Immagine di profilo di Zag(c)
Altre Notizie dell'utente


Taranto. Tanto per non parlar a vanvera
Quando si parla di Taranto, lo so , lo noto, si pensa , si una città inquinata come tante. Durante il dibattito in parlamento per l'approvazione del decreto che stanziava fondi per il...



A proposito di referendum sull'Euro
      Considerazioni dopo il seminario/convegno "UNIONE EUROPEA: crisi democratica e crisi economica" Che questa fosse una emerita sciocchezza ne avevo avuto sentore a...



Le esternazioni di Napolitano e il rifinanziamento delle missioni di guerra
    Si può dire "puntuale come una cambiale in scadenza" E appunto di una cambiale si tratta. L'esternazione di Napolitano che ha colto l'occasione del 152esimo anniversario...



L'aumento della disoccupazione non sono un fallimento del governo Monti.
  Cosi la Fornero ed ha ragione! Gli obbiettivi e i compiti che il governo passato, quello da poco dimissionato e quello che verrà, sono proprio quelli che , specialmente il primo...



tasse e il territorio
La Lega e il Pdl trovano l’accordo promettendo solennemente di trattenere presso le Regioni del Nord il 75 per cento dei tributi erariali del territorio.Questo è una enorme str....ta. Ma...



Altri tempi, altra storia
Oggi è morto Ugo Veteri. Per i giovani questo nome non dice molto, anzi quasi niente. Per gli anziani, o da rottamare ( avanti con gli anni , mi ripete mia moglie, devi... dire... avanti......



Occupiamo, occupiamo!
Mentre i movimenti sociali occupano le case e gli edifici abbandonati il "movimento 5 Stelle "minaccia" di occupare il Senato. Due modi di concepire l'occupazione di suolo e di proprietà...



Bisogno di denaro fresco 'ndo cojo cojo.
Non importa come, non importa a che titolo l'importante che il suddito paghi! Sembra , sempre più, il motto dei governi succedutesi e che verranno. Interrompere il rapporto con un dipendente...



sul decreto di commissariamento ILVA
    Per gente abituata a vedere dietro le apparenze , il decreto per il commissariamento dell'ILVA è un libro aperto! E anticipo le conclusioni del mio ragionamento. Il Governo...



La Fiat taglia 1.500 posti in Polonia
Di Zag(c) · creato il 09/12/2012 15:32 · vista 1190 volte · POLITICA · ITALIA



Ma non ci avevano "narrato" che la Fiat perdeva perché a Pomigliano i lavoratori italiani erano sfaticati? Che il sindacato FIOM era antiproduttivistico? Che in Italia era il contratto nazionale a tagliare le gambe ai produttori? Che era l'art 18 che frenava la crescita? Che maggiore "flessibilità" ( precarietà) e meno rigidità del mercato del lavoro avrebbe incentivato la crescita? Che la Polonia e la Serbia , erano, loro si, le isole felici?
Bene un altro mito viene sfatato dalle cifre inesorabili ( a leggerle)

La Fiat taglia 1.500 posti in Polonia, pari a quasi un terzo della forza lavoro della compagnia automobilistica nel paese.
Il mercato europeo, dopo il picco di 16 milioni nel 2007, è in costante discesa, anno dopo anno, e le previsioni per il 2012 sono di un ulteriore calo tra i 12,5 e i 12,8 milioni. Proprio il segmento A, al quale appartengono le vetture prodotte a Tychy, è quello che più ne ha risentito. Anche il mercato polacco evidenzia una flessione di oltre il 20% rispetto al 2008 con conseguenti riflessi negativi sulla vendita di vetture Fiat.

Ma allora è il mercato e la riduzione dei consumi, effetto delle politiche di recessione in tutta Europa, alla base della crisi dell'auto ( e non solo) o sono le esuberanze dei lavoratori e della Fiat Italia in particolare? E se questo è il quadro come si intende procedere ( e la domanda pleonastica verso il PD)?, ancora con una politica recessiva in cui è al centro l'ossimoro fra debito e crescita o si vuole dare una svolta con una botta di coraggio e prender atto dei dati macroeconomici che tutti evidenziano, seppur a bassa voce? (vedi il rapporto IStat, il Censis e persino OCSE)

Ma insomma è una questione di caparbietà ottusa o che? E' tanto difficile da capire che solo politiche salariali espansive, in primis da imporre alla Germania, sono essenziali per sostenere la domanda, ridurre le iniquità sociali, riequilibrare gli squilibri nelle partite correnti. Questo implica chiedere che la BCE persegua un target di inflazione più elevato, assegnando agli effetti positivi della redistribuzione salariale su domanda e crescita maggiore importanza rispetto ai possibili effetti inflazionistici (peraltro di sollievo ai soggetti pubblici e privati indebitati). Che si debba agire soprattutto al rilancio di politiche macroeconomiche espansive; con una banca centrale “tollerante”. Un aumento dei salari reali non potrà che seguire una ripresa dell’occupazione.
Ma la nostra politica è tutta concentrata sulla botta di democrazia delle primarie, del botto delle Parlamentarie del grillismo, e sulle prossime elezioni . Berlusconi si , Berlusconi no.




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011