Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


La particella Xi e la speranza della sinistra.
Nell’accavallarsi dei titoli d’apertura dei TG si rischia, in parecchie occasioni, di provare una vaga sensazione di disorientamento. In qualche raro caso, invece, la sequenza dei titoli...



M5S dopo Rimini al bivio tra la politica politicante e una Scientology made in Italy.
Rimini, Rimini! Sembra il titolo di un film degli anni ’80 dello scorso secolo, di quelli, per intenderci, interpretati raramente da comici autentici, più spesso da attori meno dotati...



L’”Avanti” di Renzi , una lettura (poco) edificante.
Sì. Confesso. Faccio parte di quegli italiani (non molti, pare) che non hanno saputo resistere al martellamento mediatico pubblicizzante la recente fatica di Matteo Renzi, fresca di stampa....



M5S “festeggia” a Roma il primo anno di giunta Raggi, ma la torta è senza candelina.
Non sembra vero, eppure così è, se vi pare (e anche se non vi pare). Scomodare Pirandello, con tanto di scuse per la inappropriata citazione, è veramente troppo. Meglio volare...



Migranti: Minniti, ministro costruttore di muri… ma un po’ più a Sud.
Che un ministro “renziano” riceva il plauso delle destre d’Italia non deve stupire, se solo ricordiamo che il governo Renzi adottò e, purtroppo, attuò in gran parte il...



E Renzi regalò l’Italia alle destre.
Al di là delle dichiarazioni post voto dei rappresentanti politici, sostenute da numeri spesso fuorvianti interpretati “pro domo sua”, un dato risulta incontestabile: la sconfitta...



Briatore il bocconiano e la "Lectio magistralis".
La Lectio magistralis tenuta dal "docente" Briatore alla Bocconi è l'immagine più calzante di quanto in basso sia caduta la sensibilità di certa intellighenzia nostrana. L'uomo...



Le maschere cadute del M5S
I luoghi comuni si sprecano: chi la fa l'aspetti, chi di spada ferisce di spada perisce, si vede il fuscello nell'occhio altrui ma non la trave nel proprio occhio. L'elencazione potrebbe continuare...



Grasso che cola sulla sinistra “unita”? Staremo a vedere.
Di questi tempi, parlare di sinistra unita può somigliare a un miraggio. Ma ci vuole un attimo a scuotersi dall’intontimento e comprendere quanto il miraggio rifranga il vacuo, il...



Sinistre italiane: c’è chi si fonde, chi si fonda, chi si rifonda, ma qualcuno… affonda?
Di enzo sanna · creato il 20/11/2017 13:05 · ultima modifica 20/11/2017 21:13 · vista 135 volte · POLITICA · ITALIA


Il titolo dell’articolo può apparire impietoso, ma a leggere le cronache di questi giorni sembra persino benevolo. Sia chiaro, nell’affrontare il tema delle “sinistre” si deve ritenere escluso a priori il PD renziano collocatosi fin dal concepimento nell’alveo del centro-destra, checché ne pensino i pochi reduci del PCI rimasti tra i ranghi, o quanto vada sostenendo la propaganda “di regime”.

I movimenti a sinistra somigliano tanto, di questi tempi, al magma in libera uscita dalla bocca di un vulcano in eruzione. Ogni colata cerca la propria strada e, di tanto in tanto, una eruzione lancia lapilli per ogni dove. Ecco allora il duo veterano-burocratico di Bersani e D’Alema che si attiva per “produrre unità” con Sinistra italiana e Possibile escludendo, ora sì ora no, un accordo elettorale col PD. Il povero Fassino, incaricato da Renzi di sondare il campo, ondeggia a seconda dell’intensità e della circolazione del “vento” quotidiano.

Appaiono, a proposito, i conti farlocchi di Renzi per il quale il PD un giorno, in beata solitudine, si sarebbe potuto accreditare al 40% (ancora quel 40%!), poi, dopo l’accordo elettorale con radicali e centro destra, parla di un probabile 30%. Qualcuno potrebbe far notare che se il PD “alleato” perde dieci punti percentuali, forse qualcosa nel ragionamento di Renzi fa acqua? Per giunta, dovrebbe spiegarci i motivi per i quali vengono conferite al partito radicale proprietà taumaturgiche tali da far superare alla “coalizione” i voti del M5S. Loro, i radicali, che hanno più lettere nell’intestazione di partito che elettori alle urne!

Le colate di magma proseguono. Ecco, allora, persino Antonio Ingroia risorgere dall’oblio archiviando il suo movimento Rivoluzione Civile per “rifondarsi” fondendosi (si voglia scusare la cacofonia) con quel Giulietto Chiesa già “fondatore” dell’associazione politica Alternativa. Ne vien fuori La mossa del cavallo (ossequiamo riverenti la fantasia italiana!). Costoro, i promotori, si dichiarano oggi “non comunisti” e “non di sinistra”, anzi, per la precisione, “né di destra né di sinistra”. Dunque, fino ad ora hanno imbrogliato? Oppure si sono ricreduti? Un tempo si sarebbe usato il termine infangante di “revisionisti” che poi, per un fan dell’ex dirigente del KGB sovietico Vladimir Putin, quale è Giulietto Chiesa, ci può pure stare.

Ingroia, entrato nella parte, esplicita il suo pensiero: “La sinistra riformista e radicale ha già perso”. Ma non lo sosteneva già Berlusconi?. Ecco allora i due stallieri Ingroia e Chiesa impegnarsi a ferrare gli zoccoli del “cavallo” e invogliarlo a compiere “La mossa” (nessun riferimento alla mossa di Ninì Tirabusciò, per carità). I grillini inizino a preoccuparsi. Il loro slogan “né di destra né di sinistra” ha trovato comprimari. Forse è il caso di riproporre a costoro l’intervista di Ezio Mauro condotta da Bianca Berlinguer circa, appunto, il superamento del concetto di destra e sinistra. Ebbene, il giornalista ha così sintetizzato il proprio cristallino parere: “Chi sostiene che non esistono più la destra e la sinistra è di destra, punto e basta”. Bravo! Grillini, renziani e compagnia cantando sono serviti, ridotti in brache, denudati.

Forse Anna Falcone e Tomaso Montanari hanno individuato al “Brancaccio” la chiave di volta perché la sinistra divenga finalmente protagonista offrendo alla gente (evitiamo di usare il termine popolo) una prospettiva di società giusta, equanime, democratica, plurale, umanitaria. Ok, dai, sognare non fa male… aspettando le prossime eruzioni.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011