Immagine di profilo di Nicolò Martinelli
Altre Notizie dell'utente


Neoinsegnanti tra percorsi ad ostacoli e guerre tra poveri. Una proposta per una ricomposizione delle lotte nell’era della pessima scuola.
Già l’anno scorso denunciavamo una insostenibile situazione di stallo che gli aspiranti insegnantistavano vivendo, con l’intendimento del governo di trovare una soluzione con...



7 punti per un’istruzione laica!
I Giovani Comunisti/e di Milano avanzano queste proposte per liberare scuola ed educazione dai retaggi e dal controllo della Chiesa e di qualsiasi istituzione privata. Buona lettura!1) È...



Che fine hanno fatto le indennità di partecipazione dei tirocinanti al programma Garanzia Giovani?
Che fine hanno fatto le indennità di partecipazione dei tirocinanti al programma Garanzia Giovani? È la domanda che si stanno ponendo migliaia di giovani pugliesi che, da circa due...



Solidarietà agli studenti di Como!
Nella bigotta Como puoi finire sepolto da un soffitto crollato ma uno spinello ti può condannare alla bocciatura. Succede al liceo classico dove per aver fumato in bagno due studentesse...



Vedi Napoli e poi muori! Della ragione populista tradotta in Italia
Ancora una volta le elezioni non fanno che confermare un’immagine che l’Italia ci restituisce tutti i giorni: un paese profondamente frustrato che, nella sostanza, indirizza il forte...



Insegnanti nostalgici di Salò? No grazie!
173: questo è il numero delle vittime della strage di Vinca, per lo più donne, anziani e bambini, trucidate il 24 agosto 1944 dalla 16 SS-Panzergrenadier-Division...



Libertà di dissenso, libertà per i manifestanti di Amburgo!
A venti giorni dal G20 restano in Germania le compagne e i compagni arrestati. Dopo essere stati trattenuti per ore senza documenti e senza un valido capo d’accusa, in 6 sono stati fermati e...



Giovani Comunisti/e: “Nel Donbass tra solidarietà internazionalista e repressione neoliberista!”
Rilanciamo la solidarietà internazionalista e antifascista in sostegno del popolo dell’ Donbass conro vecchi e nuovi Nazifascismi Giovani Comunisti/e e Rifondazione Comunista con...



La base che ribalta il vertice. Verso i G7 di Torino, Bergamo e Milano
Il solito teatrino del potere di capi di stato e di governo dei paesi più industrializzati del mondo, rinchiusi in simposi blindati ed esclusivi per disquisire, in pochi intimi, delle...



Licei Brevi: E’ ora di cambiare rotta. Con urgenza
Di Nicolò Martinelli · creato il 03/09/2017 13:06 · vista 381 volte · SCUOLA · ITALIA


Apprendiamo con ferma contrarietà ma senza sorpresa la notizia della firma, da parte del Ministro dell’Istruzione, del decreto che dà l’avvio alla sperimentazione dei licei in 4 anni, con le prime 100 scuole che hanno aderito e che potrebbe fare da apripista ad un modello esteso a tutti gli istituti secondari superiori.
Apprendiamo ciò senza sorpresa, si diceva, perché la misura è in perfetta continuità con le politiche squisitamente di destra portate avanti dal governo Renzi e dall’attuale, che ne è una fotocopia sbiadita nei toni ma ahinoì identica nei contenuti : il processo di riduzione degli spazi, dei tempi, del significato e delle prospettive della formazione scolastica nel nostro Paese continua, applicando i medesimi modelli neoliberisti (vedi laurea breve) che hanno portato l’Italia a sprofondare nella barbarie culturale, economica e valoriale che colpisce lo scenario sociale che quotidianamente vediamo e viviamo.
In un periodo di storico di aumento degli abbandoni scolastici, di fragilità del ruolo dell’istruzione,di definanziamento e di svuotamento progressivo della funzione di emancipazione della scuola, il governo pensa bene di ridurre di un anno la scuola secondaria, congestionando l’offerta didattica in 4 anni con un aumento delle ore annuali, introducendo per la supervisione non meglio precisati comitati scientifici e modificando i piani di offerta formativa.
Il tutto ovviamente senza sfiorare il tema cruciale : quello del rifinanziamento organico e strutturale al mondo dell’istruzione, dal punto di vista qualitativo della didattica e infrastrutturale, senza andare a ripensare il ruolo dei saperi ma anzi rilanciando sull’ambiguo tema della valutazione.
Apprendiamo quindi inevitabilmente con ferma contrarietà, continuando a rivendicare una scuola inclusiva, pubblica, gratuita ed attenta : attenta a non lasciare indietro nessuno, attenta e concentrata sul proprio ruolo – centrale – in una società sempre più priva di riferimenti e di modelli culturali.
Una scuola che non diventi semplice meccanismo asservito ad una logica esclusivamente valutativa ed “aziendalizzata”.
Una scuola che valorizzi territori, esperienze, differenze e che abbia gli strumenti e i bagagli per affrontare le sfide di questi decenni di impoverimento morale.
Una scuola che oggi non può permettersi di essere il laboratorio di misure che mirano ad un contingentamento dei tempi, sacrificati in nome di efficienza e profitto.
E’ ora di cambiare rotta.
Con urgenza

Filippo Vergassola – Responsabile Scuola e Università Giovani Comunisti/e




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011