Immagine di profilo di GAP Pordenone
Altre Notizie dell'utente


Canfora: via subito la riforma Gelmini e l'Invalsi
Estratto iniziale di un'intervista di Federico Ferraù al prof. Luciano Canfora - Il Sussidiario.«Poiché la scuola dovrebbe essenzialmente far nascere lo spirito critico, la...



Cosa c’entra la finanza con l’istruzione?
di Antonio Scurati, da la Stampa, 4 febbraio 2013Assistiamo a un paradosso rivelatore. Non passa giorno senza che il mondo della finanza non si dimostri un perverso anti-modello, incline ad aggravare...



Sovranità monetaria: unica arma per rilanciare crescita e innovazione
È notizia di ieri dell'OCSE che il nostro paese è l'unico tra i paesi del G7 che non vedrà la fine del tunnel della recessione nei prossimi trimestri. Infatti, mentre è...



I tagli all'istruzione: la necessità di mobilitarsi anche a Pordenone
In modo ostinatamente miope, in ogni crisi economica, c'è il momento del “taglio”. Vista la profondità della crisi che stiamo vivendo era lecito aspettarsi tagli al welfare...



Eccoci giunti alla nostra seconda distribuzione!
Il GAP di Pordenone è ormai tornato perfettamente in attività e siamo giunti alla seconda distribuzione del nostro secondo anno di questa pratica sociale. E' nostro piacere comunicarvi...



No all’Europa reale
Se qualcuno davvero aveva creduto che il nuovo governo si distaccasse di qualche centimetro dal percorso segnato dal governo Monti, ora dovrebbe ammettere di essersi sbagliato.Il patetico viaggio in...



Opposizione alla monarchia elettiva
di Giorgio Cremaschi - MicroMega. Quando un Presidente della Repubblica che dura sette anni viene rieletto per altri sette, siamo in un sistema più simile all’antica monarchia elettiva...



Berlusconi riabilita il fascismo, Italia fuori dall’Europa
di Francesco Peloso - Globalist.itAlla fine l’ha fatto: senza più infingimenti B. ha riabilitato l’unico modello che nella storia disgraziata d’Italia gli rassomiglia:...



Amazon e lo schiavismo al tempo della globalizzazione
di Giorgio Cremaschi - MicroMegaLa notizia ha fatto un certo scalpore anche nel mondo abituato a giustificare sempre la globalizzazione. In Germania negli stabilimenti Amazon dove si smistano le...



TROPPE CASE SENZA GENTE, TROPPA GENTE SENZA CASE!
Di GAP Pordenone · creato il 17/12/2013 22:06 · vista 1307 volte · ALTRO · FRIULI VENEZIA GIULIA


A Pordenone e nella provincia ci sono almeno 30.000 case vuote secondo uno studio fermo al 2011. Nella sola città di Pordenone vi sono circa 5.000 unità immobiliari abitative catastali non occupate. Negli ultimi 5 anni, a causa della crisi che sta mettendo in ginocchio sempre più persone e famiglie, l’indice di morosità è raddoppiato, le procedure sono in aumento del 79%.
Le richieste di esecuzione degli sfratti erano 365 nel 2008, sono arrivate a 687 nel 2012, con un incremento percentuale dell’88,2%. Siamo in piena emergenza abitativa se pensiamo che con la dismissione dell’industria pordenonese e l’indotto che ne deriva migliaia di persone si ritroveranno senza più stipendio o con un reddito da fame. Eppure la speculazione edilizia continua senza sosta, con un lieve ribasso, ma con concessioni di cubature per cementificare ancora al limite della follia.
Per questi motivi abbiamo voluto lanciare una vertenza per una moratoria degli sfratti in città e per la redistribuzione dei locali sfitti a chi ne ha e ne avrà bisogno.
Questa mattina, domenica 15 dicembre, abbiamo monitorato due palazzine, in viale Marconi e Via Montereale, di 10 e 12 appartamenti completamente sfitte! lasciate al degrado eppure ancora perfettamente in grado di accogliere nuclei famigliari.
Una vertenza senza alcuna distinzione fra nazionalità, senza foraggiare la guerra fra poveri, senza alimentare stupidi nazionalismi quando a patire la crisi siamo tutti mentre a lucrarci sopra sono quelli che l’han creata!
Invece che inginocchiarci nei presidi confidando in istituzioni ignave o peggio, illudendosi che nuovi governi dispenseranno prebende come un tempo, tra l’altro ai soliti noti, preferiamo mostrare l’unica strada percorribile qui ed ora: l’autorganizzazione e l’autogestione sociale. Riprendiamoci ciò che ci serve per vivere degnamente, ricreiamo legami di solidarietà sociale!
La rivoluzione si costruisce dal basso e abbatte la cause alla radice, è una forza progressiva ed evolutiva MAI regressiva e reazionaria, indietro non si torna!

VERTENZA CASE PER TUTTI




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011