Immagine di profilo di GAP Pordenone
Altre Notizie dell'utente


Povertà. Oxfam, 85 persone detengono meta’ ricchezza del pianeta
di ASCA - www.internazionale.it   Le elite economiche mondiali agiscono sulle classi dirigenti politiche per truccare le regole del gioco economico, erodendo il funzionamento delle istituzioni...



TROPPE CASE SENZA GENTE, TROPPA GENTE SENZA CASE!
A Pordenone e nella provincia ci sono almeno 30.000 case vuote secondo uno studio fermo al 2011. Nella sola città di Pordenone vi sono circa 5.000 unità immobiliari abitative catastali...



Canfora: via subito la riforma Gelmini e l'Invalsi
Estratto iniziale di un'intervista di Federico Ferraù al prof. Luciano Canfora - Il Sussidiario.«Poiché la scuola dovrebbe essenzialmente far nascere lo spirito critico, la...



Cosa c’entra la finanza con l’istruzione?
di Antonio Scurati, da la Stampa, 4 febbraio 2013Assistiamo a un paradosso rivelatore. Non passa giorno senza che il mondo della finanza non si dimostri un perverso anti-modello, incline ad aggravare...



Sovranità monetaria: unica arma per rilanciare crescita e innovazione
È notizia di ieri dell'OCSE che il nostro paese è l'unico tra i paesi del G7 che non vedrà la fine del tunnel della recessione nei prossimi trimestri. Infatti, mentre è...



I tagli all'istruzione: la necessità di mobilitarsi anche a Pordenone
In modo ostinatamente miope, in ogni crisi economica, c'è il momento del “taglio”. Vista la profondità della crisi che stiamo vivendo era lecito aspettarsi tagli al welfare...



Eccoci giunti alla nostra seconda distribuzione!
Il GAP di Pordenone è ormai tornato perfettamente in attività e siamo giunti alla seconda distribuzione del nostro secondo anno di questa pratica sociale. E' nostro piacere comunicarvi...



No all’Europa reale
Se qualcuno davvero aveva creduto che il nuovo governo si distaccasse di qualche centimetro dal percorso segnato dal governo Monti, ora dovrebbe ammettere di essersi sbagliato.Il patetico viaggio in...



Opposizione alla monarchia elettiva
di Giorgio Cremaschi - MicroMega. Quando un Presidente della Repubblica che dura sette anni viene rieletto per altri sette, siamo in un sistema più simile all’antica monarchia elettiva...



PER UN RILANCIO DELL'EDILIZIA POPOLARE
Di GAP Pordenone · creato il 07/01/2014 21:38 · vista 1259 volte · ALTRO · FRIULI VENEZIA GIULIA


Non si fermano i blitz per inchiodare i fautori e gli approfittatori della "crisi" alle proprie responsabilità. Oggi lunedì 6 gennaio del nuovo anno la befana ha portato in dono all'ATER uno striscione che recitava "+ case popolari - spese militari"! In anni di sperpero di denaro pubblico in armamenti, spese di guerra e occupazioni militari di decine di paesi disgraziati ma ricchi di risorse da sfruttare, i governi italiani di varia casacca mai si sono preoccupati di investire sull'edilizia popolare, soprattutto recuperando le migliaia di edifici e strutture pubbliche e private lasciate al degrado e alla speculazione edilizia.

A Pordenone esistono diverse sedi di demanio pubblico che potrebbero essere riassegnate alle famiglie e alle persone sempre più in difficoltà ed esistono ettari di spazi e strutture del demanio militare completamente in disuso da decenni in tutta la provincia pordenonese e che i comuni potrebbero acquisire per ristrutturare a favore della popolazione più sofferente. Invece si preferisce la politica delle concessioni per la cementificazione di mega centri commerciali o per gli interassi privati delle solite imprese, spesso in odor di mafia (vedasi l'ecomostro di P.zza Costantini) lasciando migliaia di abitazioni sfitte (11.000 solo in città).
Il "Collettivo Case e Spazi per Tutti" con questo ennesimo blitz all'ATER e in Via Spilimbergo, ennesima palazzina completamente disabitata, vuole continuare il percorso cominciato la fine dell'anno appena trascorso per rilanciare una riappropriazione delle case e degli spazi da parte di chi ne ha bisogno, costruendo sul territorio vertenze di giustizia sociale e di equa redistribuzione delle ricchezze che tutti, senza discriminazione alcuna, creiamo e di cui in pochi, i soliti padroni della città, godono.

TROPPE CASE SENZA GENTE, TROPPA GENTE SENZA CASE!




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011