Immagine di profilo di Tiziano Torzi
Altre Notizie dell'utente


AUGURI A 5 STELLE E' UN PO' DI SANA INFORMAZIONE
Buon Natale a 5 Stelle Buon Natale a chi non molla, a chi non molla mai. A chi non ha quasi più nulla e oggi si siede a tavola e si scambia uno sguardo fiero, d'acciaio, con la moglie e i...



VERSO ZERO RIFIUTI
Di Tiziano Torzi · creato il 19/12/2012 11:09 · vista 1007 volte · AMBIENTE · ABRUZZO


Movimento 5 stelle di Ortona
66026 Ortona
meetup: Movimento 5 Stelle Ortona

Al Signor Sindaco del Comune di Ortona

al Presidente del Consiglio Comunale

ai Sigg. Assessori

ai Sigg. Consiglieri Comunali

gli Organi di Stampa

Oggetto: 3 Proposte per la riduzione di rifiuti ( dal Progetto “RIFIUTI ZERO”)

Latte alla Spina

Il latte fresco che acquistiamo mediamente al supermercato ad un costo di circa 1,40 euro, viene pagato agli allevatori soltanto circa 30 centesimi al litro. C’è un euro che dunque si perde tra trattamento, imballaggio, distribuzione e, soprattutto, in pubblicità. Questo meccanismo sta di fatto strangolando i piccoli produttori che vedendosi così poco riconosciuto il loro lavoro sono spesso costretti a chiudere stalle ed aziende agricole.

Per la riduzione degli imballaggi ma anche per la valorizzazione della “Filiera corta del latte” a Ortona si potrebbe realizzare un distributore automatico del latte alla spina. Grazie a questo distributore:
- il cittadino potrà avere un latte più fresco, non trattato e più genuino,
- il latte sarà più economico perché con 1 euro si acquista 1 litro di latte fresco appena munto;
- all’allevatore viene riconosciuto più del doppio rispetto a quanto riconoscono le
centrali del latte;
- il latte può essere acquistato con un proprio contenitore riutilizzandolo e risparmiando all’ambiente l’utilizzo dei contenitori “usa e getta”.

L’Amministrazione comunale si dovrebbe far carico dell’acquisto (con circa 15 mila euro) del macchinario e dell’installazione per poi affidare la gestione all’Associazione provinciale degli allevatori che a sua volta effettuerà una convenzione con gli allevatori della zona disponibili a rifornire il macchinario.

Per legge gli allevatori che riforniscono distributori automatici del latte alla spina devono dotarsi della certificazione “Latte alta qualità” che implica una maggiore cura nei passaggi del latte dalla mammella della vacca fino al contenitore refrigerato ed una maggiore igiene per il prodotto.

A Capannori in due anni, dall’inaugurazione del febbraio 2008 al febbraio 2010, con il distributore automatico di latte alla spina sono stati venduti quasi 200 litri al giorno per un totale di circa 110.000 litri. Considerando che circa il 90% dei consumatori acquista il latte con un proprio contenitore sono state risparmiate oltre 90.000 confezioni di latte dai rifiuti.

Detersivi alla spina

Detersivi di qualità, naturali ed ecologici, di produttori locali, possono essere acquistati, usando direttamente un proprio contenitore è possibile quindi acquistare detersivi alla spina risparmiando e facendo risparmiare all’ambiente lo smaltimento di tanti inutili imballaggi.

Anche in questo caso l’Amministrazione comunale si dovrebbe far carico dell’acquisto (con una spesa di nemmeno 2.000 euro) di contenitori in acciaio, con un rubinetto, che permettono l’erogazione alla spina del prodotto e l’acquisto anche con propri contenitori.
Nel Comune di Capannori, Associazione di categoria (Confesercenti o Confcommercio) ed Ato Rifiuti hanno stipulato una convenzione che ha impegnato tutti gli enti ed associazioni nella massima comunicazione dell’iniziativa che infatti ha avuto grande richiamo e successo tra la cittadinanza. Dopo i primi 4 esercenti le richieste si sono moltiplicate. I produttori locali si sono fatti carico, visto il successo dell’iniziativa, di fornire loro stessi ai
negozianti i contenitori in comodato d’uso gratuito per la vendita del prodotto ed il progetto si è diffuso anche oltre i confini comunali estendendosi in tutta la provincia di Lucca e non solo.

Sono circa 27.000 i litri di detersivi ecologici venduti alla spina nei 15 punti vendita a Capannori in un anno e due mesi al febbraio 2010. Il secondo dato molto positivo è che a fronte dei ventisettemila litri di detergenti venduti i contenitori consumati sono stati solo
3.200, ovvero solo l’11% circa dei litri smerciati e ciò significa un grande risparmio di flaconi di plastica immessi nell'ambiente.

Ecosagre

Sempre nel Comune di Capannori in una serie di incontri realizzati tra il Comune e le associazioni organizzatrici delle sagre estive sono stati condivisi i principi di riduzione dei rifiuti a cui si voleva ispirare la rivisitazione del Regolamento comunale che ne regola le concessioni anno per anno.

Grazie al nuovo Regolamento e all’impegno delle associazioni si è eliminato l’utilizzo dell’usa e getta di plastica nelle sagre estive. “Ecosagre” a Capannori significa ridurre l’impatto ambientale delle manifestazioni estive paesane nel territorio comunale.
Gli organizzatori delle sagre estive, infatti si impegnano a:
- differenziare tutti gli scarti prodotti dalla sagra e dei partecipanti;
- ridurre la produzione di rifiuti e di imballaggi durante le feste
- utilizzare stoviglie, posate e bicchieri riutilizzabili o in materiale compostabile

Dall’approvazione, nella primavera 2008, del nuovo Regolamento, ogni anno vengono risparmiati oltre 40.000 coperti usa e getta ogni anno e nelle sagre si mangia dunque con piatti di coccio e posate lavabili oppure con il materiale usa e getta in mater-bi che può essere riciclato nell’organico. Visto il numero consistente di Sagre estive presenti sul territorio Ortonese, sarebbe opportuno aderire anche a questa iniziativa prima della prossima stagione estiva


Movimento 5 Stelle di Ortona




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011