Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


M5S oramai ridotto a plagiare la guapparia in stile Mario Merola.
Ricordate l’epopea della “guapparia” filmografica alla Mario Merola? A leggere le cronache delle attuali esibizioni grilline, sembra di rivivere le commedie meroliane, per quanto...



Il feldmaresciallo Salvini.
Macché Capitano! Promuoviamolo sul campo questo brav’uomo. Lui, Salvini, appellato del grado dalla stampa scritta e non, lavora indefesso giorno dopo giorno, ora dopo ora, minuto dopo...



Dai cento ai mille giorni di Renzi. La differenza, in fondo, sta solo nell'aggiunta di uno zero.
La presentazione dell'atteso decreto "Sblocca Italia", condotta con l'ausilio dello scontato alternarsi di slide, conferma il gioco dei numeri del premier, gestito con maestria a uso del "volgo", ma...



L’”Avanti” di Renzi , una lettura (poco) edificante.
Sì. Confesso. Faccio parte di quegli italiani (non molti, pare) che non hanno saputo resistere al martellamento mediatico pubblicizzante la recente fatica di Matteo Renzi, fresca di stampa....



Una volta eravamo -isti, oggi siamo -iani. Che brutta fine.
Lungi dal volersi impelagare in uno slalom attraverso concetti quali deonimici, eponimi, deantroponimici, deonomastici e amenità varie tali da far venire il mal di testa persino ai linguisti...



L’arma a doppio taglio dei referendum “nordisti”, ossia del dispetto del marito alla moglie.
I sorrisi di comprensibile soddisfazione del presidente della regione Veneto, Luca Zaia, e quelli più che forzati a uso delle telecamere del presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni,...



La sinistra e la sindrome di Wile Coyote.
Perdonino gli amici, i compagni, i conoscenti, i lettori insomma, se mi permetto di ironizzare sulla “odierna” sinistra e sulla sua incapacità propositiva che si riflette nella...



L’inganno del cucùlo e la parabola del PD renziano.
Il cucùlo, come è noto, è un uccello “infido” la cui peculiarità sta nel deporre un proprio uovo nel nido di un’altra specie di uccelli i quali,...



Il Natale non ci ha reso più buoni, compresi Renzi, Grillo e Berlusconi.
La festività del Natale, con i luoghi comuni e gli appelli “buonisti” portati appresso, sembrava aver contagiato persino i leader politici di casa nostra. Berlusconi taceva, Grillo...



Grasso che cola sulla sinistra “unita”? Staremo a vedere.
Di enzo sanna · creato il 12/12/2017 19:38 · vista 582 volte · POLITICA · ITALIA


Di questi tempi, parlare di sinistra unita può somigliare a un miraggio. Ma ci vuole un attimo a scuotersi dall’intontimento e comprendere quanto il miraggio rifranga il vacuo, il diafano, il difetto di consistenza. La recente intervista di Fabio Fazio a Piero Grasso lascia perplessi, a dir poco.

Data la personalità del Presidente del Senato non ci si poteva certo attendere una pirotecnica rappresentazione di fuochi d’artificio, ma qualcosa, diciamocelo, qualcosa di più concreto e di “sinistra” ce lo saremmo aspettato un po’ tutti. Invece il Presidente Grasso è apparso come l’immagine fatta persona del burocrate, seppur serio e compìto, ma ben poco significativo di ciò che dovrebbe rappresentare la “nuova” sinistra, capace d’interpretare i “nuovi” bisogni di una “nuova” società alla ricerca di un “nuovo” equilibrio sociale. Insomma, è sembrato di assistere a una sorta di candela dalla fiamma scialba infilata su un candelabro incrostato di cera rinsecchita di antiche, passate glorie.

Alle domande di Fazio, sempre ruffiane nei confronti di chiunque gli sieda accanto, il Presidente Grasso si lascia sfuggire qualche attimo di schiettezza, in particolare quando fa trasparire quasi sottovoce che il neonato “rassemblement” della sinistra può ricoprire il ruolo di puntello del PD renziano, per poi trovarsi subito in difficoltà sulla strizzatina d’occhio di Bersani ai grillini. Confusione? Approssimazione? Pressapochismo? Forse un po’ di tutto questo in un amalgama difficile da impastare. Chissà che cosa avranno pensato Civati e Fratoianni. Ma anche D’Alema! Bersani, invece, pressapochista di professione, per ora gongola, ma per quanto?

Sembra rifarsi strada una nota considerazione, cioè che il peggior nemico della sinistra sia la stessa sinistra. Eppure dovremmo plaudire a ogni tentativo di ricomposizione delle forze progressiste, socialiste e democratiche, ancor più in questa fase politica nella quale compagini della più becera destra fascista risollevano il capo al punto da sfidare sfacciatamente la legge e la democrazia con azioni intimidatorie ritenute d’altri tempi e, purtroppo, con la benevola tolleranza, se non la sponda, di partiti, Lega Nord e Fratelli d’Italia, che si propongono per il governo del Paese. Nondimeno, ora che il PD ha fatto cadere tutte le maschere e non può più fingere di essere di sinistra e il M5S dimostra con evidenza cristallina l’originale, intrinseca vena qualunquistica, diventa impellente, forse vitale, la costruzione di un fronte comune della sinistra popolare e progressista.

Certo, ipotizzare in Italia qualcosa di simile al Partito Laburista inglese nel quale convivono socialdemocratici, socialisti, comunisti, trotzkisti è compito arduo, “Mission Impossible”, ma qualcosa si potrebbe tentare, a condizione che la cera incrostata sul candelabro venga sciolta, rimossa, e i bracci della sinistra ritornino a mostrare la superficie lucida, privata dalle incrostazioni. Il Grasso che oggi cola sul candelabro può solo ostacolare ogni tentativo di ricomposizione dell’unità. Staremo a vedere, forse a guardare?



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011