Immagine di profilo di GAP Pordenone
Altre Notizie dell'utente


PER UN RILANCIO DELL'EDILIZIA POPOLARE
Non si fermano i blitz per inchiodare i fautori e gli approfittatori della "crisi" alle proprie responsabilità. Oggi lunedì 6 gennaio del nuovo anno la befana ha portato in dono...



L'ultima rapina di Monti: stipendi e pensioni pignorabili per intero
Per legge i pignoramenti su stipendi e pensioni non possono superare il 10% per debiti fino a 2.500 euro, un settimo per debiti da 2.500 euro a 5.000 euro e il 20% per debiti superiori a 5.000...



Affollatissima conferenza con A. Kersevan
Almeno 150 persone, molte costrette a stare in piedi, sono intervenute alla prima iniziativa del Coordinamento Antifascista Pordenonese (sabato 23 marzo), nato un mese fa sulla necessità di...



Grecia: il governo vuole rinchiudere i cittadini insolventi
di Marco Santopadre - Contropiano. Il governo ellenico vuole assolutamente riempire le casse dello Stato. Una recente legge permette di rinchiudere i cittadini che devono al fisco più di 5000...



Eccoci giunti alla nostra seconda distribuzione!
Il GAP di Pordenone è ormai tornato perfettamente in attività e siamo giunti alla seconda distribuzione del nostro secondo anno di questa pratica sociale. E' nostro piacere comunicarvi...



Eurozona, appello contro la tenaglia del “two-pack”
Il 12 marzo il Parlamento europeo riunito a Strasburgo ha votato a maggioranza il cd. Two-Pack, ovvero due Regolamenti che, dopo le ulteriori fasi di approvazione, entreranno automaticamente in...



Prigioniero palestinese muore in carcere Israele
Arafat Jaradat, 30 anni, è morto dopo una settimana di prigione. Secondo la famiglia, è stato torturato fino al decesso. Israele: è morto di infarto.Betlemme, 24 febbraio 2013,...



No all’Europa reale
Se qualcuno davvero aveva creduto che il nuovo governo si distaccasse di qualche centimetro dal percorso segnato dal governo Monti, ora dovrebbe ammettere di essersi sbagliato.Il patetico viaggio in...



Dai campi di sterminio, allo sterminio dei campi (pubblicato il 2 settembre 2013)
Invaso il primo campo italiano di mais Ogm. La Regione Friuli è la prima a legiferare contro la biodiversità [Checchino Antonini, da Liberazione]"Dai campi di sterminio, allo sterminio...



Comunicato unitario dei sindacati metalmeccanici sulla questione Electrolux
Di GAP Pordenone · creato il 06/11/2013 16:22 · ultima modifica 06/11/2013 17:03 · vista 1386 volte · LAVORO · FRIULI VENEZIA GIULIA


Ieri(ndr 28 ottobre) a Mestre la Direzione Electrolux ha presentato al Coordinamento sindacale un piano per gli stabilimenti italiani inaccettabile per i lavoratori e per il sindacato, un piano che prevede la messa in discussione degli stabilimenti del Gruppo, da oggi messi sotto investigazione dalla multinazionale svedese.
L'investigazione, che Electrolux intende svolgere entro aprile 2014, è finalizzata a verificare la sostenibilità delle produzioni che si realizzano in Italia, ad esplorare "tutte" le vie percorribili per consolidare i fattori di competitività e le azioni necessarie per una maggiore profittabilità; in modo esplicito la Direzione aziendale ha spiegato che questo può significare il mantenimento, il ridimensionamento o la chiusura degli stabilimenti.
In questo quadro le produzioni italiane sono messe in discussione e il rischio di scelte drastiche è concreto in primo luogo per lo stabilimento di Porcia (PN), dove si producono lavatrici e dove lavorano 1160 addetti, lo stabilimento di Susegana (TV) dove si producono frigoriferi ad incasso con 1033 addetti, e lo stabilimento di Solaro (MI) dove si producono lavastoviglie con 912 addetti mentre lo stabilimento di Forlì con le produzioni dei forni e dei piani cottura oggi sembra meno esposto alle scelte di disimpegno della multinazionale svedese in Italia.
Electrolux ha deciso infatti di avviare una analisi per singola linea di prodotto dichiarando da subito che le produzioni italiane di Electrolux, in particolare le produzioni di lavatrici, frigoriferi e lavastoviglie, non sono competitive con le stesse produzioni che l'azienda realizza nei paesi dell'Europa dell'est.

Nello stesso tempo Electrolux ha comunicato la decisione di attivare da subito:
• la riduzione di personale impiegatizio che interessa 200 impiegati in Italia sui mille impiegati
che Electrolux vuole licenziare in Europa; una riduzione lineare che interessa l'insieme delle
funzioni di Staff (ricerca e sviluppo, centri tecnologici, IT, struttura commerciale);
• il trasferimento della produzione di 225mila lavastoviglie da 45 cm attualmente prodotte
nello stabilimento di Solaro;
• il trasferimento di ulteriori 82mila lavatrici della categoria Prometeo, realizzando così il
trasferimento completo nella fabbrica di Olawa, in Polonia, della produzione Prometeo oggi
prevalentemente venduta in Italia e con il mercato che vede, in questa fascia, un aumento
dei volumi;
• la realizzazione in Ungheria, con l'avvio immediato della industrializzazione, della nuova
piattaforma del frigorifero ad incasso di nuova generazione "Cairo 3", la cui famiglia è oggi
prodotta a Susegana.

Queste decisioni significano un impatto negativo a regime sull'occupazione di 75 unità a Solaro, 46 unità a Porcia , 140 unità a Susegana e 200 unità tra gli impiegati della struttura e la messa in discussione di tutti gli stabilimenti.
In totale l'impatto complessivo delle decisioni annunciate sulle fabbriche e nel settore impiegatizio rischia di produrre da subito 461 esuberi in Electrolux nel nostro paese in aggiunta ai 1200 esuberi (oggi 1100 per effetto delle dimissioni incentivate) affrontati con il ricorso alla solidarietá nell'accordo del 22 Marzo 2013 e di provocare a cascata la perdita di migliaia di posti di lavoro nell' indotto; nello stesso tempo le investigazioni mettono a rischio complessivamente gli stabilimenti italiani e manifestano la volontà di un progressivo disimpegno della multinazionale svedese dall'Italia.

Per queste ragioni il Coordinamento sindacale della Electrolux non accetta il piano proposto da Electrolux e:
• proclama 16 ore di sciopero con la massima articolazione in tutti gli stabilimenti del Gruppo,
da effettuarsi entro venerdì 8 novembre 2013,
• richiede il coinvolgimento in tutti i territori delle prefetture, dei presidenti di regione e delle
istituzioni locali per illustrare la gravissima situazione che le decisioni di Electrolux
determinano sul tessuto sociale nei territori e a livello nazionale,
• richiede un intervento diretto e tempestivo della Presidenza del Consiglio sulla
multinazionale svedese per ottenere la modifica delle decisioni prese e la garanzia per gli
stabilimenti e le produzioni italiane di Electrolux.

Il Coordinamento sindacale è riconvocato il prossimo 11 novembre 2013 per valutare lo stato della vertenza e ulteriori iniziative di mobilitazione anche in vista della prossima convocazione del CAE Electrolux prevista per il 12, 13 e 14 novembre 2013.

                                                                                                                                                           
                                                                                                                                            Fim, Fiom, Uilm Nazionali




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011