Immagine di profilo di Zag(c)
Altre Notizie dell'utente


Eccone n'altra! Il fiscal cliff
In rialzo lo spread, Nervose le Borse, Milano perde , zavorrate da Telecom. e Mediolanum, Autogrill. Sapete qual'è la spiegazione dei mass media finanziari?Il fiscal cliff!Ma come non sapete...



Le esternazioni di Napolitano e il rifinanziamento delle missioni di guerra
    Si può dire "puntuale come una cambiale in scadenza" E appunto di una cambiale si tratta. L'esternazione di Napolitano che ha colto l'occasione del 152esimo anniversario...



dove ci stanno portando
dove ci stanno portando Ho letto il post sul blog di Grillo in cui ribadisce la sua volontà di eliminare per decreto i sindacati e auspica, ma questa volta senza decreto, che le fabbricano...



I nemici dei miei nemici sono miei amici.
Ecco il passaggio mentale che attira molti degli "sbadati" , dei "confusi" dei italioti elettori votanti. In questo Grillo rappresenta, e si costruisce il personaggio ad hoc. Le sue battute, i suoi...



attenti al Memorandum
L'han chiamato così il discorso che terrà Monti a fine legislatura. Sarà , dice qualcuno, il suo testamento e al pari della lettera Draghi- Trichet l'agenda per il nuovo governo...



I dati confermano
Com'è che dice il detto popolare? "Sbagliare è umano, perseverare è diabolico"  Questo nella presunzione che si stia sbagliando. se invece non è un errore, non ci si...



Libertà per i prigionieri politici
Roma, ore 17 Piazza del Colosseo. (video) Lo so non saranno in molti, anche se le sigle di organizzazioni aderenti sono molte, ma i militanti e manifestanti pochi. Si stendono i veli , le bandiere,...



sul decreto di commissariamento ILVA
    Per gente abituata a vedere dietro le apparenze , il decreto per il commissariamento dell'ILVA è un libro aperto! E anticipo le conclusioni del mio ragionamento. Il Governo...



Sit In "tanto pé campà"
Anche nel pomeriggio qualche decina di contestatori era davanti a Montecitorio. Grillini, ma anche militanti di Sel, e gente incazzata comunque. Tifavano per Rodotà e ritmavano il suo nome....



Gestione del dissenso sociale. Importante il controllo mediatico
Di Zag(c) · creato il 19/02/2013 16:40 · vista 1142 volte · POLITICA · ITALIA


Verso la fine della ridicola campagna elettorale ci si affila le armi per riconquistare gli assetti di gestione del potere mediatico e di controllo del dissenso ( chi governerà il paese, avrà questo come compito primario. Eseguire le agende della Troika e gestire il dissenso sociale) . E quindi si è cominciato col Della Valle che è partito all'attacco di LA7. Azienda in difficoltà economica, che bene o male ha gestito l'intrattenimento mediatico avendo sempre come obbiettivo l'informazione come merce, e Santoro ne è un classico esempio. Da questi studi qualche flebile voce discordante rispetto al main stream l'abbiam sentita. Oggi si pone il problema( da parte dei prossimi governanti) di avere una voce che faccia da contraltare a Mediaset /Berlusconi e svolgere contemporaneamente il compito di dissuasione del dissenso sociale. La Rai è fuori gioco, nel senso che è istituzionalmente ed ha nel suo statuto e per definizione questo compito.

Ma all'offerta di Della Valle si è avuto la contro-offerta di Urbano Cairo. Nel frattempo vi è stata la festa degli speculatori e la rincorsa del parco dei buoi borsistico , con alti e bassi che hanno visto fortune passare di mano. Ma questa è nelle regole del (loro) gioco . Subito levata di scudi da parte di politici di interesse contrapposti. Bersani e Berlusconi.

Della Valle tutti lo conosciamo. Vicino alle posizioni dei "democrat" avversario di Berlusconi fin dall'inizio. Le sue comparsate nel recinto della politica sono note. L'ultima a mio ricordo, la sua andata da Santoro a sostenere la causa delle primarie di area "democrat". Le uniche per la verità.
Ma chi è Urbano Cairo?
Recentemente Cairo ha ricordato di essere stato «licenziato» da Berlusconi nel 1995 (nella videochat al Corriere il Cavaliere ha parlato invece di una scelta autonoma di Cairo desideroso di diventare imprenditore in proprio) In realtà a confermare la sua vicinanza se non l'appartenenza all'area di influenza berlusconiana vi sono il ruolo di assistente di Silvio Berlusconi presso il gruppo Fininvest, il ruolo di direttore commerciale e vice direttore generale presso Publitalia '80, il ruolo di amministratore delegato, dal 1991 al 1995, presso Arnoldo Mondadori Editore pubblicità. Nel dicembre 1995 Urbano Cairo fonda Cairo Pubblicità e oltre a contratti con RCS le sue maggiori fortune le ha , guarda caso, con il gruppo Mondadori/Mediaset
Come andrà a finire?
Beh indubbiamente i partiti giocheranno un ruolo fondamentale in questa partita e se non interverrano le preposte autority ( in culo la legge per l'editoria) ci si metterà d'accordo. Fifty/fifty. Ad un patto di non belligeranza partitica e di politica editoriale dettata da esigenze politiche , ma con un occhio particolare agli aspetti economici ed affaristici. E questo indipendentemente di chi alla fine risulterà il vincitore della cordata. Queste incursioni Della Valle/ Cairo è stato solo un mostrar le armi , un digrignar dei denti , uno scaldarsi i muscoli.
Ne riparleremo tra un pò




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011