Immagine di profilo di enzo sanna
Altre Notizie dell'utente


Erdogan-Renzi: quando il dieci conta più del quaranta.
Mettere sul medesimo piano, o meglio, nel medesimo piatto, la Turchia di Erdogan e l'Italia renziana può apparire esercizio azzardato persino oltre il classico volo pindarico. Eppure, a...



Boschi, licheni e muschi. La scivolosa soap opera del sistema, antisistema compreso.
Sino ad ora mi sono astenuto dallo scrivere di vicende relative alle banche, grandi o piccole, belle o brutte, efficienti o inefficienti, corrette o truffaldine, politicamente esposte o...



Governo: dal “Mistero buffo” alla buffonata priva di misteri.
Dario Fo, assurto suo buongrado a nume tutelare dei grillini, scrisse l’apprezzata opera drammaturgica “Mistero buffo”. Oggi, se risorgesse, potrebbe abbozzare il seguito (sequel,...



Il ritorno al passato della destra rischia di non garantirne il futuro.
Il titolo dovrebbe così proseguire: a meno di un aiuto determinante da parte del PD e di altre componenti della sinistra, come già fu. Le bandiere e i manifesti della rediviva Forza...



La coalizione di centrodestra e il collante dell’unità. Semiserie considerazioni in merito.
La migliore rappresentazione della istituenda aggregazione di centro destra l’abbiamo potuta ascoltare in una trasmissione radiofonica: coalizione Frankenstein. La definizione non è...



Il 4 marzo voteremo tappandoci il naso o per sottrazione?
Assistiamo, a pochi giorni dalle elezioni, a una sorta di appello da ultima spiaggia lanciato dai leader dei vari partiti o movimenti. Inizia Renzi, gorgogliando con l’acqua alla gola, allo...



Rassegnati a un’Italia decadente, infangata e cialtrona?
Leggere sui giornali o, peggio, udire nei talk show gli interventi dei politici italiani in merito alla vicenda Telecom, lascia esterrefatti. Quando poi l’amministratore delegato di Telecom,...



Il voucher è morto. Viva il nuovo voucher?
Il Governo Gentiloni ha stupito non poco gli osservatori politici col provvedimento di abrogazione "tout court" dei voucher, dando la stura alle interpretazioni tra le più varie e fantasiose...



Governo: perché Mattarella ha ragione, ma sbaglia.
Le cronache di queste ultime ore non abbisognano di preambolo. Tutti siamo consapevoli di che cosa si sta parlando. Altrettanto sappiamo di quali siano state le reazioni alle decisioni del Presidente...



La legittima difesa marcata PD: spara che ti passa... ma solo di notte.
Di enzo sanna · creato il 05/05/2017 17:24 · vista 388 volte · POLITICA · ITALIA


Se non fosse la cruda realtà ci sarebbe da girarla in burla. Il PD, preso a braccetto dagli alleati alfaniani, vara le modifiche alle norme di legge sulla legittima difesa. Al senatore Esposito, ospite fisso nei talk-show de La7, dimostratosi alquanto entusiasta, qualcuno fa notare che la normativa in questione è ben lungi dall'essere approvata considerando il futuro passaggio sotto le forche caudine del Senato. La replica è sconcertante per un verso, sconfortante per un altro. Infatti, il senatore sostiene, infischiandosene del merito, che se fossero state approvate le norme del referendum sulle riforme costituzionali oggi avremmo la legge bell'e che impachettata, pronta all'uso.

Viene quasi da urlare fin dentro le trombe di Eustachio del senatore: è una fortuna che gli italiani abbiano reso al mittente le (presunte) riforme scongiurando l'avvento di una "democrazia alla turca", o qualcosa di molto simile, tale da far passare norme delicate e per certi versi pericolose basandosi soltanto sulla compiacenza di parlamentari supini in un Parlamento illegittimo. Non se ne abbiano a male i renziani, almeno quelli in buona fede, ma questa è l'ennesima dimostrazione della già da tempo comprovata deriva verso destra del PD di Renzi.

Eppoi, la faccenda della "notte". Ma dai! Persino Renzi si è reso conto di quanto i suoi valgano poco se lasciati a decidere da soli, senza capobanda. Quando mai una norma può mutare valore in base all'ora del dì? E se uno spara all'imbrunire, oppure alle prime luci dell'alba? Bel rompicapo per il giudice di turno. Per fortuna del "legislatore", l'ora legale viene fatta scattare tra le due e le tre della notte, un'arma in meno per gli avvocati difensori. Qualcuno accenna a una normativa francese con dentro qualcosa di simile. Ebbene, dobbiamo mutuare le stupidate da altri paesi? Non ne abbiamo già a sufficienza in casa nostra? Perché mai andiamo a scopiazzare le sciocchezze anziché le cose serie di cui avremmo vitale necessità?

Eppure una soluzione facile, semplice, immediata, concreta al problema è lì, a portata di mano e di buon senso: vietare il possesso delle armi a chiunque circoli nel territorio della repubblica italiana, tranne le forze dell'ordine. Sembra già di sentire le urla di leghisti, fratellini d'Italia e redivivi berlusconiani affiancati da tanti renziani pronti a far squadra. Prima eccezione: come la mettiamo con in cacciatori? La risposta è semplice e risale a tanti anni orsono: i cacciatori, nel giorno di caccia, ritirano le armi presso una caserma dei carabinieri o di altro corpo e lì le depositano alla fine della giornata venatoria. Seconda eccezione: che fine faranno le fabbriche d'armi di cui l'Italia, zitta zitta, è tra le maggiori produttrici al mondo? Anche qui la risposta è semplice: usino il loro know-how per produrre qualcosa che non ammazzi la gente.

Se, dopo queste accortezze, si legiferasse per equiparare il solo possesso di un'arma da fuoco al tentato omicidio, qualcosa cambierebbe in meglio. Chissà se qualcuno tra i nostri legislatori troverà il coraggio di mettersi contro gli armaioli e i loro sponsor politici, siano essi i leghisti, fratelli d'italia, casa Pound, nostalgici del "regime" e, purtroppo, persino renziani. Un motto francese cita: "on vive que avec l'espoir"; noi diremmo: la speranza è l'ultima a morire. Prendiamo questo dai francesi e non le ore della notte nelle quali è permesso sparare. Sarebbe una buona lezione di civiltà.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011