Immagine di profilo di GAP Pordenone
Altre Notizie dell'utente


FISCAL COMPACT, ovvero massacro sociale e suicidio economico
Il 1 gennaio 2013 è entrato in vigore il “patto di bilancio europeo”, comunemente chiamato fiscal compact, in tutti i paesi membri dell’Unione europea che lo hanno firmato,...



22 MARZO : GIORNATA MONDIALE DELL'ACQUA
DIRITTO ALL’ACQUA PER TUTTI E TUTTE DALL’ITALIA ALLA PALESTINAGESTIONE PUBBLICA E PARTECIPATA DELL’ACQUA E DEI SERVIZI PUBBLICI!Il pieno diritto all’acqua non potrà...



18 e 19 ottobre, una lezione per la sinistra
di Carlo Formenti [Micromega]Nei giorni precedenti alle manifestazioni del 18 e 19 ottobre i media, hanno orchestrato una vera e propria campagna terroristica, vaticinando il “sacco di...



Prigioniero palestinese muore in carcere Israele
Arafat Jaradat, 30 anni, è morto dopo una settimana di prigione. Secondo la famiglia, è stato torturato fino al decesso. Israele: è morto di infarto.Betlemme, 24 febbraio 2013,...



Salvate il soldato Letta
di Tommaso Di Francesco, il Manifesto Volete ridere? Nella telefonata di lunedì a Enrico Letta il presidente Obama tra le altre cose ha chiesto espressamente aiuto all’Italia per...



Celestini: 'Sto dalla parte degli antagonisti. Gli scontri? Era un corteo non una passeggiata'
Ascanio Celestini, lei ha partecipato alla manifestazione di sabato: quali sono state le sue impressioni?«È stata una bella manifestazione, grande, tranquilla. Ero con due miei amici....



Amazon e lo schiavismo al tempo della globalizzazione
di Giorgio Cremaschi - MicroMegaLa notizia ha fatto un certo scalpore anche nel mondo abituato a giustificare sempre la globalizzazione. In Germania negli stabilimenti Amazon dove si smistano le...



Sovranità monetaria: unica arma per rilanciare crescita e innovazione
È notizia di ieri dell'OCSE che il nostro paese è l'unico tra i paesi del G7 che non vedrà la fine del tunnel della recessione nei prossimi trimestri. Infatti, mentre è...



Siamo tornati!
Dopo la breve pausa della scorsa settimana il GAP ritorna con la sua attività di distribuzione come sempre il sabato mattina alla Casa del Popolo; abbiamo anche aggiornato la lista aggiungendo...



Per la Kyenge nessuna accoglienza
Di GAP Pordenone · creato il 23/01/2014 16:24 · vista 1299 volte · SOLIDARIETA' · FRIULI VENEZIA GIULIA


Sabato 25 gennaio a Pordenone è attesa in veste istituzionale, come rappresentante del governo Letta, Cécile Kyenge ministro dell'integrazione con delega alle Politiche giovanili.
Cosa ha prodotto per i migranti la politica di questa ministra? Sostanzialmente dibattito, dichiarazioni, clamore, contestazioni idelogiche, ma concretamente, nella vita quotidiana e nella prospettiva di milioni di migranti in Italia, non ci sono stati passi in avanti verso un miglioramento delle condizioni umane, lavorative e dei diritti fondamentali. La Bossi-­Fini, peggiorativa della già pessima Turco­Napolitano, è ancora in vigore, i CIE (allora CPT) sono ancora attivi e detengono esseri umani incarcerati e segregati per un pezzo di carta mancante. Il reato di clandestinità produce esclusione, paura e morte (sono centinaia in pochi anni i morti annegati al largo di Lampedusa e non solo) e l’emendamento appena passato in senato che lo limiterebbe è l’ennesima farsa sulla pelle dei clandestini. L’esistenza dei migranti è ancora subordinata al ricatto del lavoro, nelle mani di padroni che possono decidere il giorno in cui dargli speranza e quello in cui levarseli di torno, inutile manovalanza di cui sbarazzarsi.

E’ vero che il suo ministero è senza portafoglio e le sue proposte (abolizione del reato di clandestinità e Ius Soli) sono blindate dalle “larghe intese” che non le consentono manovre politiche reali. Eppure quando la Kyenge ha accettato di entrare in questo governo antiproletario e sottopancia della BCE e delle sue politiche di “lacrime & sangue” lo sapeva come stavano le cose, quali giochi politici si celavano dietro le spartizioni delle poltrone e quali reali prospettive di cambiamento avrebbe avuto. Dopo quasi un anno rimangano solo le intenzioni e nulla più: game over!

Non avremmo dunque nessuna buona accoglienza da farle se non fosse che ancora una volta la sua persona di migrante, donna e nera non scatenasse i peggiori istinti dei mai sazi trogloditi.
Così anche a Pordenone un manipolo di razzisti e fascisti, che vanno da Fiamma tricolore e casapound a forza nuova, dai leghisti ai forconi, ha deciso di utilizzare il colore della pelle della ministra per sputare il solito odio e i soliti pregiudizi continuando a capovolgere la realtà urlando fantomatici privilegi ai "non italiani".

Come Coordinamento Antifascista e Antirazzista di Pordenone non accettiamo l’assembramento vergognoso di questo rugurgito fascista e razzista in città e non manchiamo di dare solidarietà umana a Cécile Kyenge per questi insulti. Ma non possiamo rimanere silenti rispetto a ciò che rappresenta il ministro che, nei fatti, è la prima visita governativa in città dall’insediamento del governo Letta.

Le politiche che rappresenta sono un pugno allo stomaco per la gran parte delle genti di queste terre a nord­est, dove ogni giorno e da tempo si sommano cassintegrazioni, licenziamenti, aumenti della disoccupazione, degli sfratti e della precarietà in generale.
Questo è l’enensimo governo della TAV, degli acquisti miliardari di cacciabombardieri, dei tagli alla sanità, alla scuola e alle università, dell’aumento delle tasse e dell’impoverimento generale.

Perciò: via i fascisti e i razzisti da Pordenone e nessuna accoglienza signora ministro, ritorni a fianco dei migranti, nelle associazioni, nei comitati antisfratti, in quelli contro i CIE, nelle lotte di base e territoriali dove la solidarietà umana reincontrerà anche quella politica.

Coordinamento Antifascista Antirazzista Pordenonese




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011