Immagine di profilo di PRC Pisa
Altre Notizie dell'utente


Una riflessione di fondo sulla Bossi-Fini e non solo
Stefano Galieni 10/10/2013Occorre una strage per cambiare una legge? In Italia sembra proprio di si, ripercorrendo a ritroso la storia della Repubblica sembra che solo di fronte ad immani tragedie ci...



Caro Nichi, per favore non prenderci in giro…
di Giusto Catania – giustocatania.blogspot.it- Ho sempre avuto rispetto per le posizioni politiche di Sel e grande stima del suo leader, malgrado non abbia mai condiviso le loro scelte...



San Giuliano Terme CAMBIARE LE SCELTE POLITICHE, NON SOLO LE FACCE
21 gennaio 2014 Discontinuità, cambiamento. Nell’ imminenza delle elezioni comunali non esiste forza politica né candidato a sindaco che non la chieda rispetto all’operato...



Per la Pace in medioriente, per fermare il genocidio in PALESTINA
La mozine presentata da alcuni gruppi consiliari per la PACE in medioriente per fermare il genocidio in Palestina sarà discusa al prosimo consiglio comunaleIl Consiglio Comunale di San...



IL PIAZZISTA
di Dino Greco. Ecco in cosa consiste la politica economica del governo magnificata da Letta contro il "disfattismo" di casa nostra: andare in giro per il mondo - nei giorni scorsi il premier è...



Quando un regalo NON dovrebbe esser gradito
San Giuliano T 6 agosto 2014 Il 31 Luglio scorso è stata sottoposta al Consiglio Comunale la delibera di approvazione definitiva relativa alla Variante San Zeno a San GiulianoDal momento che...



Ex Colorificio Toscano a Pisa: l’esperienza sociale che vi si svolge è un patrimonio da tutelare
Ex Colorificio Toscano a Pisa a rischio sgombero. Monica Sgherri (Prc) : ” L’esperienza sociale che vi si svolge è un patrimonio da tutelare. Adesione alla manifestazione del 16...



«Il Prc siamo noi»
di Romina Velchi La fuori c’è un mondo che chiede di entrare; c’è una realtà in carne e ossa che chiede di contare, di avere voce in capitolo. A Napoli va in scena...



Se i cittadini europei fossero delle banche, li avrebbero già salvati
Nell’ultimo anno in Belgio sono aumentate in maniera vistosa e preoccupante le espulsioni – o meglio i ritiri delle carte di soggiorno - di cittadini comunitari. All’inizio in...



IL TRASPORTO PUBBLICO E' UN SERVIZIO DA DIFENDERE
Di PRC Pisa · creato il 05/02/2014 00:00 · vista 1397 volte · LAVORO · TOSCANA


Esprimiamo tutta la nostra preoccupazione per la mancata intesa tra organizzazioni sindacali e CTT Nord per l’applicazione del nuovo contratto integrativo. In questi mesi di trattativa avevamo più volte ribadito che era necessario un cambiamento di rotta da parte dell’azienda, chiedendo un maggiora presenza da parte dei soci pubblici.
Ma purtroppo ciò non è avvenuto e i vertici della CTT Nord hanno continuato a scaricare le responsabilità di una situazione del trasporto pubblico locale al collasso – a causa in primo luogo dei tagli nazionali a questo servizio - sui lavoratori, ritenendo che la competitività si ottenga solo riducendo il costo del lavoro. A partire da questo presupposto era purtroppo prevedibile che l’intesa non sarebbe stata trovata.
Il quadro che abbiamo di fronte è molto grave. Infatti ad oggi la situazione finanziaria di CTT Nord parla di un buco tra i 5 e i 6 milioni di euro, frutto di scelte politiche sbagliate. Ad oggi questa società si presenterebbe alla gara unica regionale, la cui pubblicazione viene ancora rinviata, senza avere delle reali possibilità per aggiudicarsela. Non ci sono certezze né che la CTT Nord riesca a partecipare né che nel caso in cui vincesse sia in grado di rispettare gli oneri previsti da una gara regionale che non ha una adeguata copertura finanziaria e che implica un ingiustificato aumento delle tariffe.
Ad essere colpiti oggi ma soprattutto domani, da questi processi di privatizzazione sono gli utenti del servizio e i lavoratori. Il trasporto pubblico locale è un diritto e in quanto tale è responsabilità dei soggetti pubblici assumersene la garanzia. La logica delle privatizzazioni lede questo diritto scaricando sui cittadini e sui lavoratori i costi della remunerazione dei capitali privati, costi ulteriormente aggravati dalle esigenze di competitività imposte dal regime di libero mercato.
Di fatto, invece, la CTT Nord si comporta come una qualsiasi azienda privata con l’amministratore delegato che ha comportamenti arroganti e antisindacali, senza che i soggetti pubblici facciano sentire la propria voce.
Visto che alla scadenza prevista del 31 gennaio ancora una intesa non si è trovata riteniamo che gli enti locali, a partire dal Comune di Pisa, debbano avere, a differenza di quanto fatto fino ad oggi, un ruolo di indirizzo ben più forte rispetto a vertici aziendali le cui strategie sono molto discutibili. Rilanciamo quindi la necessità di consigli comunali da svolgersi nelle prossime settimane in cui si affronti l’emergenza del trasporto pubblico locale.

Rifondazione Comunista Pisa
Una città in comune


 




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011