Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


M5S dopo Rimini al bivio tra la politica politicante e una Scientology made in Italy.
Rimini, Rimini! Sembra il titolo di un film degli anni ’80 dello scorso secolo, di quelli, per intenderci, interpretati raramente da comici autentici, più spesso da attori meno dotati...



L’”Avanti” di Renzi , una lettura (poco) edificante.
Sì. Confesso. Faccio parte di quegli italiani (non molti, pare) che non hanno saputo resistere al martellamento mediatico pubblicizzante la recente fatica di Matteo Renzi, fresca di stampa....



M5S “festeggia” a Roma il primo anno di giunta Raggi, ma la torta è senza candelina.
Non sembra vero, eppure così è, se vi pare (e anche se non vi pare). Scomodare Pirandello, con tanto di scuse per la inappropriata citazione, è veramente troppo. Meglio volare...



Migranti: Minniti, ministro costruttore di muri… ma un po’ più a Sud.
Che un ministro “renziano” riceva il plauso delle destre d’Italia non deve stupire, se solo ricordiamo che il governo Renzi adottò e, purtroppo, attuò in gran parte il...



E Renzi regalò l’Italia alle destre.
Al di là delle dichiarazioni post voto dei rappresentanti politici, sostenute da numeri spesso fuorvianti interpretati “pro domo sua”, un dato risulta incontestabile: la sconfitta...



Briatore il bocconiano e la "Lectio magistralis".
La Lectio magistralis tenuta dal "docente" Briatore alla Bocconi è l'immagine più calzante di quanto in basso sia caduta la sensibilità di certa intellighenzia nostrana. L'uomo...



Le maschere cadute del M5S
I luoghi comuni si sprecano: chi la fa l'aspetti, chi di spada ferisce di spada perisce, si vede il fuscello nell'occhio altrui ma non la trave nel proprio occhio. L'elencazione potrebbe continuare...



Grasso che cola sulla sinistra “unita”? Staremo a vedere.
Di questi tempi, parlare di sinistra unita può somigliare a un miraggio. Ma ci vuole un attimo a scuotersi dall’intontimento e comprendere quanto il miraggio rifranga il vacuo, il...



Dai cento ai mille giorni di Renzi. La differenza, in fondo, sta solo nell'aggiunta di uno zero.
La presentazione dell'atteso decreto "Sblocca Italia", condotta con l'ausilio dello scontato alternarsi di slide, conferma il gioco dei numeri del premier, gestito con maestria a uso del "volgo", ma...



La particella Xi e la speranza della sinistra.
Di enzo sanna · creato il 10/07/2017 09:22 · vista 793 volte · POLITICA · ITALIA


Nell’accavallarsi dei titoli d’apertura dei TG si rischia, in parecchie occasioni, di provare una vaga sensazione di disorientamento. In qualche raro caso, invece, la sequenza dei titoli sembra suggerire inconsapevolmente la soluzione a problemi altrimenti irrisolvibili. È Il caso dell’annuncio di qualche giorno fa della “particella Xi” scoperta recentemente dal CERN e della notizia immediatamente successiva circa i ”movimenti” in corso nella sinistra.

Chi scrive chiede venia, dichiarandosi profondamente ignorante in materia di fisica nucleare, nonostante le massicce dosi di Piero Angela assunte nel corso dei decenni. Tentando comunque di sintetizzare la recente scoperta del CERN, pare che la succitata “particella Xi” possa contribuire a spiegare la ragione per la quale la materia si tiene insieme, unita. Sembra di comprendere che anche nella sinistra italiana si stia tentando di arrivare a qualcosa di analogo: una “particella” dotata della proprietà di unire i vari frammenti di materia prodotti dalle passate e recenti deflagrazioni del pianeta-madre.

L’operazione di riunificazione della sinistra non dovrebbe presentarsi troppo complessa anche perché, finalmente, si è sgombrato il campo dall’equivoco di considerare di sinistra il PD renziano. Persino i più disattenti si sono dovuti rendere conto che il PD renziano sta alla sinistra quanto Trump sta alla sensibilità ambientalistica. Identico argomento vale per il M5S. Una quota, seppur minima, di elettori storicamente di sinistra si è fatta attrarre in passato dalle sirene grilline per scoprire col tempo e con la realtà dei fatti quanto mal riposta fosse la fiducia in un simile guazzabuglio di idee confuse e raffazzonate dalle quali ne vien fuori con sempre maggiore chiarezza quanto il pensiero del populismo di destra impregni i suoi ranghi, a iniziare dalla cima. Altro che non esistono più la destra e la sinistra, come costoro continuano a sostenere per ogni dove a uso dei “poveri di spirito”.

Stare a inventarsi cifre ipotetiche sul “bacino d’utenza” della sinistra è puro esercizio speculativo. Volgendo, però, lo sguardo intorno a noi, in particolare verso la Francia e la Gran Bretagna appena uscite da una competizione elettorale particolarmente complessa, assistiamo a una sinistra tutt’altro che svanita, contrariamente a quanto pronosticato da qualcuno. In Gran Bretagna, i laburisti di Jeremy Corbyn hanno dimostrato di godere di ottima salute e anche in Francia la sinistra di Jean-Luc Mélenchon col suo 12% doppia lo storico Partito Socialista.

Anna Falcone e Tomaso Montanari hanno lanciato la loro proposta per “dare un contributo civico, dal basso, alla costruzione in Italia di un nuovo campo della sinistra antiliberista, alternativo alle politiche del Pd, del renzismo e del centrosinistra, che hanno impoverito i lavoratori e i ceti medi, aumentato la parte di popolazione in povertà, in particolare i pensionati, sprofondato le nuove generazioni in una condizione di precarietà e disoccupazione”. Non resta che augurare loro le migliori fortune nell’interesse delle categorie citate, e non solo.

Il CERN, nel frattempo, festeggia la scoperta della particella Xi, inseguita da anni. Che ciò sia di buon auspicio anche per la sinistra italiana, alla ricerca da tempo di qualcosa capace di tenere insieme i piccoli meteoriti orbitanti in maniera confusa senza che riescano a trovare un punto di attrazione tale da farli diventare un pianeta con abbastanza gravità da attrarre l’elettorato progressista, oggi confuso, sparpagliato quando non deluso e rassegnato nell’area del non voto?

La perseveranza viene spesso premiata; lo dimostra il CERN. Speriamo in bene, senza dimenticare, però, che ben il 95% dell’universo è composto da “materia oscura”, ahinoi. Teniamolo presente.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011