Immagine di profilo di Nicolò Martinelli
Altre Notizie dell'utente


Neoinsegnanti tra percorsi ad ostacoli e guerre tra poveri. Una proposta per una ricomposizione delle lotte nell’era della pessima scuola.
Già l’anno scorso denunciavamo una insostenibile situazione di stallo che gli aspiranti insegnantistavano vivendo, con l’intendimento del governo di trovare una soluzione con...



Licei Brevi: E’ ora di cambiare rotta. Con urgenza
Apprendiamo con ferma contrarietà ma senza sorpresa la notizia della firma, da parte del Ministro dell’Istruzione, del decreto che dà l’avvio alla sperimentazione dei licei...



Vedi Napoli e poi muori! Della ragione populista tradotta in Italia
Ancora una volta le elezioni non fanno che confermare un’immagine che l’Italia ci restituisce tutti i giorni: un paese profondamente frustrato che, nella sostanza, indirizza il forte...



Insegnanti nostalgici di Salò? No grazie!
173: questo è il numero delle vittime della strage di Vinca, per lo più donne, anziani e bambini, trucidate il 24 agosto 1944 dalla 16 SS-Panzergrenadier-Division...



La base che ribalta il vertice. Verso i G7 di Torino, Bergamo e Milano
Il solito teatrino del potere di capi di stato e di governo dei paesi più industrializzati del mondo, rinchiusi in simposi blindati ed esclusivi per disquisire, in pochi intimi, delle...



Giovani Comunisti/e: “Nel Donbass tra solidarietà internazionalista e repressione neoliberista!”
Rilanciamo la solidarietà internazionalista e antifascista in sostegno del popolo dell’ Donbass conro vecchi e nuovi Nazifascismi Giovani Comunisti/e e Rifondazione Comunista con...



La nostra costituzione contro il G7 e il lavoro premio di Carpisa.
Ne è passata di acqua sotto ai ponti dall’ormai dimenticato 4 dicembre. Una vittoria, costituita dalla difesa della modifica della Costituzione, a questo punto, solo formale, oggi...



Libertà di dissenso, libertà per i manifestanti di Amburgo!
A venti giorni dal G20 restano in Germania le compagne e i compagni arrestati. Dopo essere stati trattenuti per ore senza documenti e senza un valido capo d’accusa, in 6 sono stati fermati e...



7 punti per un’istruzione laica!
I Giovani Comunisti/e di Milano avanzano queste proposte per liberare scuola ed educazione dai retaggi e dal controllo della Chiesa e di qualsiasi istituzione privata. Buona lettura!1) È...



Che fine hanno fatto le indennità di partecipazione dei tirocinanti al programma Garanzia Giovani?
Di Nicolò Martinelli · creato il 18/06/2016 10:42 · vista 1131 volte · LAVORO · PUGLIA


Che fine hanno fatto le indennità di partecipazione dei tirocinanti al programma Garanzia Giovani?

È la domanda che si stanno ponendo migliaia di giovani pugliesi che, da circa due settimane, controllano invano i bollettini ufficiali della Regione Puglia sperando di trovare il proprio nome nelle liste di chi deve ricevere il pagamento per il proprio tirocinio. Ma ancora niente!
Tantissimi ragazzi lavorano nelle imprese pugliesi (lo chiamano “tirocinio”, ma spesso è una vera e propria attività lavorativa), ai quali la Regione riconosce il rimborso spese di 900€ ogni bimestre; la lista che autorizza il pagamento viene pubblicata una volta a settimana e, se si è fortunati a rientrare negli aventi diritto, bisogna aspettare in media altre due settimane che l’INPS effettui materialmente il pagamento.
La Regione Puglia non riesce a gestire le pratiche di tutti i tirocinanti, ad esempio il primo bimestre è stato pagato per le richieste inviate fino al 15.04, mentre il secondo e terzo rispettivamente per richieste pervenute fino al 15.03 e 28.02!
E se si prova a chiamare la Regione? Al numero verde rispondono che “stanno lavorando”; di fatto, però, le segnalazioni fatte attraverso il portale vengono ignorate, gli enti di formazione e le agenzie interinali che hanno istituito le pratiche dei tirocini non hanno avuto nessuna comunicazione ufficiale se non quella di non attivare più tirocini.
Il problema è ormai presente da mesi e a novembre l’assessore Leo ha dichiarato che il ritardo è dovuto a questioni burocratiche ed ai controlli che vanno effettuati trattandosi di soldi pubblici, ma che gli uffici competenti avrebbero risolto le problematiche connesse all’erogazione delle indennità. Purtroppo la situazione sembra anche peggiorata, ed il programma che dovrebbe servire per la “lotta alla disoccupazione” non è altro che un’altra fonte di precarietà.
Il governo regionale non ha mosso un dito per risolvere la questione, gestendo di fatto in modo assolutamente inopportuno i fondi arrivati dall’UE: un piano di lotta alla disoccupazione dovrebbe servire a creare le condizioni per far si che le imprese possano assumere con un contratto “vero” i giovani disoccupati, mentre in Puglia quei soldi sono stati usati per creare dei tirocini malpagati e precarietà.
Le assunzioni? Nonostante le ingenti agevolazioni e sgravi fiscali, sono state un miraggio come si può constatare dai report di monitoraggio pubblicati dalla Regione stessa.
C’è da domandarsi a questo punto che senso ha Garanzia Giovani se non si riesce a garantire il regolare pagamento delle indennità. Il governo regionale ha una
grande responsabilità: la lotta alla disoccupazione non si può portare avanti permettendo alle imprese di sfruttare i giovani, spesso anche già qualificati e con esperienze lavorative alle spalle, a costo zero senza vincoli di nessun tipo e senza nessuna vera “garanzia” per tutti i ragazzi che cercano un lavoro.

Giovani Comunisti

Federazione di Taranto

 




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011