Immagine di profilo di GAP Pordenone
Altre Notizie dell'utente


Nel messaggero del 01/12/2013 di Sigfrido Cescut
Piazza Risorgimento «sia la piazza delle culture antifasciste»Un anno dopo la manifestazione contro la sfilata di estrema destra, il “Coordinamento antifascista – antirazzista...



"Clandestino non è reato". Ma per una volta sola.
di Stefano Galieni - www.controlacrisi.orgLa permanenza “irregolare” in Italia per i cittadini migranti, volgarmente detta clandestinità, non è più da ieri per il...



PER UN RILANCIO DELL'EDILIZIA POPOLARE
Non si fermano i blitz per inchiodare i fautori e gli approfittatori della "crisi" alle proprie responsabilità. Oggi lunedì 6 gennaio del nuovo anno la befana ha portato in dono...



Povertà. Oxfam, 85 persone detengono meta’ ricchezza del pianeta
di ASCA - www.internazionale.it   Le elite economiche mondiali agiscono sulle classi dirigenti politiche per truccare le regole del gioco economico, erodendo il funzionamento delle istituzioni...



TROPPE CASE SENZA GENTE, TROPPA GENTE SENZA CASE!
A Pordenone e nella provincia ci sono almeno 30.000 case vuote secondo uno studio fermo al 2011. Nella sola città di Pordenone vi sono circa 5.000 unità immobiliari abitative catastali...



Canfora: via subito la riforma Gelmini e l'Invalsi
Estratto iniziale di un'intervista di Federico Ferraù al prof. Luciano Canfora - Il Sussidiario.«Poiché la scuola dovrebbe essenzialmente far nascere lo spirito critico, la...



Cosa c’entra la finanza con l’istruzione?
di Antonio Scurati, da la Stampa, 4 febbraio 2013Assistiamo a un paradosso rivelatore. Non passa giorno senza che il mondo della finanza non si dimostri un perverso anti-modello, incline ad aggravare...



Sovranità monetaria: unica arma per rilanciare crescita e innovazione
È notizia di ieri dell'OCSE che il nostro paese è l'unico tra i paesi del G7 che non vedrà la fine del tunnel della recessione nei prossimi trimestri. Infatti, mentre è...



I tagli all'istruzione: la necessità di mobilitarsi anche a Pordenone
In modo ostinatamente miope, in ogni crisi economica, c'è il momento del “taglio”. Vista la profondità della crisi che stiamo vivendo era lecito aspettarsi tagli al welfare...



Unità, mutualismo, solidarietà, per ricostruire un'idea di futuro e una nuova umanità.
Di GAP Pordenone · creato il 04/03/2014 21:27 · vista 1247 volte · ALTRO · FRIULI VENEZIA GIULIA


Decenni di politiche liberiste hanno prodotto gli effetti che ora sono sotto gli occhi di tutti: aumento della disoccupazione, della precarizzazione, delle diseguaglianze e accentramento del potere e della ricchezza, saccheggio indiscriminato delle risorse del pianeta, distruzione dell'ambiente e della biodiversità.
Ma il sistema capitalista non si è accontentato solo di questo: oltre ad aver devastato lo stato sociale e l'ambiente ha prodotto il deterioramento delle relazioni umane all'interno di una società atomizzata dove le persone vivono in balia di un eterno presente deprivato di una prospettiva, di un senso di futuro.
Uomini isolati, che oltre all'alienazione nel posto di lavoro sono costretti a subire il ricatto perenne da parte di un capitalismo sfuggente, difficilmente identificabile, abile a cogliere le opportunità offerte dalla globalizzazione.
Risulta fin troppo evidente che la partita ormai si giochi a livello planetario.
Oggi più che mai dobbiamo quindi ritrovarci in una visione di sistema che guardi all'internazionalizzazione delle lotte in un'ottica di mutuo aiuto.
Ma è necessario riappropriarsi delle relazioni umane e sociali prima di tutto, tessere legami di solidarietà e mutualismo tra i lavoratori, tra i precari, a diversi livelli, perchè è proprio lì che il capitalismo ha marcato il proprio vantaggio.
Solo attraverso il riconoscimento del valore di una lotta comune è possibile rovesciare il paradigma che ora vede, noi lavoratori, noi operaie ed operai italiani, europei, noi migranti, noi proletari cingalesi, rumeni, cinesi o peruviani in una posizione di debolezza.
E' necessaria una presa di coscienza capace di partire da azioni concrete nel locale per approdare ad una visione globale di sistema, che assuma il valore etico e sociale come contenuto politico.
In questo senso alla solidarietà si riconosce un significato imprescindibile risultando la dimostrazione concreta di una riappropriazione sociale e umana.
Unità, mutualismo, solidarietà, per ricostruire un'idea di futuro e una nuova umanità.

Daniele De Piero
Gruppo di Mutuo Soccorso Cordenons




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011