Immagine di profilo di PRC Pisa
Altre Notizie dell'utente


Valorizzare il Progetto Memoria, la storia dell’antifascismo, della guerra e della Resistenza a San Giuliano
San Giuliano T. 09 agosto 2014 Nel Consiglio Comunale del 31 luglio avrebbe dovuto andare in discussione una proposta di delibera sul Settantesimo anniversario dell'Eccidio della Romagna, un testo...



Landini a testa bassa attacca Camusso
di Antonio Sciotto – il manifesto Cgil, scontro sulla rappresentanza. Il leader della Fiom chiede di ritirare la firma sull’accordo con Confindustria. E un...



«Il Prc siamo noi»
di Romina Velchi La fuori c’è un mondo che chiede di entrare; c’è una realtà in carne e ossa che chiede di contare, di avere voce in capitolo. A Napoli va in scena...



Anche a Pisa nasce il coordinamento per RIVOLUZIONE CIVILE - Ingroia
Per ora siamo su internet, presto anche una sede in città! Con la prima riunione del 10 gennaio si è costituito anche a Pisa il coordinamento provinciale per Rivoluzione civile, il...



IL TRASPORTO PUBBLICO E' UN SERVIZIO DA DIFENDERE
Esprimiamo tutta la nostra preoccupazione per la mancata intesa tra organizzazioni sindacali e CTT Nord per l’applicazione del nuovo contratto integrativo. In questi mesi di trattativa avevamo...



PRC Pisa, A. Corti: " San Rossore resti al Parco"
Il consigliere provinciale del PRC Andrea Corti si è messo al lavoro affinché la Regione ripensi la legge di Trasformazione dell’ente “Azienda regionale agricola di...



PRC Pisa: Free Free PALESTINE
Pontedera (PI), 29 novembre 2012. E' in corso il Comitato Politico Federale (CPF) quando alle 23.15 le agenzie battono la notizia: ONU, 138 si per la Palestina. Le Compagne e i Compagni del Partito...



Se i cittadini europei fossero delle banche, li avrebbero già salvati
Nell’ultimo anno in Belgio sono aumentate in maniera vistosa e preoccupante le espulsioni – o meglio i ritiri delle carte di soggiorno - di cittadini comunitari. All’inizio in...



IL PIAZZISTA
di Dino Greco. Ecco in cosa consiste la politica economica del governo magnificata da Letta contro il "disfattismo" di casa nostra: andare in giro per il mondo - nei giorni scorsi il premier è...



San Giuliano Terme CAMBIARE LE SCELTE POLITICHE, NON SOLO LE FACCE
Di PRC Pisa · creato il 23/01/2014 21:29 · ultima modifica 23/01/2014 22:00 · vista 1283 volte · POLITICA · TOSCANA


21 gennaio 2014 Discontinuità, cambiamento. Nell’ imminenza delle elezioni comunali non esiste forza politica né candidato a sindaco che non la chieda rispetto all’operato della giunta Panattoni. Lo fa il PD, partito del sindaco uscente, l'IDV e il PSI nonostante abbiano difeso pervicacemente gli ultimi cinque anni di amministrazione. Lo fa anche chi come SEL che, malgrado avesse le mani più libere in quanto fuori dal consiglio comunale e dalla giunta, non ha mai fatto mancare il proprio appoggio alla giunta uscente. Tutto ciò significa innanzitutto che la giunta uscente ha raggiunto un livello insuperato di impopolarità, ma non è accettabile un maquillage di facciata : per cambiare davvero occorre affrontare i nodi veri del disastro politico in cui è piombato il Comune, capirne le ragioni e porvi rimedio.
Sinistra Unita per San Giuliano, che per cinque anni ha condotto come gruppo consiliare l'opposizione alla giunta Panattoni, propone non solo discontinuità nelle facce degli amministratori ma anche e soprattutto un cambiamento nelle politiche di governo ovvero alternative a quelle messe in atto dalla maggioranza e dalla giunta sangiulianese. Scelte che, sul piano strategico, si sono caratterizzate nel dissanguamento del Comune per sostenere la Società delle Terme e la Fondazione Cerratelli, a discapito del mantenimento delle farmacie comunali e del potenziamento di Geste e nella vendita del patrimonio pubblico e che sul piano tattico hanno caratterizzato l’ amministrazione uscente in una politica di piccolo cabotaggio clientelare, teso a privilegiare i (troppi) dirigenti nei confronti dei dipendenti comunali, a portare avanti una politica urbanistica di corto respiro finalizzata ad esaurire le possibilità edificatorie del piano regolatore senza visioni innovative come sarebbe stato se si fosse promosso un piano per il recupero del patrimonio edilizio esistente. Una politica di sperperi a pioggia, che ha portato il Comune sull’ orlo del dissesto.
Rifondazione Comunista ha nei giorni scorsi incontrato le varie forze politiche che si preparano alle elezioni: all’ adusato termine di “discontinuità, cambiamento” ora dovranno seguire indicazioni programmatiche di come tali termini dovrebbero materializzasi non solo per indicare un cambio di “giocatore in partita”. Chiediamo a chi chiede discontinuità e cambiamento un passo in più: che la nuova maggioranza si presenti fin da ora nei confronti dell’ elettorato, a partire dai programmi, alternativa a quella uscente. Ed alternativa significa che dovrà recuperare un rapporto con la gente e tra la gente, privilegiare le scelte che contrastino le attuali tendenze a limitare gli spazi della democrazia rappresentativa. Occorre che venga detto con chiarezza che il Comune deve diventare una casa aperta e non il luogo dove pochi scelgono per tutti, sconfessare chi sta tentando di vanificare l’ esito del referendum sui beni comuni, chi sta portando avanti strumenti di gestione territoriali sovracumunali che escludano la rappresentanza democratica, trasformando le scelte amministrative in gestioni burocratiche.
Nei prossimi giorni Rifondazione Comunista ed il Partito dei Comunisti Italiani approfondiranno questi temi programmatici, denunceranno all’ opinione pubblica gli sperperi del passato e avanzeranno concrete proposte per il futuro. Per noi i contenuti vengono prima dei nomi dei candidati a sindaco ed un’ alleanza con chi propone discontinuità e cambiamento dovrà con chiarezza basarsi su programmi alternativi a quelli della passata amministrazione.




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011