all’apice del corpo. Circa la Meloni, quella di Fratelli d’Italia, meglio soprassedere a ogni commento per non incappare in spiacevoli contestazioni. Lasciamo pertanto che sia lei stessa a indicare il punto planimetrico sulla mole del mostro in cui il suo partito va ad assumere posizione. Chi non lo avesse ancora individuato non dovrà attendere per lungo tempo, magari iniziando a rivolgere lo sguardo verso i mignoli.

Intanto, il capo già innestato sulla “creatura” si premura di recuperare persino i “peli” del corpo in fase di ricomposizione. Infatti Berlusconi, intervistato da Vespa, dichiara che “Mussolini… non era proprio un dittatore…” volendosi così ingraziare l’orgia fascista montante. Gli si può consigliare, dato che c’è, di modificare il suo “Forza Italia” col più appropriato “Forza Nuova Italia”; sarebbe un gesto di onestà intellettuale, per un ex piduista.
Però si presti attenzione. L’altra testa della “creatura” accenna a una ribellione. I sondaggi la danno in calo e si sa, Bossi o non Bossi, ciò che “cala” non è leghista. Che figura ci farebbe il mostro nel presentarsi all’elettorato in simili fattezze? Urge risollevare la “testa”. Eccoci, dunque, a vedere rimesso in discussione il primato tra le due teste. E qui Salvini, diciamolo, inizia a sperare. In quanto a teste sollevate potrebbe ancora esservi gara. Berlusconi sembra batterlo, nonostante la differenza d’età, come ovvio. Sa bene, costui, che la “natura” può essere aiutata, assistita. Dunque a ciò provvede, nella confusione, impillolando le sue creature originarie, TV e giornali, per una campagna di sostegno già vista nel passato. Però non calcola che l’impillolamento può agire anche sull’altra testa, quella priva di cervello. L’esito appare dunque incerto.

Sembra di comprendere che il collante della coalizione di centrodestra sia realizzato con punti di sutura cedevoli, destinati a saltare a ogni movimento della “creatura”. Il mostro di Frankenstein potrebbe sfaldarsi il giorno dopo le elezioni se il voto non dovesse garantire una maggioranza parlamentare solida. La testa della creatura, quella in alto, potrebbe essere la prima a scollegarsi dal resto del corpo andando a ruzzolare dalle parti del PD con buona pace dell’altra testa, quella leghista, e dei mignoli ancora illusi di contare qualcosa nell’economia del “mostro”.

Non dimentichiamo che nel 2018 si festeggerà il duecentesimo compleanno dalla pubblicazione di Frankenstein, il moderno Prometeo scritto da Mary Shelley. Sarebbe imbarazzante onorarlo con al governo del Paese la “creatura” del centrodestra.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011