Immagine di profilo di GAP Pordenone
Altre Notizie dell'utente


"Clandestino non è reato". Ma per una volta sola.
di Stefano Galieni - www.controlacrisi.orgLa permanenza “irregolare” in Italia per i cittadini migranti, volgarmente detta clandestinità, non è più da ieri per il...



PER UN RILANCIO DELL'EDILIZIA POPOLARE
Non si fermano i blitz per inchiodare i fautori e gli approfittatori della "crisi" alle proprie responsabilità. Oggi lunedì 6 gennaio del nuovo anno la befana ha portato in dono...



Povertà. Oxfam, 85 persone detengono meta’ ricchezza del pianeta
di ASCA - www.internazionale.it   Le elite economiche mondiali agiscono sulle classi dirigenti politiche per truccare le regole del gioco economico, erodendo il funzionamento delle istituzioni...



TROPPE CASE SENZA GENTE, TROPPA GENTE SENZA CASE!
A Pordenone e nella provincia ci sono almeno 30.000 case vuote secondo uno studio fermo al 2011. Nella sola città di Pordenone vi sono circa 5.000 unità immobiliari abitative catastali...



Canfora: via subito la riforma Gelmini e l'Invalsi
Estratto iniziale di un'intervista di Federico Ferraù al prof. Luciano Canfora - Il Sussidiario.«Poiché la scuola dovrebbe essenzialmente far nascere lo spirito critico, la...



Cosa c’entra la finanza con l’istruzione?
di Antonio Scurati, da la Stampa, 4 febbraio 2013Assistiamo a un paradosso rivelatore. Non passa giorno senza che il mondo della finanza non si dimostri un perverso anti-modello, incline ad aggravare...



Sovranità monetaria: unica arma per rilanciare crescita e innovazione
È notizia di ieri dell'OCSE che il nostro paese è l'unico tra i paesi del G7 che non vedrà la fine del tunnel della recessione nei prossimi trimestri. Infatti, mentre è...



I tagli all'istruzione: la necessità di mobilitarsi anche a Pordenone
In modo ostinatamente miope, in ogni crisi economica, c'è il momento del “taglio”. Vista la profondità della crisi che stiamo vivendo era lecito aspettarsi tagli al welfare...



Eccoci giunti alla nostra seconda distribuzione!
Il GAP di Pordenone è ormai tornato perfettamente in attività e siamo giunti alla seconda distribuzione del nostro secondo anno di questa pratica sociale. E' nostro piacere comunicarvi...



Nel messaggero del 01/12/2013 di Sigfrido Cescut
Di GAP Pordenone · creato il 03/12/2013 16:16 · vista 1867 volte · ALTRO · FRIULI VENEZIA GIULIA


Piazza Risorgimento «sia la piazza delle culture antifasciste»
Un anno dopo la manifestazione contro la sfilata di estrema destra, il “Coordinamento antifascista – antirazzista pordenonese” è tornato in piazza, manifestando a favore di immigrati e lavoratori, precari e disoccupati, denunciando le «derive razziste, xenofobe e sessiste» presenti nella politica e nella società, chiedendo la chiusura dei centri di identificazione ed espulsione (Cie), la salvaguardia del lavoro alla Zanussi di Porcia, all’Ideal Standard e in tutte le realtà produttive. Freddo e tramontana non hanno scoraggiato oltre cento manifestanti italiani e stranieri che, riscaldati dalla passione politica, oltre che da tè caldo, vin brulè e musica, hanno ascoltato gli interventi dei militanti del coordinamento antifascista – antirazzista, del collettivo Vittorio Arrigoni per gli studenti delle scuole superiori della città, dell’associazione immigrati, di libertari, anarchici, di Rifondazione comunista, di antifascisti dell’Anpi e della Fiom. Gianluca Giannetto e Stefano Raspa hanno sottolineato l’attualità dei valori della lotta partigiana di liberazione che oggi vivono nella militanza per una società democratica, multi culturale e interetnica. Da ciò la decisione di ribattezzare Piazza Risorgimento in Piazza delle Culture antifasciste. «Non basta rifare l’arredo urbano, dove si sono svolte diverse retate contro gli extracomunitari – ha sostenuto Stefano Raspa – bisogna anche rendere il luogo accogliente, farlo vivere in modo armonioso, con l’incontro fra culture diverse nel segno della fratellanza umana». Particolarmente applauditi gli interventi di Gabriel Tshimanga dell’associazione immigrati e Walter Zoncolan della Fiom – Cgil. Elena Beltrame ha ricordato infine, a un anno dalla morte, Mario Bettoli, comandante partigiano, presidente di Anpi e Casa del popolo

(condivisa da 1 utente)

Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011