Immagine di profilo di Zag(c)
Altre Notizie dell'utente


La colpa è sempre di quello che c'era prima
E’ incredibile come tutti i mass media si siano accorti , in queste ultime settimane e tutti insieme , accoratamente, che in Italia esiste la disoccupazione più alta che nel resto dei...



I dati confermano
Com'è che dice il detto popolare? "Sbagliare è umano, perseverare è diabolico"  Questo nella presunzione che si stia sbagliando. se invece non è un errore, non ci si...



e se vincesse Berlusconi?
A leggere gli ultimi sondaggi, fatto dai vari istituti, sostanzialmente il distacco fra PDL-centro destra e PD-centro sinistra si aggira sui 6 punti con un PDL in crescita e un PD in calo. Siccome la...



A proposito di referendum sull'Euro
      Considerazioni dopo il seminario/convegno "UNIONE EUROPEA: crisi democratica e crisi economica" Che questa fosse una emerita sciocchezza ne avevo avuto sentore a...



Quel che ci raccontano e la realtà
Quel che ci raccontano e la realtà Gli obbiettivi dei governi, di tutti i governi sono sempre stati libri dei sogni.Questa volta però è diverso. Quei sogni nonci sono stati...



tasse e il territorio
La Lega e il Pdl trovano l’accordo promettendo solennemente di trattenere presso le Regioni del Nord il 75 per cento dei tributi erariali del territorio.Questo è una enorme str....ta. Ma...



Incagliata la nave Letta appena uscita dal porto.
    Stupisce lo stupore con cui è stata accolta dai mass media e dai "commentatori" embedded l'ovvietà dell'indecisione o meglio della mancanza di coesione di intenti...



Ma il grillismo fu vera gloria?
    A quasi due mesi dalle elezioni, il quadro istituzionale è più chiaro, credo, e quindi è tempo di alcune considerazioni, che prima non si potevano fare. Da...



Gestione del dissenso sociale. Importante il controllo mediatico
Verso la fine della ridicola campagna elettorale ci si affila le armi per riconquistare gli assetti di gestione del potere mediatico e di controllo del dissenso ( chi governerà il paese,...



leggendo i dati Bankitalia
Di Zag(c) · creato il 09/06/2013 12:41 · vista 1390 volte · POLITICA · ITALIA


 

 

Dallo studio di Bankintalia si legge che:

Hanno perso quota le retribuzioni reali in tutti i comparti ma nell'industria in senso stretto il calo è stato più contenuto con appena 240 euro persi in media (da 28.619 a 26.379 con quasi l'1% in meno) mentre in agricoltura si sono persi oltre 400 euro (da 14.402 a 13.984) e nei servizi oltre 600 (ma nel comparto sono considerati anche i salari dei dipendenti pubblici). Le retribuzioni reali scendono in media per unità anche nella sanità e assistenza sociale (da 28.141 a 27.138), nel commercio (da 23.358 a 23.014) e nei servizi di alloggio e ristorazione (da 19.942 a 19.525). Fanalino di coda per le retribuzioni sono sempre le attività di famiglie e convivenze (nel quale sono i servizi domestici) passati a 13.320 euro a 13.086. 
In sostanza i salari e stipendi sono calati  nel 2012 dell'1,9 % in termini reali. Che la povertà avanza e tutto in un sol senso , ormai nessuno più può dubitare ( solo la Zanicchi dice che l'Italia è ancora un paese ricco. Dipende chiaramente dalla gente che si frequenta) Ed è appunto questo il nocciolo  della questione.
Uno spirito agnostico e pragmatico e fatalista potrebbe anche dire: La crisi economica è mondiale , ci è capitata fra capo e collo, dobbiamo soffrire tutti e sperare che questo sacrificio possa farci risalire la china. Questa è in sostanza il refrain che ci viene propinato da mane a sera e dai mainstream quotidianamente. Tant'è che ormai è diventata il pensiero unico. A parte qualche blog eversivo e qualche economista nascosto in qualche anfratto di qualche università seminascosta e sconosciuta tutti ci ripetono la stessa solfa. E ci crediamo ormai!

Poi arrivano questi dati che ci passano davanti con non chalance. Son numeri e con la metematica non sono mai andato d'accordo e smettiamo di leggere. E anche chi si sofferma non fa altro  che portato a  pensare che questi sono a conferma di quanto detto avanti. E' la crisi che avanza! Ed è talmente grave , più grave di quella del '29, E' come il terremoto del Belice.

Ma se confrontiamo questi dati con quelli delle entrate tributarie delle rendite finanziaria . E si parla in termini relativi e sopratutto in un'area che è risaputo quanto alta sia l'evasione, e l'elusione fiscale. In ogni caso si nota che nell’area delle entrate di carattere finanziario, hanno chiuso il 2012 in positivo le rendite finanziarie aumentata complessivamente del 46,8% (3,5 miliardi in più), l’imposta sostitutiva su ritenute, interessi e altri redditi di capitale (3,1 miliardi di euro, pari a +52,2%), le ritenute su interessi e premi corrisposti da istituti di credito (circa 2 miliardi, +285,9%), l’imposta sostitutiva su interessi e premi su obbligazioni e titoli similari (641 milioni pari a +14,5%).

Da questi dati , per via indiretta ( se aumenta le entrate tributarie significa che sono aumentati in termini percentuali gli imponibili e per difetto sempre per quel che si diceva prima.
Quindi da un lato la perdita secca di salari e stipendi, cioè lavoro dipendente, dall'altra aumento delle rendite finanziarie .Allora la domanda è conseguenziale. Ma per chi è la crisi? Chi la sta pagando la crisi?  Chi ci rimette e chi ci guadagna da questa crisi?
L'Italia ricca, per dirla alla Zanicchi, dove sta?



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011