Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


E Renzi regalò l’Italia alle destre.
Al di là delle dichiarazioni post voto dei rappresentanti politici, sostenute da numeri spesso fuorvianti interpretati “pro domo sua”, un dato risulta incontestabile: la sconfitta...



Briatore il bocconiano e la "Lectio magistralis".
La Lectio magistralis tenuta dal "docente" Briatore alla Bocconi è l'immagine più calzante di quanto in basso sia caduta la sensibilità di certa intellighenzia nostrana. L'uomo...



Le maschere cadute del M5S
I luoghi comuni si sprecano: chi la fa l'aspetti, chi di spada ferisce di spada perisce, si vede il fuscello nell'occhio altrui ma non la trave nel proprio occhio. L'elencazione potrebbe continuare...



Grasso che cola sulla sinistra “unita”? Staremo a vedere.
Di questi tempi, parlare di sinistra unita può somigliare a un miraggio. Ma ci vuole un attimo a scuotersi dall’intontimento e comprendere quanto il miraggio rifranga il vacuo, il...



Dai cento ai mille giorni di Renzi. La differenza, in fondo, sta solo nell'aggiunta di uno zero.
La presentazione dell'atteso decreto "Sblocca Italia", condotta con l'ausilio dello scontato alternarsi di slide, conferma il gioco dei numeri del premier, gestito con maestria a uso del "volgo", ma...



Un piccolo passo per l’uomo, un grande balzo per l’umanità: Berlusconi Ko.
La storica frase di Neil Armstrong pronunciata nel calpestare per la prima volta il suolo lunare può apparire sprecata, e forse lo è se riferita alla congiuntura politica in cui naviga...



La coalizione di centrodestra e il collante dell’unità. Semiserie considerazioni in merito.
La migliore rappresentazione della istituenda aggregazione di centro destra l’abbiamo potuta ascoltare in una trasmissione radiofonica: coalizione Frankenstein. La definizione non è...



Sinistre italiane: c’è chi si fonde, chi si fonda, chi si rifonda, ma qualcuno… affonda?
Il titolo dell’articolo può apparire impietoso, ma a leggere le cronache di questi giorni sembra persino benevolo. Sia chiaro, nell’affrontare il tema delle “sinistre”...



Puppato, Serracchiani, Civati, Barca: un poker vincente contro il tris Renzi, D’Alema, Epifani.
Il dibattito precongressuale che impegna il PD rischia di essere indirizzato sempre più verso uno scontro sulle regole e, di conseguenza, sviato dal confronto sulla sostanza delle posizioni in...



Migranti: Minniti, ministro costruttore di muri… ma un po’ più a Sud.
Di enzo sanna · creato il 04/09/2017 16:07 · ultima modifica 04/09/2017 17:56 · vista 811 volte · POLITICA · ITALIA


Che un ministro “renziano” riceva il plauso delle destre d’Italia non deve stupire, se solo ricordiamo che il governo Renzi adottò e, purtroppo, attuò in gran parte il programma politico di Berlusconi e dell’allora PDL. Inoltre, il ministro dell’interno del governo Gentiloni sembra non conoscere “muri” di delimitazione delle proprie competenze istituzionali dunque, infischiandosene, tratta col governo libico (almeno con quel pezzo riconosciuto dalla comunità internazionale) e con i sindaci dei comuni di frontiera del sud di quel Paese col dichiarato obbiettivo di “murare” i confini libici sbarrando ai migranti la via per il mare.

Qualcuno, con buona ragione, giustificherà tale comportamento come una sorta di supplenza nella scontata constatazione della pochezza politica del ministro degli affari esteri Alfano. Come dar torto a costoro? Rimane, però, da discutere l’operato del fin troppo efficiente ministro Minniti. Usando una buona dose di perfidia, si potrebbe parafrasare la non felice uscita di Renzi “Aiutiamoli a casa loro” con la congetturabile “Ammazziamoli a casa loro” che poi, a ben pensarci, è ciò che già si sta facendo ed è una delle cause, in parallelo allo sfruttamento economico, del flusso di migrazione in corso. Ma su questo argomento destre e “minnitian-renziani” preferiscono sorvolare.

Insomma, Minniti da annoverarsi fra i costruttori di muri come il turco Erdogan, l’ungherese Viktor Orban, l’”amerikano” Donald Trump e via elencando? Neanche per idea. La differenza c’è, eccome! Lui, Minniti, non auspica la costruzione di una barriera di filo spinato o di calcestruzzo, ma un deterrente composto di mitragliatrici, cannoni, bombe a mano (magari prodotti in Italia, tanto per aiutare il PIL) e centri di “accoglienza” in loco (leggi lagher) nei quali non allignano il diritto internazionale e, men che meno, l’umana pietà. Ma di muro comunque si tratta, piaccia o meno ai “democratici” del PD.

Purtroppo, spostare il fronte un po’ più a sud non elimina il problema. I migranti che fuggono dalla guerra guerreggiata o dalla guerra alla fame troveranno comunque la maniera di aggirare i muri, materiali o immateriali che siano e, in assenza di politiche serie ed efficaci di lungo periodo, saremo costretti a convivere conflittualmente col problema. Sbraitino pure i muscolosi e muscolari xenofobi fascistoidi che, a vederli intervistati in tv, sembra riescano a sviluppare molto i bicipiti e poco il cervello. Costoro hanno trovato i loro migliori alleati nei terroristi di matrice islamica che poi, sino a prova contraria, stanno dalla stessa parte.

Sentire certi esaltati che urlano “Allah akbar” nell’atto di massacrare persone inermi non è lontano dal ricordare il motto nazista “Gott mit uns”, con i conseguenti tragici ricordi. Si è spesso parlato di tolleranza zero nei confronti degli scafisti, ebbene, bisognerebbe estendere il concetto anche ai nazi-fascisti che sembra imperversino sempre più nei dintorni, di qua dei muri. Forse qualche autorità dovrebbe sentirsi in dovere di richiamare all’ordine i prefetti, i questori e i magistrati, dimostratisi sinora troppo distratti sull’argomento. Cosa ne pensa il ministro Minniti? Ma no! Lui è impegnato giorno e notte, tutti i giorni e tutte le notti, a “salvare” la nazione, anzi la patria, dai migranti. Non ha tempo per valutare la pericolosità di certe organizzazioni di “casa nostra”.

L’Europa si è convinta della bontà del “piano” Minniti, dunque appoggerà gli sforzi dell’Italia tesi alla costruzione del nuovo “muro di pallottole” nel sud della Libia, così come ha fatto a suon di miliardi di Euro nel sud della Turchia, colpo di Stato o meno. Quanto suona ipocrita la dichiarazione di Gentiloni al convegno di Cernobbio: “Abbiamo ridotto i flussi ma lo abbiamo fatto con umanità”! Le multinazionali delle armi, del petrolio, dell’industria mineraria, del legname e di chissà che altro, per ora ringraziano. Il conflitto siriano può tranquillamente proseguire, i dittatori africani sostenuti dalle multinazionali potranno continuare a incassare bustarelle, persino l’ISIS gioirà, mentre i cinesi, sì, i cinesi avranno campo libero più che mai nel continente africano e noi italiani continueremo ad accogliere migranti di guerra e di fame. Ma dovremo anche prepararci a combattere, come se non fosse bastato il passato, i nazi-fascisti di casa nostra. Letto in tale contesto, il renziano ”Aiutiamoli a casa loro” risulta il più vuoto, come anche il più provocatorio degli slogan.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011