Immagine di profilo di Nicolò Martinelli
Altre Notizie dell'utente


Insegnanti nostalgici di Salò? No grazie!
173: questo è il numero delle vittime della strage di Vinca, per lo più donne, anziani e bambini, trucidate il 24 agosto 1944 dalla 16 SS-Panzergrenadier-Division...



Libertà di dissenso, libertà per i manifestanti di Amburgo!
A venti giorni dal G20 restano in Germania le compagne e i compagni arrestati. Dopo essere stati trattenuti per ore senza documenti e senza un valido capo d’accusa, in 6 sono stati fermati e...



La nostra costituzione contro il G7 e il lavoro premio di Carpisa.
Ne è passata di acqua sotto ai ponti dall’ormai dimenticato 4 dicembre. Una vittoria, costituita dalla difesa della modifica della Costituzione, a questo punto, solo formale, oggi...



Giovani Comunisti/e: “Nel Donbass tra solidarietà internazionalista e repressione neoliberista!”
Rilanciamo la solidarietà internazionalista e antifascista in sostegno del popolo dell’ Donbass conro vecchi e nuovi Nazifascismi Giovani Comunisti/e e Rifondazione Comunista con...



Licei Brevi: E’ ora di cambiare rotta. Con urgenza
Apprendiamo con ferma contrarietà ma senza sorpresa la notizia della firma, da parte del Ministro dell’Istruzione, del decreto che dà l’avvio alla sperimentazione dei licei...



Neoinsegnanti tra percorsi ad ostacoli e guerre tra poveri. Una proposta per una ricomposizione delle lotte nell’era della pessima scuola.
Già l’anno scorso denunciavamo una insostenibile situazione di stallo che gli aspiranti insegnantistavano vivendo, con l’intendimento del governo di trovare una soluzione con...



7 punti per un’istruzione laica!
I Giovani Comunisti/e di Milano avanzano queste proposte per liberare scuola ed educazione dai retaggi e dal controllo della Chiesa e di qualsiasi istituzione privata. Buona lettura!1) È...



Che fine hanno fatto le indennità di partecipazione dei tirocinanti al programma Garanzia Giovani?
Che fine hanno fatto le indennità di partecipazione dei tirocinanti al programma Garanzia Giovani? È la domanda che si stanno ponendo migliaia di giovani pugliesi che, da circa due...



Solidarietà agli studenti di Como!
Nella bigotta Como puoi finire sepolto da un soffitto crollato ma uno spinello ti può condannare alla bocciatura. Succede al liceo classico dove per aver fumato in bagno due studentesse...



La base che ribalta il vertice. Verso i G7 di Torino, Bergamo e Milano
Di Nicolò Martinelli · creato il 07/09/2017 10:42 · vista 368 volte · CONFLITTI · ITALIA


Il solito teatrino del potere di capi di stato e di governo dei paesi più industrializzati del mondo, rinchiusi in simposi blindati ed esclusivi per disquisire, in pochi intimi, delle decisioni che influenzano invece la vita dei molti, continua il suo tour in giro per l’ Italia.

I G7 dei ministri di Industria, Scienza e Tecnologia e Lavoro, dell’Agricoltura e della sanità che avranno sede a Torino, Bergamo e Milano nel prossimo Autunno non saranno altro che ennesime repliche di questo intollerabile spettacolo.

Lontani dal popolo, al sicuro nei loro salotti, per i potenti della terra sarà l’ennesima occasione per “spartirsi la torta”, continuare a rimarcare un divario sempre più accentuato tra ricchi e poveri che ha ridotto in miseria un numero sempre maggiore di persone del Terzo Mondo, costrette a sopravvivere con meno di un dollaro al giorno. Accordarsi sulle future scelte in ambito sociale, economico, industriale, scientifico e ambientale seguendo la logica neo liberista del massimo profitto, della privatizzazione e della liberalizzazione in barba alla salvaguardia dei diritti democratici, sociali e lavorativi, al progresso culturale, alla tutela dei territori. Il Fondo monetario internazionale e l’Organizzazione mondiale del commercio (WTO) sono colpevoli entrambi di avere imposto al mondo una dottrina economica univoca e ortodossa, il fondamentalismo del mercato, secondo cui il mercato è dotato di poteri di autoregolazione, a patto che l’economia sia affidata ai privati, il commercio non trovi ostacoli protezionistici e i capitali siano lasciati liberi di operare scelte d’investimento sulla base della logica loro propria, che è il profitto. Si è passati dal servire gli interessi economici globali al servire gli interessi della finanza globale!

Lo abbiamo sempre sostenuto, ma ribadirlo non guasta: alla politica dei pochi preferiamo la politica del popolo costruita dal popolo, la sola in grado di proporre percorsi alternativi a quella che ci viene posta dall’establishment come unica possibilità (unica possibilità al mantenimento dello status quo, al limite) perchè fondata sull’idea di una società più equa e più giusta. Noi non siamo disponibili a subire tutto ciò in silenzio. Contestiamo radicalmente i prossimi G7, di Torino, Milano e Bergamo e proponiamo percorsi alternativi e “possibili”, partendo dalla centralità delle lotte nella costruzione dei conflitti sociali.

Andrea Ferroni - Portavoce Nazionale Giovani Comunisti/e
Claudia Candeloro - Portavoce Nazionale Giovani Comunisti/e
Giulia Beliardo - Portavoce Provinciale Giovani Comunisti/e Torino
Marta Albergoni - Portavoce Provinciale Giovani Comunisti/e Bergamo




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011