Immagine di profilo di GAP Pordenone
Altre Notizie dell'utente


Grecia: il governo vuole rinchiudere i cittadini insolventi
di Marco Santopadre - Contropiano. Il governo ellenico vuole assolutamente riempire le casse dello Stato. Una recente legge permette di rinchiudere i cittadini che devono al fisco più di 5000...



Terremoto in Emilia: la solidarietà continua
Il GAP di Pordenone ha deciso di organizzare, in solidarietà alle zone colpite dal terremoto in Emilia, la distribuzione del Parmigiano Reggiano di un caseificio di Modena duramente colpito...



Domenica 10 febbraio pranzo di autofinanziamento!
Ed eccoci alla seconda distribuzione del GAP: la prima è andata bene, sono state distribuite una trentina di cassette di verdura, 15 kg di formaggio e sono stati esauriti vini e succo di...



Comunicato unitario dei sindacati metalmeccanici sulla questione Electrolux
Ieri(ndr 28 ottobre) a Mestre la Direzione Electrolux ha presentato al Coordinamento sindacale un piano per gli stabilimenti italiani inaccettabile per i lavoratori e per il sindacato, un piano che...



Einstein contro Draghi
di Vladimiro GiacchéAlbert Einstein amava dire che "Follia e' fare la stessa cosa e attendersi risultati diversi".E' improbabile che Mario Draghi conosca questo detto di Einstein. Oggi...



Siamo tornati!
Dopo la breve pausa della scorsa settimana il GAP ritorna con la sua attività di distribuzione come sempre il sabato mattina alla Casa del Popolo; abbiamo anche aggiornato la lista aggiungendo...



Gli otto punti del Pd sono inadeguati ad affrontare la crisi europea
di Alfonso Gianni “Il Governo italiano si fa protagonista attivo di una correzione delle politiche europee di stabilità”: questo è l’incipit degli otto punti che...



Il colpo di Stato di banche e governi
di Luciano Gallino (Micromega.it)I governi europei hanno risposto alla crisi in due modi: camuffandone le cause (attribuite all'eccessivo debito degli Stati anziché ad un sistema bancario...



Affollatissima conferenza con A. Kersevan
Almeno 150 persone, molte costrette a stare in piedi, sono intervenute alla prima iniziativa del Coordinamento Antifascista Pordenonese (sabato 23 marzo), nato un mese fa sulla necessità di...



OSPEDALE NUOVO DI PORDENONE: Diciamo no alla finanza di progetto!
Di GAP Pordenone · creato il 14/03/2013 20:39 · ultima modifica 14/03/2013 22:23 · vista 1263 volte · ALTRO · FRIULI VENEZIA GIULIA


Le ragioni dell'opposizione alla costruzione di un nuovo ospedale da realizzarsi in Comina non sono di carattere esclusivamente locale. Il fatto che la raccolta firme per la richiesta di un Referendum consultivo abbia avuto un risultato così importante denota la presenza di una forte sensibilità popolare sul tema della gestione e del futuro della sanità pubblica sull'intero territorio nazionale. Le persone parlano tra loro, si informano, ponderano le varie alternative e infine si esprimono esercitando un loro diritto – espressione che non dovrebbe essere presa per mero esercizio ginnico di “partecipazione”, ma come volontà ultima a cui il potere politico non può non sottostare. Ci sono molte esperienze seminate sull'intero territorio nazionale che, ormai da diversi anni, avrebbero dovuto istruire le amministrazioni pubbliche sulla necessità di non riprodurre un modello sotto tutti gli aspetti negativo. Molti sono ormai i comitati nati per difendere zone verdi minacciate da cementificazioni senza senso imposte dalle giunte comunali o regionali, molte sono le petizioni contro il ricorso a strumenti quali il Project Financing (finanza di progetto) per finanziare la realizzazione di strutture o infrastrutture a tutto vantaggio di grossi gruppi privati, molte sono le richieste ragionevoli avanzate da questi comitati per la realizzazione di ristrutturazioni (ambientalmente e finanziariamente compatibili) in luogo di costruzioni ex-novo con lunghi tempi di realizzazione ed altissimi costi; tuttavia, nonostante queste osservazioni e proposte siano espressione della maggioranza della popolazione coinvolta, non vengono minimamente prese in considerazione dagli amministratori locali così come, nel momento in cui si oppongono a progetti di rilevanza nazionale (Tav, Dal Molin, ecc.), dai governi
stessi.
La cosa migliore da fare, quando ci si trova di fronte ad una scelta che appare del tutto irrazionale, è quella di cercare la razionalità di fondo che – accade molto spesso in politica – in ultima istanza è una ricerca degli interessi sottostanti di gruppi di potere. Allora è necessario chiedersi: cos'è la Finanza di progetto e a cosa/chi ci opponiamo quando protestiamo contro l'utilizzo di questo dispositivo nella realizzazione di un opera strutturale o infrastrutturale?
Il Project financing è volto ad incentivare l'intervento del capitale privato nel finanziamento di un progetto affidando poi ad un gruppo (privato) la realizzazione dell'opera e prevedendo che il corrispettivo per la società di progetto consista nel diritto alla gestione del servizio, quindi allo “sfruttamento” dell'opera realizzata, per un periodo di tempo sufficiente a remunerare il capitale investito. Questo strumento finanziario utilizzato nella realizzazione di opere di interesse pubblico vanta un'esperienza di ormai quasi 10 anni, in cui è stato perfezionato attraverso l'istituzione di meccanismi di copertura e ammortizzazione degli investimenti tali da avergli permesso un'ampia diffusione. A muovere i primi passi in questa direzione sono stati senza dubbio i governi tecnici degli anni '90, attraverso la privatizzazione del sistema bancario italiano e la promozione dell'iniziativa privata (tramite le fondazioni) nel finanziamento di opere di interesse pubblico nei più disparati settori: infrastrutture, sanità, scuola e cultura, politiche sociali, ecc. Ma il governo che più di tutti si è speso per la riuscita di questa evoluzione è il Governo Berlusconi del 2001, che con la legge 166/2002 all'art.7 inserisce “la realizzazione di lavori pubblici o di pubblica utilità” fra i settori di intervento delle fondazioni. La vera e propria accelerazione la da il ministro Tremonti (dello stesso governo) nel 2003 con la privatizzazione della Cassa Depositi e Prestiti – trasformata in S.p.a. – facendo partecipare le fondazioni bancarie vendendo loro il 30% del capitale della nuova società sotto forma di azioni privilegiate, convertibili entro il 2010 in azioni ordinarie. La Cdp vanta una raccolta di circa 200 Miliardi di euro di deposito postale più circa 60 Miliardi di crediti allo Stato ed enti locali e ad un governo liberista non sfugge l'occasione di farne un'asse fondamentale nella “realizzazione di strutture ed infrastrutture di cui il paese ha bisogno” (F. Bassanini, presidente Cdp), il tutto al riparo dai vincoli europei sul deficit, dai quali la Cdp, in quanto azienda privata, è esclusa. Ecco quindi che, mentre i governi che si succedono tagliano la spesa pubblica con ripercussioni enormi sui lavoratori e sui servizi, aumenta sempre di più la pressione che le fondazioni (e quindi anche la Cdp, offrendo crediti a lungo termine) esercitano nei confronti delle banche affinché investano nella realizzazione di opere quali strade, poli logistici, snodi intermodali, strutture scolastiche o sanitarie, ecc., per le quali lo Stato ormai se n'è lavato le mani. Le banche e i gruppi privati (in primo luogo immobiliari), soddisfatti di aver portato a casa questo meraviglioso risultato, chiedono ulteriori garanzie ai loro investimenti: ottengono i Project bond (ossia il vecchio sistema di un debito apparentemente privato ma garantito dallo Stato), lo sconto fiscale per le grandi infrastrutture (chi investe per un valore di almeno 500 Milioni avrà diritto al credito d'imposta per il 50% del valore dell'opera, cioè pagherà meno tasse per 250 Milioni di euro), garanzie di copertura del debito da parte dello Stato qualora l'investimento non si riveli remunerativo al punto da permettere al privato di ripagare il debito con le banche, ecc. Chi presenta quindi i Project financing come un'opportunità per realizzare opere a costo zero per lo Stato sta mentendo spudoratamente! Oltre alle garanzie per i privati che abbiamo detto ci sono i meccanismi di privatizzazione dei servizi che si nascondono dietro la stipula dei contratti per la realizzazione dell'opera: il privato costruisce ed in seguito viene remunerato attraverso il versamento di un canone d'affitto annuo per circa 30 anni da parte dell'ente pubblico e gestisce determinati settori del servizio in questione (ad es. all'interno di un ospedale, parcheggi, mensa, bar e negozi, alcuni reparti molto remunerativi, ecc), ed il tutto porta nella direzione di un'enorme concentrazione di controllo e gestione dei servizi nelle mani di pochissimi ultra-milionari: quanti sono infatti quelli che dispongono di somme tali da poter realizzare opere di questa portata? In quanti si presenteranno ai bandi di gara (sempre che non vengano assegnati tramite trattativa privata, com'è avvenuto per il Tav) per prendere simili appalti? La corruzione politica sarà la prima conseguenza di questo sistema: c'è ben poco da meravigliarsi quando si viene a conoscenza dell'arresto per frode fiscale di Piergiorgio Baita, presidente della Mantovani, per aver lucrato su alcune opere in Project financing, tra cui l'ospedale di Mestre. I servizi pubblici si vedranno sempre più svuotati di risorse che finiranno nelle tasche dei finanziatori dei Project financing e delle lobby immobiliari che faranno grandi affari sventrando nuove aree verdi fuori dei centri delle città. Vedremo sempre più gruppi privati investire qualche centinaio di milioni per vederne rientrare il triplo, il quadruplo o anche più: l'investimento per la costruzione in project financing dell'ospedale Santorso di Vicenza è stato di 140 Milioni di euro e renderà 30 milioni all'anno per 24 anni per un totale di 720 Milioni di euro!! Il nuovo comune di Bologna realizzato in project financing è costato 70 Milioni di euro e renderà ai privati 9,5 Milioni l'anno per 28 anni per un totale di 266 Milioni!!Questi sono solo due esempi ma si potrebbe stilare una lunga lista. Così finiranno i soldi pubblici che verrebbero altrimenti spesi per garantire la continuità del servizio pubblico e il suo costante miglioramento ed adeguamento alle esigenze.
Questo è esattamente quello che la giunta regionale di centrodestra e il sindaco Pedrotti vorrebbero fare qui a Pordenone: un'operazione di 274 Milioni di Euro (iniziali) di cui 124 in Project financing, quindi di investimento privato. Si prevedono 3 modalità di remunerazione del capitale privato investito: la prima è il canone d'affitto che verrà versato dall'azienda sanitaria di circa 3 Milioni per 26 annualità (è importante
notare che verrebbero altrimenti investiti sul servizio sanitario); la seconda è la concessione di tutti i servizi di albergaggio (pulizia, lavanderia, rifiuti, mensa) al vincitore per tutta la rete ospedaliera provinciale e per la durata del versamento del canone d'affitto; la terza deriva dalla gestione di attività commerciali sul sito (bar, negozi, pubblicità,ecc.). 
Appare evidente che l'obiettivo è sacrificare la sanità provinciale – già in uno stato pietoso (con sedi dislocate, male attrezzate) e bisognosa quanto prima di lavori di manutenzione e ammodernamento – a vantaggio di lobby di costruttori e della finanza.
Chiediamo quindi che il comune di Pordenone rinunci a realizzare questa folle opera e si impegni a garantire il servizio sanitario pubblico ammodernando l'ospedale Santa Maria degli Angeli nel sito attuale.

COMITATO PER LA SALUTE PUBBLICA BENE COMUNE



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011